L'Artiglio ArcobalenoRecensioniRubriche

L’Artiglio Arcobaleno: Brandon Witt e Andrew Grey

Brandon Witt, Sotto un cielo di cenere

Triskell Edizioni

Più di dieci anni dopo aver lasciato il Colorado per frequentare il college e fuggire dal suo passato, Isaiah Greene vi fa ritorno e si costruisce una vita a Denver come insegnante di sostegno. Quando conosce Ben Woods, il mentore di uno dei suoi studenti, l’attrazione è immediata. La rivelazione che sono entrambi reduci da un’infanzia traumatica crea un forte legame tra loro.
Cresciuto da una nonna violenta, Ben è un ex tossicomane che ha trovato una nuova famiglia nel capo dell’impresa di costruzioni dove lavora, Hershel, e in suo marito, Daniel, la drag queen ManDonna. Aggiungere Isaiah alla sua vita gli permette di intravedere un futuro che non aveva neanche mai sognato di poter avere.
Isaiah e Ben sono entrambi dei sopravvissuti, ma quando il senso di colpa apre una frattura tra loro, il passato minaccia di distruggerne la relazione.
Ben e Isaiah intraprendono un viaggio alla scoperta di loro stessi. Anche se in certi momenti il loro percorso sarà difficile, l’amore e l’umorismo troveranno il modo di portare luce tra le tenebre.

Un romanzo complesso * * * *

(#copiafornitadacasaeditrice)
All’inizio, secondo il mio solito, mi sono un po’ confusa perché l’autore usa il solito maledetto doppio pdv alternato e ci sono molti personaggi e aspetti come le drag queen, che non sono ancora arrivata a comprendere bene. Ma era perché non avevo ancora conosciuto ManDonna, reincarnazione del cavaliere medievale che accorre in soccorso di chi ha bisogno.
Inoltre poi la vicenda si rivela diversa dalla prima impressione e viene rappresentato un ambiente davvero moralmente superiore, in cui ci si vuole bene e ci si capisce e ci si aiuta a vicenda.
Però, devo ammetterlo, non è un romanzo per cuori fragili, dato il cumulo di sciagure che sono capitate ai due protagonisti nell’antefatto.
Nell’insieme, molto bello.
Dal momento che ho letto una copia-recensione, la mia valutazione prescinde dall’aspetto strettamente linguistico.

Grey Andrew, Inseguendo un sogno

Dreamspinner Press Italia

Brian Paulson è nato con la camicia e ha sempre vissuto una vita di lusso e agiatezze. Che la famiglia lo abbia trascurato per inseguire la ricchezza e la felicità non gli sembra che un piccolo prezzo da pagare per ciò che lui ritiene la cosa più importante: il denaro.
Per Cade McAllister niente è mai stato facile. Per mantenere se stesso, la madre e il fratello con difficoltà di apprendimento è costretto a fare due lavori. Non hanno molto, ma per Cade l’affetto dei suoi cari e il potersi prendere cura di loro è più importante dei beni materiali. Non può permettersi di perdere quel poco che ha, e il giorno in cui viene derubato in un parco è grato per l’intervento di Brian.
Quando tutti i beni di Brian vengono congelati dopo la morte del nonno, Cade ha la possibilità di sdebitarsi. Gli offre un posto dove stare e lo aiuta a trovare un lavoro, e i due uomini si avvicinano l’uno all’altro mentre scoprono i lati positivi e negativi dei due mondi da cui provengono. E proprio mentre Brian comincia a rendersi conto che nella vita ci sono cose che i soldi non possono comprare, una clausola del testamento del nonno rischia di mandare in fumo la loro relazione.

Come dare una svolta alla propria vita * * *

(#copiafornitadacasaeditrice)
Un apologo morale (forse anche un po’ moralistico) sulla necessità di stilare una scala di priorità per la propria vita e individuare chi siano i veri amici e i veri valori.

Le recensioni dell’Artiglio Arcobaleno

Post precedente

Bologna-Eventi: Paura sotto la pelle 2, di Giusy Giulianini

Post successivo

Recensione: Nascosto in uno scatto, di Nancy Naigle

Maria Teresa Siciliano

Maria Teresa Siciliano

Professoressa di Italiano presso il prestigioso Liceo Classico Aristofane di Roma, adora leggere e recensire montagne di libri con penna intinta in un dolcissimo veleno. Temuta e amata in ugual misura, ha plasmato una generazione di feroci lettrici di romance.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *