Carissime lettrici e follower del canale “Vampiri e altri tocchi di manzo”, che dire? Siete pronte? Questa sarà un’intervista speciale perché, come ben sappiamo noi fanciulle estimatrici di maschi specialissimi, trovare due esemplari di questa portata in una volta sola… be’, quando mai ci ricapita? Quindi, sì, invidiatemi e seguitemi con attenzione.

I nostri due ospiti sono creature della notte e meritano il meglio (anche perché ho prontissimo il mio smartphone per il selfie di rito e non devo sfigurare).
Volete sapere cosa ho indossato? Be’, abito da sera a sirena, nero e malva, scicchissimo, e Jimmy Choo tacco dodici di vernice, sempre malva (ho saputo che adorano questo colore), in pendant con i guanti di raso. Gettate un occhio alla mia storia su Tik Tok e potrete ammirarmi in tutto il mio splendore. Non garantisco che possiate vedere anche loro. Sapete quanto sono riservati, no?

Ed eccoli. Wow, ragazze, sono… stupendi. Guillaume de Joie veste un completo bianco che gli è stato evidentemente cucito addosso. Fisico perfetto, elegante, da modello. Dio, che darei per vederlo sfilare sulle passerelle dell’Alta Moda maschile, a Parigi. E poi il viso, i capelli, gli occhi… Ok, respiro profondo, calma. Raistan Van Hoeck… ragazze, un animale da sesso, se mai ce n’è stato uno. Tutto in nero, stile tra biker e rocker, capelli lunghissimi, sciolti. Peccato gli occhiali scuri, ma spero di farglieli sfilare. Ci siamo.

Buonasera signori, grazie per aver accettato questo incontro. So che non amate apparire su media e social-media, ma vorrei registrare e… ehi!
(Mi spiace, ragazze. Il brutalone, Van Hoeck, mi ha sottratto lo smartphone. Dice che me lo restituisce alla fine, forse…)
Bene, riprendiamo: siete protagonisti di una serie di mirabolanti avventure, guidate automobili sportive, frequentare ambienti favolosi. E pericolosi. Possiamo aspettarci di vedervi in una serie tv?

Guillaume: *inarca un sopracciglio, che sembra disegnato dal pennello di un pittore fiammingo in un giorno particolarmente felice* Sarebbe splendido, chérie. Ma non sarebbe facile trovare un attore abbastanza affascinante per interpretare Raistan, n’est-ce pas? *l’olandese gli rifila una gomitata affettuosa, ma sorride sornione*

Il vostro stile è molto particolare. Monsieur de Joie, possiamo sapere chi è il suo stilista preferito? Ha mai pensato di sfilare sulle passerelle più prestigiose?

Guillaume: *ride, come devono ridere gli angeli quando sono sicuri che Dio non li veda* Ho fatto il modello per scultori e pittori, e sono stato la musa di alcuni compositori e scrittori. Magari qualcuno lo conosci anche, ma belle Laure. Sicuramente mi piacerebbe sfilare in passerella, in mezzo a tutte quelle persone bellissime. Ma mi piacerebbe molto di più intrufolarmi nel backstage, o in una di quelle belle feste dopo sfilata, dove succede di tutto… Oh, credo di averlo fatto, in realtà. *la sua risata risuona come argento tintinnante* Per rispondere alla tua domanda, Armani non tradisce mai, anche se amo scoprire nuovi giovani talenti, ai quali dò la possibilità di vestirmi. Se sono soddisfatto li rendo celebri. Viviamo in un mondo in cui la fama è cosa effimera, ma c’è ancora spazio per chi lo merita.

E lei, monsieur Van Hoeck? Vedo che ama il total black almeno quanto il suo compagno ama il total white. Questa scelta simboleggia il vostro rapporto?

Raistan: *aggrotta la fronte in un’espressione tra l’incredulo e l’indignato che sarà una costante per tutta l’intervista* Significa che abbiamo gusti diversi in fatto di abbigliamento…

Guillaume, posso chiamarla così, vero? Qual è la cosa che più ama in Raistan?

Guillaume: Puoi chiamarmi come preferisci, ma bichette. *guarda Raistan come se lo soppessasse* Credo sia la sua incrollabile, inamovibile, a tratti perfino irritante volontà di non essere morto. Non si rassegna, e questo gli fa onore, anche se a volte non comprendo come ci riesca. È più vivo di molti uomini vivi, il mio Raggio di Sole.

E lei Raistan? Cosa ama in Guillaume? Non si faccia pregare, le lettrici di “Vampiri e altri tocchi di manzo” sono sue grandissime ammiratrici, lo sa?

Chi non sognerebbe di essere nelle fantasie erotiche di femmine che paragonano Immortali a quarti di bue? *Raistan sospira e guarda Guillaume, che ricambia lo sguardo* Non lo so… ammiro molte cose di lui, non necessariamente le amo tutte. È freddo e terribilmente scostante, quando ci si mette. Amo come mi sento quando sono con lui. Amo come tollera i miei lati peggiori e ci scherza sopra. Amo la sua intelligenza, la sua eleganza, la sua raffinatezza. Amo che uno come lui stia con uno come me.

Adesso entriamo nel vivo: come vi siete conosciuti? Chi ha fatto la dichiarazione a chi? Fateci sognare.

Oh, ci sono state molte dichiarazioni *Guillaume guarda Raistan con un misto di tenerezza e divertimento*. Raistan è come un personaggio di Jane Austen, o delle sorelle Bronte. Pieno di fuoco romantico. Io sono più tipo da Dumas. Il conte di Montecristo, tu connais?
Fuoco romantico io?! *Raistan ringhia*

Domande per tutti e due. In camera: letto a baldacchino o futon?

*Raistan esala l’ennesimo sospiro* Se proprio devo scegliere tra queste due alternative, dico baldacchino.
Baldacchino per l’eternità -conferma Guillaume-, con quelle belle colonnine a cui ci si può aggrappare, o a cui puoi assicurare corde di seta. O manette, se preferisci. Tu cosa preferisci, chérie? *Raistan ride e scuote la testa*

In sala da bagno: vasca con idromassaggio o doccia?

Raistan: la doccia è veloce e io sono un tipo impaziente, ma devo ammettere che il bagno non è male, specie in compagnia di qualcuno.
Guillaume: vasca da bagno, grande, possibilmente con idromassaggio e essenze profumate. Doccia se non c’è scelta, ma calda, molto calda. L’ideale è fare il bagno  mentre guardo Raistan fare la doccia, si può?

In vacanza: crociera o safari?

Raistan: siamo vampiri, donna. Le attività che hai nominato presuppongono lunghe permanenze al sole. Coraggio, amplia un po’ i tuoi orizzonti…
Guillaume: il safari lo facciamo quasi ogni notte. Safari urbano. Molto stimolante, credimi, ma perle. Le vostre città moderne sono più insidiose di qualsiasi savana o foresta. Piene di predatori, noi non siamo necessariamente i peggiori. Almeno siamo gradevoli nell’aspetto, non è vero?

(Oh sì, sono ben più che gradevoli, credetemi fanciulle. Se foste qui non riuscireste a controllare gli ormoni. Ve lo garantisco)

Resort a cinque stelle oppure chalet isolato?

Raistan: non mi piacciono gli affollamenti di umani, ma non mi piace nemmeno dovermi nutrire di alci. Un bell’appartamento lussuoso in una città piacevole è un buon compromesso.
Guillaume: dipende dal momento. Ci sono stati periodi in cui ho sentito la necessità di allontanarmi da tutto e tutti, ma di solito ho preferito alloggi più classici, antiche tombe sepolte nel deserto, per esempio, grotte che sprofondano nel ventre della terra… Ma quando sono al meglio delle mie possibilità cinque stelle è il minimo sindacale.

Città d’arte: Roma o San Pietroburgo?

Raistan: non sono mai stato a San Pietroburgo, quindi dico Roma.
Guillaume: San Pietroburgo. Mi piacciono i russi, sono così emotivi…

Stagione preferita?

Raistan: inverno. Più ore di buio, più vita.
Guillaume: Autunno. La luce dell’alba e del tramonto sono impareggiabili.

Scaviamo più a fondo, vi va? Compagnia per una serata sexy: Thimotée Chalamet oppure Zendaya?

Raistan: Chi?!!
Guillaume: guarderei volentieri Thimotée e Zendaya insieme, ma dubito che lui saprebbe esattamente dove mettere le mani… Alla fine mi toccherebbe intervenire. Con entrambi.

Serie televisiva preferita?

Raistan: uhm. Difficile. Le serie tv sono una trovata umana che apprezzo molto. Direi Breaking bad. In fondo parla di noi. Persone decenti diventate cattive e a cui piace esserlo. *sorriso inquietante a tutto canino*
Guillaume: Non sono un grande amante delle serie TV. La vita vera è molto più interessante.

Siete mai stati in Transilvania?

Raistan: ci sono stato ai primi del 900, sì. Molto divertente. Dicono di credere ai vampiri, ma non ne riconoscerebbero uno nemmeno se se lo trovassero davanti. E infatti non mi hanno riconosciuto. Ho comprato una bellissima valigetta da cacciatore di vampiri. Peccato che la maggior parte degli attrezzi che contiene, come polvere d’aglio, crocifissi e acqua santa, siano totalmente inutili…
Guillaume: sì, terra bella, selvaggia e rigogliosa. E la cucina locale è deliziosa, se ti piace il genere *sorride come una schiera di cherubini*

L’idea di essere associati a un personaggio come Dracula, che si faceva trasportare in casse piene di terra cimiteriale (che schifo), che effetto vi fa?

Raistan: *guarda Guillaume* Che effetto ci fa?
Guillaume: Oh. C’est bien. L’ho fatto, lo rifarei. A volte era il solo modo per scoraggiare marinai curiosi dall’aprire la cassa in cui viaggiavo. A nessuno piace mettere le mani nella terra dei cimiteri *fa una smorfia eloquente*. Dracul è stato un grande personaggio storico, quello Stoker non gli ha reso giustizia. Ma quando mai lo avete fatto nei nostri confronti? *per un singolo istante i suoi occhi perdono qualsiasi intenzione scherzosa, diventano freddi, quasi alieni, come frammenti di un ghiacciaio destinato a non sciogliersi mai*

Mezzo di trasporto preferito: aereo o nave?

Raistan: *arriccia il naso* non amo nessuno dei due. Se proprio devo scegliere,  aereo, almeno è più veloce.
Guillaume: Nave. Amo avvertire il rollio dell’immenso blu. ma per comodità al giorno d’oggi va bene l’aereo. Privato, se possibile.

Motocicletta o auto sportiva?

Raistan: si possono avere entrambe? Di fatto, ce l’ho.
Guillaume: auto, assolutamente. Jaguar E-Type, se posso scegliere.
*Raistan lo guarda sorpreso* Niente più Maserati? Sei sempre una sorpresa, Fiorellino.

Un pensiero per le lettrici e, magari, una dedica. Loro acquisteranno il libro con le vostre avventure e amerebbero qualche parola…

Raistan: lascio fare a lui. Io potrei dire cose sconvenienti…
Guillaume: Mes chères colombes, voi siete la ragione per cui apriamo gli occhi ogni sera su questo triste mondo disertato dalla bellezza. È per cercare voi che usciamo nella notte, sfidiamo la decadenza di quest’epoca destinata ad essere l’ultima, solo per godere dello stupore nei vostri sguardi innocenti, solo per avvertire sotto le dita il fremito dei vostri corpi palpitanti. Il minimo che possiamo fare è farvi emozionare e sospirare con le nostre bislacche avventure.
*Raistan rotea gli occhi, ma sorride.* Proprio quello che volevo dire io.

Abbiamo finito, spero non sia stato un gran sacrificio. Posso riavere il mio smartphone?

Raistan: devo proprio, Guill? Posso almeno resettarglielo?
Guillaume: *guarda Raistan, poi lei, con intenzione* E toi cosa sei disposta a offrire in cambio, ma belle Laure? *sorride come uno squalo amichevole*

(Tranquille, amano scherzare, sono gentiluomini… di sicuro lo è Guillaume. Su Raistan ho qualche dubbio, ma è simpatico quando non grugnisce. E grugnisce moltissimo.)

E un selfie con voi?

*risataccia generale* Raistan: ti piace scherzare, vero, umana?
Guillaume: ma certo, vieni pure qui vicino… più vicino… coraggio, non ti mangio. Forse…

P.S. Non mi ha mangiata. Ha apprezzato la mia mise. Ho una strana sensazione di sensibilità sul lato del collo. Ma nessun segno. Come vi ho detto: gentiluomini. Alla prossima ragazze.

ESCE OGGI

Raistan Van Hoeck e Guillaume de Joie non potrebbero essere più diversi. Due immortali, due vampiri che hanno attraversato le ere lasciando una scia di sangue e ricordi spezzati, alcuni taglienti come cristallo infranto. Due opposti uniti da un’alchimia che trascende il tempo e il destino, che si sono incontrati e hanno deciso che valeva la pena affrontare la notte, insieme.
Ora Guillaume è diventato Sommo Arconte e Raistan è il suo Esecutore. La Voce della giustizia vampirica e il suo Artiglio. Questo non impedisce loro di continuare ad attirare i guai, come il miele le api.
Due nuove avventure, tra morte e redenzione.
Un night club molto particolare, ai confini di ogni mondo possibile, e una guerra tra stirpi che si consuma nella città più magica del mondo.
Una faida tra popoli fatati che si trascina da millenni, all’interno della quale nemmeno due vampiri antichi e potenti avrebbero voluto doversi trovare.
L’alchimia continua, notte dopo notte.

Per acquistarlo, fate click QUI.

Se volete leggere il primo volume, lo trovate QUI.