L'artiglio rosaRecensioniRubriche

L’Artiglio Rosa: Ledra, Sands, Keeland-Ward

Ledra, Il palcoscenico del cuore

Serie “I Bacigalupi”, Volume III

Self-Publishing

L’Imperatore Mallio riuscirà a domare l’ingestibile Doralice? O sarà Doralice, l’ironica e dissacrante autrice di romance, a ridurre ai suoi piedi l’imprenditore tutto d’un pezzo?
Torna la serie i Bacigalupi, con protagonista il terzo fratello Mallio, un uomo abituato ad averle tutte vinte. Una storia che saprà strappare risate e far emozionare fino alla fine, perché l’amore da favola ha sempre qualche difficoltà da dover sconfiggere.

In ordine di lettura anche se sono tutti autoconclusivi:
Cuori in vetta e Strage di cuori (si trovano singoli oppure nella Bacigalupi prequel)
La disciplina del cuore
Un regalo speciale
L’inganno del cuore (questi tre volumi si trovano singoli oppure nella Bacigalupi collection)

Tornano tutti i Bacigalupi * *

(#copiaacquistata)
Il romanzo fa parte di una serie e quindi è consigliabile, o forse addirittura indispensabile, leggere prima i volumi precedenti.
Narra una tipica guerra dei sessi fra Mallio e Doralice attraverso i punti di vista alternati non solo dei protagonisti, ma anche degli altri membri della famiglia. Una lettura piacevole.
Bella anche la copertina.
Una stella di meno a causa dei numerosi refusi.

Lyndsay Sands, Arrendersi a un highlander

Serie Highland Brides, Volume V

Mondadori – Passione 168

“Un mistero intrigante per un romanzo sensualissimo.” Kirkus

Edith Drummond deve la vita a Niels Buchanan, che capisce subito che l’amica di sua sorella non è semplicemente malata, ma vittima di un veleno, lo stesso veleno che ha già ucciso parte della famiglia Drummond. Durante la convalescenza, la ragazza scopre una pericolosa attrazione nei confronti del guerriero. E Niels non ha mai incontrato una donna tanto coraggiosa e seducente. Così, quando viene a conoscenza delle trame contro di lei, il valoroso highlander si offre di sposarla per salvarla, anche se sa che stringerla a sé sarà quasi più difficile che sbrogliare gli intrighi familiari che si annidano nelle terre dei Drummond…

Note: ARRENDERSI A UN HIGHLANDER ( Surrender to the Highlander ) è il quinto romanzo della cosiddetta serie “Highland Brides”, ambientata nella Scozia medioevale.
I romanzi precedenti della serie, TRA LE BRACCIA DI UNO SCOZZESE ( An English Bride in Scotland ), IL FASCINO DI UNO SCOZZESE ( To Marry a Scottish Laird ), SPOSARE UN HIGHLANDER ( The Highlander takes a Bride ) e INNAMORARSI DI UN HIGHLANDER (Falling for the Highlander ), sono già stati pubblicati nella collana I Romanzi Passione – nr. 129, 152, 159 e 162 rispettivamente.
Tra le opere di Lynsay Sands già pubblicate in precedenza da Mondadori, ricordiamo QUEL CHE LA LADY VUOLE ( What She Wants ) e L’AMORE È CIECO ( Love Is Blind ) nella collana I Romanzi Passione; LA CHIAVE ( The Key ) nella collana I Romanzi Introvabili.

Ambientazione: Scozia, 1300.

Un noir travestito da rosa storico * *

(#copiaacquistata)
Fin dall’inizio questa serie ha mostrato una forte connotazione gialla. Ma stavolta… stavolta abbiamo toccato il top. O, se preferite, il fondo. La narrazione è lenta, come succede quando ci si infogna con il tema del serial killer e per giunta l’autrice si fa prendere la mano facendo crescere il numero dei morti a dismisura. La storia è nerissima, proprio a nero di seppia, come succede ad esempio nei romanzi di Carlotto, e stona alquanto in un rosa. Non parliamo poi del modo come la Sands conclude con una scena di sesso davvero inopportuna.
La seconda stella va solo alla qualità della stampa, migliore rispetto a quella media attuale.

Vi Keeland – Penelope Ward, Un perfetto bastardo

Newton Compton Editori

Al primo posto della classifica del New York Times.
Dalle autrici di Bastardo fino in fondo.
Era una mattina qualunque, il treno era affollato e tutto sembrava noiosamente normale. A un certo punto sono stata come ipnotizzata dal ragazzo seduto vicino al corridoio. Urlava contro qualcuno al telefono come se avesse il diritto di governare il mondo. Ma chi credeva di essere con quel suo completo costoso? In effetti, gli conferiva un’aria da leader, ma non è questo il punto. Non appena il treno si è fermato, è saltato giù così in fretta da dimenticarsi il telefono, e io… potrei averlo raccolto. Potrei anche aver spiato tutte le sue foto e chiamato alcuni dei suoi numeri. Okay, potrei persino aver tenuto il telefono dell’uomo misterioso fino a che non ho trovato il coraggio di restituirlo. Così ho raggiunto il suo ufficio da snob… e lui si è rifiutato di vedermi. Ho consegnato il cellulare alla reception dell’ufficio di quel bastardo arrogante. Ma potrei, diciamo per ipotesi, avergli lasciato qualche foto sul telefono. Foto non esattamente angeliche.

Al primo posto della classifica del New York Times per settimane.
La vera storia inizia dopo che ho ricevuto il suo messaggio.
«I due protagonisti mi hanno conquistata! Questo libro è perfetto in ogni colpo di scena. Vi Keeland e Penelope Ward insieme fanno scintille, aspetto con impazienza le prossime collaborazioni!» Raine Miller, autrice bestseller del New York Times
«Penelope Ward e Vi Keeland hanno creato un altro personaggio per farci innamorare perdutamente… E indossa persino un completo.»
«La storia bilancia perfettamente passione e romanticismo, con un pizzico di comicità. L’ironia dei personaggi è oro puro!»

Senza speranza *

(#copiaacquistata)
All’inizio sembra un erotico, visto che si fa un sacco di sesso (accompagnato da un po’ di turpiloquio). Poi si capiscono un po’ di cose: che il protagonista non è proprio un bastardo, figurarsi uno perfetto, e che siamo in presenza di un romanzo d’appendice, stile inizio Novecento, insomma uno di quelli in cui le donne si sacrificano per motivi risibilmente generosi.
Ci si sono messe in due per scrivere un tale capolavoro e tuttavia magari tre stelle indulgenti avrei potuto darle. Ma purtroppo la casa editrice non ha fatto rileggere il romanzo neppure ad una persona, dato l’elevato numero di refusi.
Quindi due stelle di meno.

Le recensioni dell’Artiglio Rosa

Post precedente

Recensione: Il respiro dei ricordi, di Linda Bertasi

Post successivo

Recensione: La primula rossa, di Emma Orczy

Maria Teresa Siciliano

Maria Teresa Siciliano

Professoressa di Italiano presso il prestigioso Liceo Classico Aristofane di Roma, adora leggere e recensire montagne di libri con penna intinta in un dolcissimo veleno. Temuta e amata in ugual misura, ha plasmato una generazione di feroci lettrici di romance.

3 Commenti

  1. Ledra
    21 ottobre 2018 at 16:32 — Rispondi

    Grazie a Matesi. Non guardo alle due stelle ma alla, comunque bella, recensione Ledra

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *