Eventi

L’Artiglio non graffierà più

Teresa Siciliano è venuta a mancare stamattina dopo alcune settimane di ricovero. Il funerale si terrà domani 7 febbraio alle 11:30 presso la Chiesa dei Santi Angeli Custodi, a Piazza Sempione. Chiunque desideri partecipare è il benvenuto.

Questo post è comparso, oggi, sulla bacheca di Teresa Siciliano, Matesi, l’Artiglio. La “recensora” più temuta e amata nel mondo del romance.

L’ho conosciuta anni fa. Mi incuriosiva quell’insegnante in pensione che divorava romance e scriveva brevi e graffianti recensioni su Amazon. Ci siamo trovate subito in sintonia: stessa carriera di docente, stessi gusti letterari, stesse idee politiche. Quando mi ha proposto di pubblicare le sue recensioni sul Blog di Babette Brown, ho fatto i salti di gioia.

Ricordo quando -dopo la lettura “sofferta” di un romanzo di Patricia Logan- ha avuto la curiosità intellettuale di avvicinarsi al mondo del romance male to male. Si è appassionata a quelle storie d’amore, spesso bellissime e strazianti, e per lei ho creato la rubrica dell’Artiglio Arcobaleno, che ha  accompagnato e completato la prima rubrica, quella dell’Artiglio Rosa.

Sono centinaia e centinaia i romance passati sotto il suo occhio severo. Il giudizio di Teresa era temuto, ma cercato. Perché una recensione positiva era una medaglia che tutti appuntavano fieramente sul petto. Perché una recensione negativa non era mai malevola, e spesso le giovani autrici potevano ricevere consigli e incitamenti.

Qualche settimana fa, le ho proposto di sospendere le rubriche. Sapevo che stava male e volevo che si riposasse. Mi ha risposto subito di sì e ho tremato nel leggere quelle poche parole. L’ultima chiacchierata risale al 26 gennaio. Poi, i miei messaggi non hanno più ricevuto risposta.

Non mi è rimasto che aspettare. In un certo senso ero preparata alla notizia di oggi. Quello che non mi aspettavo è lo straziante senso di perdita che sto provando in questo momento. Gli amici lasciano davvero un buco nel cuore, quando se ne vanno.

Addio, Teresa, ti ho voluto molto bene.

Post precedente

Recensione: Romolo - il primo re, di Franco Forte e Guido Anselmi

Post successivo

Recensione: Dita come farfalle, di Rebecca Quasi

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da qualche anno, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

30 Commenti

  1. Monica Lombardi
    6 Febbraio 2019 at 19:16 — Rispondi

    Un abbraccio, Babs.
    Avrei voluto poterlo dare anche a Teresa. Ci mancherà.

  2. 6 Febbraio 2019 at 19:22 — Rispondi

    Dispiaciuta e senza parole. Ciao Matesi, che sia un buon viaggio, ma sono sicura che tu ti sia portata qualche buon romanzo da leggere.
    Un abbraccio, Babette

  3. 6 Febbraio 2019 at 19:51 — Rispondi

    Leggevo le sue recensioni sempre con interesse, peccato non averla conosciuta…
    Condoglianze, Babette. Posso solo immaginare il dispiacere 🙁

  4. 6 Febbraio 2019 at 19:51 — Rispondi

    Ciao Teresa, ricordo con affetto i tè che abbiamo preso insieme, alla Galleria Alberto Sordi.
    Un abbraccio a te, Annamaria.

  5. Maria Masella
    6 Febbraio 2019 at 19:56 — Rispondi

    Ciao, Teresa.
    Marri

  6. Fernanda Romani
    6 Febbraio 2019 at 20:42 — Rispondi

    Ciao, Teresa. Mi mancheranno le nostre serate in chat.

  7. 6 Febbraio 2019 at 20:43 — Rispondi

    Ci mancherà tanto leggere le sue recensioni.

  8. Federica D'Ascani
    6 Febbraio 2019 at 21:00 — Rispondi

    Sì, è surreale. Preparati? Sì, ma così… no, non lo si è mai fino in fondo.
    Ciao, grande prof, un bacio grande.

  9. Elena
    6 Febbraio 2019 at 22:05 — Rispondi

    Lasci un grande vuoto anche nel mare infinito del web.

  10. Maria Grazia Tommasini
    7 Febbraio 2019 at 6:47 — Rispondi

    Ciao Matesi
    Leggevo sempre le tue recensioni. Non ti ho conosciuto di persona, non ero tra gli “amici” di FB, ma abbiamo scambiato, a volte, alcune opinioni tra i vari post. Ti auguro un viaggio sereno e ti ricorderò con affetto.
    Iaia

  11. Mirta Drake
    7 Febbraio 2019 at 9:31 — Rispondi

    Il mondo dei romance ha perso una gran donna dai giudizi talvolta severi ma sempre equilibrati, motivati e scritti con cura e stile. Era d’obbligo sperare nelle sue recensioni e adesso lascia un vuoto anche in chi non la conosceva… ma un po’ la conosceva attraverso il web, o dalle sue parole. Mi dispiace moltissimo. Condoglianze a tutti i suoi cari.

  12. Viviana Giorgi
    7 Febbraio 2019 at 12:33 — Rispondi

    La prima volta che la incontrai fu a Firenze, alla mia seconda edizione de La Vie en Rose. Mi presentai e lei mi salutò senza sorridere, probabilmente perché non aveva idea di chi io fossi. Un po’, lo ammetto, me la presi, perché un sorriso non lo si nega a nessuno. Poi, con i mesi che passavano, i miei romanzi che aumentavano, ho imparato che quello era il suo modo, senza ipocrisie, senza false frasi fatte. La sua recensione più amata da me? 4 stelle, per stima.
    Un caro e sincero abbraccio a te, Matesi, e a tutti quelli che amavano i tuoi artigli. RIP.

  13. Chiara72
    7 Febbraio 2019 at 20:44 — Rispondi

    Come mi dispiace.. A leggere sempre le sue recensioni, così piene di carattere e competenza, mi pareva ormai di conoscerla un po’.. Spiace davvero.

  14. Perry Potter
    7 Febbraio 2019 at 20:55 — Rispondi

    Parole che trasmettono tutto il tuo dolore. Mi mancherà leggere le sue recensioni e ti sono vicina con tutto il cuore in questo triste momento ❤️

    • Babette Brown
      8 Febbraio 2019 at 13:02 — Rispondi

      Grazie, Perry. È dura. Non pensavo di soffrire così tanto.

  15. 8 Febbraio 2019 at 15:06 — Rispondi

    Leggevo sempre con attenzione le sue recensioni nelle quali molto spesso mi ritrovavo. L’ammiravo moltissimo. Mi spiace veramente tanto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *