FIANELLO, frazione di Montebuono in provincia di Rieti, è un piccolo borgo alto medievale, scrigno di storia, arte e leggende, dove si sono succeduti gli antichi Romani, i Longobardi, i Savelli e gli Orsini.

Nel borgo e a poca distanza da esso, vivono e prosperano alcune colonie feline. Numerose sono le “avventure gattesche” da raccontare. Tra le tante, Mia Pop Longobardi ne ricorda una.

I primi anni i gatti venivano fatti sterilizzare privatamente da me, a Terni e poi a Magliano. In seguito, ottenuto il riconoscimento ufficiale del Comune, le sterilizzazioni venivano effettuate, gratuitamente, presso la ASL di Rieti dove venivano portati sempre da me.
Tramite delle amicizie, ho provveduto a dare in adozione, negli anni, circa un centinaio di gatti. Molti ne ho fatti curare, alcuni li ho curati personalmente con flebo, aereosol e iniezioni; in due casi estremi, sono dovuta ricorrere all’eutanasia.
Tra le tante storie che potrei raccontare, mi piace ricordarne una che mi ha colpito particolarmente.

Tutto accadde una sera di novembre di alcuni anni or sono, erano le 21 circa. Nebbia e freddo. Sono andata, come al solito, a dare da mangiare ai gatti in una delle colonie, distante un chilometro dal borgo.
Al ritorno, un’automobile mi ha superato e i fari della stessa hanno evidenziato due “punti luminosi” al bordo della strada.
Occhi di gatto?
Ho temuto che un micio fosse stato investito. Allontanatasi l’automobile, grazie alla torcia elettrica che portavo sempre con me, ho illuminato la zona in cui avevo visto quei punti luminosi. C’era un gattino. Mi sono chinata verso di lui dicendogli “E tu, chi sei?” Non ho avuto nemmeno il tempo di terminare la frase che il piccino si è arrampicato su di me, sistemandosi in braccio, come se quello fosse il luogo a lui destinato da sempre.
E là è rimasto imperterrito fino a casa, dove mi sono accorta che si trattava di una gattina. L’ho chiamata “Cenerella”: è rimasta piccola e di carattere particolarissimo, tanto è vero che io la chiamo “unicat”! È solitaria, non ama la compagnia degli altri gatti, ma con me è sempre  affettuosissima. Spesso dorme sul mio cuscino, ma se si avvicina qualche altro gatto, miagola, seccata.

A presto, con altre storie dei gatti di Fianello.

QUI il Gruppo Facebook.