Recensioni

Recensione: Animali come noi, di Monica Pais

Ci sono passioni a cui non ci si può sottrarre e Monica, che sin da bambina è una calamita vivente per gli animali in difficoltà di ogni tipo, dai pipistrelli, ai cani, ai passerotti, se ne accorge presto. Finché un giorno, ormai adulta, incontra un paziente speciale. Sul tavolo operatorio della clinica veterinaria che dirige a Oristano insieme al marito arriva una piccola randagia malridotta. È una pitbull ma è quasi irriconoscibile: a causa di un laccio di nylon troppo stretto attorno al collo, la testa le si è gonfiata a dismisura, dandole l’aspetto grottesco di un cartone animato. Negli anni Monica ha curato centinaia di «rottami», come lei stessa li definisce: animali abbandonati, maltrattati, torturati. Eppure non ha mai visto niente di simile. Per esorcizzare la violenza di cui la cagnetta è stata vittima la battezza Palla, la opera e decide di condividere la sua storia con quante più persone possibile. Affida il racconto alla pagina Facebook della clinica e, mentre Palla guarisce e diventa la sua ombra inseparabile, il numero di persone che seguono la loro storia cresce innescando una valanga di solidarietà. Monica decide di intitolare al suo cane una onlus e inizia così – o meglio, continua – una incredibile avventura in difesa di tutte le creature, grandi e piccole. Queste pagine raccontano la storia vera di Monica e dei suoi «rottami»: cani, gatti, volpi, ricci, daini, perfino fenicotteri e tartarughe marine. Gli animali come noi.

Titolo: Animali come noi.
Autrice: Monica Pais (Clinica Veterinaria DueMari).
Illustratore: P. D’Altan.
Genere: racconti contemporanei.
Editore: Longanesi.
Prezzo: euro 9,99 (eBook); euro 14,36 (copertina rigida).

Uno degli articoli più letti del Blog è la presentazione della Clinica veterinaria Duemari e dello splendido lavoro che il personale della stessa compie per la salvezza dei “rottami”, animali feriti (spesso dalla crudeltà dell’uomo) che trovano rifugio nella struttura e poi adozione grazie alla onlus “Effetto Palla”, dal nome del “rottame” più famoso (leggi “Un rottame da amare“).

Monica Pais che, insieme al marito, gestisce la clinica, ha salvato e curato animali fin da bambina. In questi racconti ci fa conoscere la sua passione e alcuni dei “rottami” salvati nel corso degli anni. Ci parla di vittorie e di sconfitte, perché non sempre la perizia dei veterinari riesce a restituire la salute a quelle bestiole che vengono loro affidate. Anche le sconfitte, però, costituiscono uno stimolo potente per continuare in questa opera meritoria. Che non si ferma con la restituzione dei “rottami” a una condizione di vita decente, ma si occupa anche dell’adozione di queste creature, grazie a una rete di volontari che copre l’intero Paese.

Ho conosciuto Monica Pais e la Clinica Duemari attraverso Facebook. Ero incuriosita da questa donna che raccontava la vita di tutti i giorni di una struttura veterinaria con una penna felice. Tanto che subito ho pensato “Questa qui dovrebbe scrivere!”. E così è stato. Uscito da pochi giorni, il libro “Animali come noi”, edito da Longanesi, sta scalando le classifiche, accolto con favore da chi ama gli animali e la bella scrittura (spesso le due cose vanno insieme, chiedetevi perché).

Ho apprezzato che Palla e la Onlus costituiscano solo un racconto come gli altri, segno che la passione di Monica Pais e di tutto lo Staff della Clinica è rivolta veramente a tutti gli animali, con un angolo del cuore riservato a “quelli di nessuno” che, invariabilmente, trovano una famiglia che li accoglie.

Un libro piacevole che rasserena i nostri animi. E non ditemi che non ne abbiamo bisogno, con quest’aria che tira!

Post precedente

SelfHelp - Come prendere un'idea al volo, come usarla, come revisionare (parte seconda)

Post successivo

News: Che fine ha fatto Sandra Poggi?, di Davide Pappalardo

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da qualche anno, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *