Recensioni

Recensione: Fate come se non ci fossi, di Lavinia Brilli

Nessuno sa che ho un posto nella mente in cui fuggo quando mi sento sopraffatta dalla mia vita. In questo sogno io sono sola al mondo. Vivo lontana dai miei genitori, di cui ho scarse e sporadiche notizie, non sono mai stata sposata, non ho figli e se ho un’amica è sordomuta. Sono una povera, sola, felicissima zitella, di cui nessuno si ricorda e a cui soprattutto nessuno chiede mai niente. È il nirvana. 

Tutti contano su Elisa! Elisa lavora in ufficio, accudisce le figlie dalla a di aerosol alla z di zucca di Halloween, cura la casa perchè non somigli troppo alla caverna di Shrek e corre ogni cinque minuti a sventare i danni della mamma smemorata.
Totale: cinquanta ore di Elisa al giorno. Come le sfumature di grigio, ma meno divertenti.
D’altra parte, lei su chi può contare? Il marito durante una “pausa di riflessione” è sparito da tutti i radar, la sorella è troppo occupata a inseguire fantomatiche teorie del complotto e il padre, che nonostante l’età è ancora in gamba, preferisce dedicare le sue forze residue a corteggiare la badante.
Per fortuna esistono gli amici, ma a volte anche avere un’amica significa condividere problemi, magari sotto forma di un fidanzato bugiardo cronico e di una tirannica datrice di lavoro, come nel caso della cara, vecchia, onnipresente amica Carlotta.
Quando Elisa inizia a sognare la fuga in un luogo segreto lontano da tutti non immagina che uno scherzo del destino la obbligherà suo malgrado a realizzare proprio il suo sogno, allontanandola per un periodo dalla sua vita di tutti i giorni.
Sarà possibile per Elisa sganciarsi dai sensi di colpa e trovare un po’ di spazio per sé? Forse l’incontro con un uomo speciale può fare la differenza… Ma quando anche lui sembra inarrivabile, resta solo una risorsa a cui attingere senza risparmio: l’ironia.

Titolo: Fate come se non ci fossi.
Autrice: Lavinia Brilli.
Genere: Narrativa contemporanea.
Editore: Self-Publishing.
Prezzo: euro 0,99 (eBook).

Incroci su Facebook un’autrice che sta cercando una mano per realizzare delle card di promozione del suo nuovo libro. Siamo entrambe “vintage” ed entrambe allergiche al “già letto, già visto, già fatto”. Così eccoci a dover cercare le citazioni giuste per dare forza ad una storia che sta faticando a decollare tra i lettori, a differenza del suo primo romanzo che invece era stato un successo. Colpa della cover (coraggiosa e anticonformista, ma un fallimento dal punto di vista del marketing)? Colpa della sinossi (le casalinghe disperate fanno vendere solo se sono di New York)? Colpa di una impaginazione penalizzante (ammetto di non sopportare i – per i dialoghi, per me solo «»!)? Forse, ma se chiudete gli occhi e dimenticate quella poveretta abbarbicata ai panni da stirare vi assicuro che troverete una storia che merita assolutamente di essere letta (e non solo per trovare le citazioni migliori!).

FATE COME SE NON CI FOSSI di Lavinia Brilli non è un romance  anche se ha un lieto fine, non è un chick-lit spigliato e pungente, non è tante altre cose “già lette, già viste, già fatte”… e meno male! La storia di Elisa sembra una candid camera della vita di molte di noi, in perenne corsa tra casa, lavoro, famiglia, casini, delusioni, crisi, tradimenti e sensi di colpa. Eppure, nonostante questi presupposti, la scrittura di Lavinia ha uno stile così fluido e pulito che riesce a farci assorbire l’inadeguatezza della situazione senza mai calcare la mano sulla facile tragedia di cui spesso sono piene alcune storie. Per quasi metà del romanzo sei lì che fumi rabbia dalle orecchie e vorresti prendere Elisa e scrollarla fino a farle dire almeno una volta “Caxxo adesso basta!”, ma poi pian piano, con quella naturalezza che rende tutta la storia così vera e vicina, anche Elisa trova il suo spazio, il suo ritmo, trova il posto che le spetta. Che con l’aiuto di chi le vuole bene davvero era lì ad aspettarla (se solo si fosse decisa a riappropriarsene).

Possiamo essere Elisa o anche Carlotta, o averle tra le nostre amiche, o forse le incontreremo prima o poi nella nostra vita… di sicuro sapremo riconoscerle immediatamente dopo aver letto di loro nelle pagine di Lavinia.

P. S. La cover la stiamo cambiando… in fondo basta trovare il coraggio e fare come ha fatto Elisa, no?

4,5 stelle

Copia fornita dall’Autrice.

Post precedente

News: Rotta verso l'amore, di Ilaria Carioti

Post successivo

Recensione: True Colors, di Thea Harrison

Dalida Lorenzi

Dalida Lorenzi

Nell'attesa di arrivare viva a festeggiare quota 100, trascorro il mio tempo davanti ad uno schermo, che sia quello del pc (da Impiegata per necessità e da Grafica per hobby), della tv o del reader.
Cambierei volentieri il fiumiciattolo dietro casa con il Tamigi, ma devo accontentarmi di sublimare la mia passione per tutto quello che è british con l'aiuto di santa-subito BBC e consorelle.
Un sogno nel cassetto? Uscire dal cassetto!

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *