Recensioni

Recensione: Dietro una porta chiusa, di Mary Durante

Ogni Omega avrà un Alpha come suo padrone, che lo guiderà, lo proteggerà e gli darà il suo amore.
A ventiquattro anni e dopo aver già conosciuto il lato più oscuro dell’asservimento, Lorence sa che è una bugia. La verità è che gli Alpha sono al potere e che gli Omega, soprattutto quelli danneggiati come lui, non possono fare altro che sperare nella loro clemenza.
Quando viene comprato per un importante ufficiale dell’esercito, il suo piano è semplice: obbedire a ogni suo minimo ordine, renderlo felice ed essere una presenza piacevole ma abbastanza discreta da non diventare qualcuno su cui sfogare il proprio malumore. Ma anni interi trascorsi a vivere come un giocattolo di bell’aspetto, da utilizzare per qualche mese e poi gettare via, non sono riusciti a renderlo insensibile come sperava.
Nei panni di un regalo non voluto, alle prese con un uomo capace di scoppi di collera inaspettati e di silenzi ancora peggiori, si ritrova nella spaventosa situazione di non avere più alcun punto di riferimento. Perché Roy, l’Alpha che lo possiede, ha dei segreti. E forse, per scoprire cosa si nasconde dietro ai suoi occhi tristi e alla sua gelida indifferenza, Lorence è pronto ad aprire una porta che dovrebbe rimanere chiusa.

Nota: Storia a tematica Omegaverse, presenza di tematiche quali schiavitù e abusi passati. Niente m-preg.


Titolo: Dietro una porta chiusa.
Autore: Mary Durante.
Genere: Romance M/M; Romance erotico. Omegaverse.
Editore: Self-Publishing.
Prezzo: euro 3,99 (eBook); euro 14,30 (cartaceo).

L’Omegaverse è un tipo di romanzo molto particolare: l’umanità è divisa in Alpha, individui dominatori per natura, e Omega, persone nate per vivere in condizioni di sottomissione. L’interpretazione che Mary Durante ha dato di questo archetipo è quella di un mondo dove gli Stati Uniti sono una società militarizzata e, in pratica, l’esercito è dotato di un potere assoluto, mentre la lontana Europa viene dipinta come un esempio di democrazia e libertà.

Purtroppo, Lorence e Roy vivono in America.

Lorence è uno dei tanti Omega a cui fin da piccolo hanno raccontato che gli Alpha sono destinati a diventare i loro principi azzurri, ma ha imparato a sue spese che la realtà può essere ben diversa per chi, come lui, si è scoperto “danneggiato”.

Roy, invece, è un militare di alto rango e un Alpha dalla vita distrutta, che ogni giorno accarezza l’idea del suicidio.

L’incontro di queste due anime segnate da ferite troppo profonde potrebbe non significare nulla, invece diventerà tutto.

Ho ammirato  il modo con cui l’autrice ha saputo sviluppare il difficile rapporto che si instaura fra i due. Silenzi, dubbi, segreti e sofferenze troppo radicate e feroci per essere affrontate apertamente; tutto sembra contribuire a farne solo due estranei che vivono assieme, eppure dai fantasmi emergono sentimenti, i sogni portano incubi, ma anche verità.

La storia è dura, praticamente un atto d’accusa contro un tipo di società in cui sarebbe facile vedere le donne al posto degli Omega, una struttura dittatoriale che al giorno d’oggi molti, troppi, considerano allettante. Abusi di ogni tipo e corruzione, violenze e soprusi, seppure trattati dall’autrice con sensibilità, ci danno la misura di un mondo senza speranza che potrebbe diventare il nostro.

La vicenda tormentata di Roy e Lorence porta verso la luce, verso un futuro dove vale la pena vivere, ma non è solo una storia d’amore. L’autrice non ha cercato soluzioni semplicistiche, ha puntato in alto, costruendo due personalità che imparano, ognuna a modo proprio, a superare i propri incubi. Amarsi non basta, è necessario trovare pace, evitare di crogiolarsi nel dolore e riuscire ad andare oltre le proprie cicatrici.  Soprattutto, è indispensabile trovare il rispetto di sé.

Roy e Lorence non sono solo due persone che si amano, ma rappresentano un’umanità ferita che può trovare in se stessa la forza di risollevarsi.

Con questo libro Mary Durante, già autrice di “Come ombre nella notte”, ha dimostrato una maturità e un talento che pochi possono vantare al loro secondo romanzo. Uno stile pulito e accattivante, il suo, capace di catturare il lettore e travolgerlo. Tutto questo al servizio di  una struttura ben articolata, dove il pathos viene governato con grande abilità, senza momenti superflui o lentezze. Un vero peccato la presenza di alcune sviste grammaticali.

Non rimane che aspettare le sue prossime storie, pronti ad assaporare nuove emozioni. Quattro stelline.

#copiaacquistata

La Pagina-Autore di Fernanda Romani

Post precedente

Recensioni: Questa puttana mi farà morire, del Duca di Saint-Simon

Post successivo

L'Artiglio Rosa: Lindsay, Henley, Duran

Fernanda Romani

Fernanda Romani

Fernanda Romani è autrice della Saga Fantasy "Endora".
Socia di EWWA, collabora come "recensora" con il nostro Blog.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *