Diario di ViaggioRubriche

Diario di Viaggio: cream tea? Ci vuole la clotted cream!

La ricetta che proponiamo è una variante “italiana” di quella classica del Devon (Regno Unito). Un po’ laboriosa, ma il risultato (se non bruciate tutto) sarà indimenticabile.

Ingredienti:
1/2 litro di panna fresca. In Italia è molto difficile trovare la panna fresca non pastorizzata, che è preferibile.

Panna fresca. Fonte: mysia.info.

Procedimento:
Versare la panna in una padella molto larga e dal fondo bello spesso. Mettere la padella sul fuoco, fuoco che deve essere più basso possibile. Utilizzate una retina spargifiamma. Attenzione, la panna NON deve bollire.

Dopo un’ora circa, raccogliete con delicatezza lo strato che si è formato sulla superficie. Fatelo scivolare su un piatto fondo,  la parte superiore dello strato di grasso deve essere rivolta verso l’alto. Ripetete questa operazione fino a quando la maggior parte della crema si è addensata.

Fonte: winedharma

Potete utilizzare il forno e un contenitore  con la maggior superficie possibile. Lasciate la panna a 80°C circa per 8 ore. Non mescolate mai. Procedete allo stesso modo, uno strato dopo l’altro.

Mettete la clotted cream in un vasetto 4 stagioni e lasciatelo in frigorifero per tutta la notte. La crema acquisterà un aspetto simile al burro e avrà un sapore squisito.

Servitela sugli scones tiepidi, magari con delle fragoline fresche.

Si conserva in frigo per 4 giorni.

N. B. Immagine di copertina wikihow.it

Post precedente

Diario di Viaggio: Salisbury e Bath, giugno 2018

Post successivo

Recensione: Desiderio di vendetta, di Maya Banks

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *