Recensioni

Recensione: Necropoli, di Jordan L. Hawk

L’introverso studioso Percival Endicott Whyborne ha passato gli ultimi mesi guardando il suo compagno, Griffin Flaherty, venire a patti con il rifiuto della sua famiglia adottiva. Perciò, quando un telegramma urgente di Christine li convoca in Egitto, Whyborne è riluttante a rischiare la fragile tranquillità che sono riusciti a creare. Fino a quando uno sconosciuto, che sembra più bestia che uomo, cerca di ucciderlo al museo.
Tra antiche rovine dell’epoca dei faraoni, dovranno raggiungere Christine e affrontare tradimenti, omicidi e una strega leggendaria tornata dal regno dei morti. Nel terribile calore del deserto, il trio dovrà affrontare le loro paure e combattere unito… o il loro legame verrà distrutto per sempre.

Titolo: Necropoli.
Autore: Jordan L. Hawk.
Serie: Whyborne & Griffin, Volume IV.
Traduzione: Caterina Bolognesi.
Genere: fantasy storico.
Editore: Triskell Edizioni.
Prezzo: euro 3,74 (eBook); euro 12,04 (cartaceo, copertina flessibile).

In questa nuova avventura di Whyborne e Griffin ci sono parecchie novità. Alcune troppo importanti per essere rivelate, ma almeno una vale la pena sbandierarla: vedremo Whyborne affrontare un viaggio non da poco, nientemeno che in Egitto. E, per uno come lui, che detesta ogni tipo di scomodità e detesta viaggiare, questo sarà un sacrificio enorme, anche se lo affronterà volentieri dal momento che si tratta di correre in aiuto dell’amica Christine. Questa esperienza, iniziata per motivi oscuri e drammatici, produce un effetto collaterale assolutamente esilarante. Whyborne in viaggio in Egitto, a dorso di cammello, è uno degli eventi più buffi che mi sia capitato di leggere ultimamente e contribuisce a creare siparietti divertenti e leggeri all’interno di una storia che, come le altre di questa serie, corre su binari tendenti alle atmosfere horror oltre che al romance.

Come sempre, oltre agli aspetti divertenti l’autrice ha saputo inserire nella vicenda tutto quello di cui abbiamo bisogno per continuare ad adorare i nostri due eroi. Il loro rapporto pieno di tenerezza e di passione continua a essere costellato di dubbi e di incertezze. Il notevole approfondimento psicologico ci fa conoscere intimamente le frustrazioni che ognuno di due coltiva dentro di sé, nella convinzione di nuocere all’altro.

L’insicurezza di Whyborne lo spinge ad approfondire l’uso della magia, nell’intento di essere utile ai suoi amici, ma i suoi progressi mettono in ansia Griffin, che considera troppo pericoloso esplorare una materia così sconosciuta. In tutto questo ci viene messo più volte davanti agli occhi un dettaglio importante: perché Whyborne profuma di oceano? Verrebbe spontaneo collegare  questo particolare alla loro avventura precedente. Perché l’Abitatore degli Abissi aveva scelto proprio lui? Cogliamo un filo conduttore nell’evoluzione del nostro amato Ival, dove ci porterà?

Griffin non è da meno nel mettere in gioco i suoi problemi personali. Dopo aver affrontato passato e famiglia, dovrà ancora una volta cercare dentro di sé quel coraggio che pure possiede, ma che rischia di venir meno di fronte ai suoi fantasmi privati.  Dovrà guardare negli occhi il suo più grande incubo e impedirgli di travolgerlo.

Una prova dietro l’altra, una continua dimostrazione d’amore dopo l’altra, i nostri due protagonisti diventano sempre più una coppia solida, capace di superare i tanti ostacoli di una relazione proibita dalla società bigotta in cui vivono e messa in pericolo dal loro vissuto individuale, pieno di dubbi e di  frustrazioni consolidate dal tempo.

Ma in questo volume  i protagonisti sono tre. Questo è anche il libro di Christine, che da comprimaria importante diventa una protagonista piena di sfaccettature e vive una sua vicenda personale, in cui scopriamo le fragilità e i lati oscuri di una vita nel corso della quale ha dovuto prendere decisioni sofferte.

Jordan L. Hawk è riuscita ancora una volta a creare un ottimo mix di vari generi, che tengono il lettore incollato alla pagina fino alla fine, in attesa del prossimo episodio.

Cinque stelline.

La recensione di Widdershins.

La recensione di Stormhaven.

Post precedente

Recensione: Matrimonio d'onore, di Marilena Boccola

Post successivo

Recensione: Lei era nessuno, di Letizia Vicidomini

Fernanda Romani

Fernanda Romani

Fernanda Romani è autrice della Saga Fantasy "Endora".
Socia di EWWA, collabora come "recensora" con il nostro Blog.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *