Gli amici del MagPensieri sparsiRubriche

Ah, gli audiolibri!, di Colette Kebell

Ah, gli audiolibri!
Ci ho provato con “The Retail Therapist” e devo dire che è stata una bella esperienza.

La prima cosa che ho fatto è stata registrarmi su Audible e, armata di libro, ho cercato la voce giusta. Mica facile, le scelte sono infinite. Tipo scegliere se volete un accento inglese o americano, e fin lì tutto bene, ma poi che tipo di voce? Rauca come quella della Vitti? Suadente, con l’accento di Oxford? O meglio una voce dinamica, ma con un briciolo di sensualità, accento americano del Tennessee? Perché, a quanto pare, se il nostro libro è unico, secondo quelli di Audible anche la voce è personalizzabile. Manca solo la voce con accento Sudafrican-austro-ungarico sensuale con piretro e bifidus actiregularis e poi hanno fatto il pieno.

E così, dopo aver speso una settimana a cercare la combinazione giusta (Accento British, BBC, Engaging e non ricordo che altro), mi sono buttata, ho premuto il tasto. Quelli di Audible mi hanno messo in contatto con la fantastica Bond, Mrs Bond (si chiama veramente così). O meglio, non è che mi hanno messo in contatto, funziona più o meno così:
1) decidi come dividere le royalties (50-50 nel mio caso).
2) invii il libro e aspetti le audizioni. Di fatto metti il libro in circolazione su Audible e se qualcuno vuole prendersi l’onere di leggere ti manda un provino di 15 minuti da ascoltare.

Quando abbiamo ricevuto il provino di Mrs Bond, sia io che mio marito non abbiamo avuto dubbi. Una voce perfetta e chiara, entusiasmante. No dico, provate a fare click sotto e ascoltare il provino e sarete d’accordo con me.

Una volta ricevuto il provino, potete accettarlo, chiedere modifiche o rifiutarlo. In un secondo caso, per un altro libro, mi è arrivata una voce piattissima e annoiata e ho dovuto aspettare altri “volontari”. Insomma, va a fortuna, ma avete la possibilità di scelta.

Purtroppo, quando abbiamo mandato l’audiolibro a Audible perla verifica finale, quelli hanno fatto un po’ di storie per un fruscio di fondo. Fosse stato un erotico, avrei potuto dire che era la seta delle lenzuola per rendere il tutto più realistico, ma purtroppo si trattava di un chick-lit e quindi la buona Mrs Bond è andata da MR Q e si è fatta dare un paio di filtri degni dell’MI6 e tutto si è risolto.
Morale, sono orgogliosissima del risultato.

L’audiolibro è ovviamente in Inglese, ma ehi, potete usarlo anche in Italia: se state studiando l’inglese e volete ascoltare una pronuncia perfetta, non cercate oltre.
Alla fine, mi sono convertita agli audiolibri pure io. Non sempre, continuo a usare il Kindle e a comprare cartacei. Ma ogni tanto, quando vado a fare la spesa al supermercato, o a passeggio coi cani, un audiolibro non me lo leva nessuno.

Se, invece, volete leggere questo chick-lit in italiano… Ecco “Missione Impeccabile“!

Post precedente

Segnalazione: "Il colore della pioggia", di Aina Sensi

Post successivo

La prima notte, racconto di Fernanda Romani

Gli Amici del Mag

Gli Amici del Mag

Sono quelli che scrivono a Babette Brown: "Senti, avrei una cosetta da mandarti. Posso?"
E Babette, fregandosi le mani, incamera e pubblica.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *