Macrina Mirti dice che...RecensioniRubriche

Recensione: Lettere di un libertino, di Cathlin B.

Ogni tanto il passato ci restituisce storie dimenticate o volutamente cadute in oblio. Le lettere segrete di Casanova, che avrebbero dovuto essere bruciate dalla marchesa a cui erano destinate, casualmente ritrovate da un rigattiere, svelano ciò che il seduttore più famoso al mondo tenne nascosto durante la sua vita. Ora potrete leggere alcune avventure inedite, restaurate per quanto possibile, della vita del famoso Casanova, che non si dilettò solo con ricche dame e attraenti fanciulle ma anche con avvenenti uomini. Nella prefazione della sua “Storia della mia vita” Casanova scrisse: “Non si troveranno in queste Memorie tutte le mie avventure: ho omesso quelle che potevano dispiacere alle persone che vi presero parte”. In questo libro l’autrice ha immaginato le storie che lui, per riserbo, non trascrisse.

TITOLO: LETTERE DI UN LIBERTINO.
AUTRICE: CATHLIN B.
GENERE: EPISTOLARIO, EROTICO.
EDITORE:SELF-PUBLISHING.
PREZZO: EURO 1,99 (EBOOK); EURO 6,99 (CARTACEO).


“Lettere di un libertino” è uno di quei libri che, fino alla fine, vi lasciano con un dubbio. Leggendolo, infatti, non potrete fare a meno di chiedervi se le lettere di Casanova alla marchesa Maria Teresa Fogliani siano o meno vere. Certo, l’autrice specifica fin dall’inizio che si tratta di: “Avventure di fantasia, liberamente ispirate alla vita del famosissimo seduttore e avventuriero veneziano Giacomo Casanova”, però le lettere sono talmente verosimili, che viene da chiedersi se siano state davvero scritte dal grande libertino.

Da esse, emerge un Casanova inedito, ma non impossibile. Un uomo che, pur passato alla storia come un gran seduttore di donne, non esita ad ammaliare uomini, giovani, belli e affascinanti. Ecco perché quelle lettere dovevano essere distrutte: l’omosessualità, al tempo, era considerata un reato, punito con la galera e spesso con pene ancora più dure. Dalle mie letture, però, risulta che fosse piuttosto comune nel Secolo dei Lumi: una ribellione all’autorità della Chiesa e dello Stato assoluto. Non a caso, De Sade padre fu arrestato per aver adescato ragazzi e suo figlio, il famoso marchese, preferiva di gran lunga le attenzioni del suo valletto a quelle della moglie.

Anche la cornice dalla quale prende avvio la narrazione non è banale e i personaggi e l’ambientazione sono molto curati.
Insomma: “Lettere di un libertino” è un piccolo libro, da leggere tutto d’un fiato in un paio d’ore. Vi assicuro che sarete talmente immersi nella lettura, che dimenticherete tutto ciò che vi tormenta. Io l’ho letto durante un viaggio in aereo e, per tutto il tempo, non ho mai pensato che l’aereo potesse cadere.
Consigliato a tutti quelli che amano il romanzo storico e le buone letture.
Quattro stelline e mezzo.

La Pagina-Autore di Macrina Mirti su Amazon

Post precedente

Recensione: Il Morso del Drago, di Lorenzo Visconti

Post successivo

Recensione: Il calore della neve, di Sabrina Grementieri

Macrina Mirti

Macrina Mirti

La passione per i romanzi Horror le deriva dalla professione che svolge: è insegnante in una scuola secondaria di secondo grado.
Nei (rari) momenti liberi, scrive come se non ci fosse un domani.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *