NewsSegnalazioni

Segnalazione: Finché morte non ci separi, di Macrina Mirti

Perugia, 25 ottobre 1373.
È l’alba, quando Panfilo Bontempi nota un branco di cani randagi accanto al cadavere di una fanciulla. Ai primi soccorritori, dichiara che la giovane è stata uccisa dal branco, ma Giovanni Galeotto, Capitano del Consiglio di giustizia della città, dopo un rapido esame della situazione, si convince che il giovane sta mentendo.
Ascoltando la testimonianza dei milesche hanno prestato i primi soccorsi, Giovanni giunge alla conclusione che i cani hanno solo dissepolto la ragazza, perché il capo branco, un rarissimo levriero, le apparteneva e la stava cercando. Il consulto con il famoso medico Gentile d’Assisi, conferma tale ipotesi. La camicia che la fanciulla ha ancora indosso, infatti, è intatta e le ferite sul corpo non sono state procurate da morsi.

Titolo: Finché morte non ci separi. Un’indagine di Gianni Galeotto.
Autrice: Macrina Mirti.
Genere: Crime storico.
Editore: Self-Publishing.
Prezzo: euro 1,99 (eBook).

Macrina Mirti si considera una scrittrice multigenere, anche se preferisce scrivere storico. Ha pubblicato vari racconti e romanzi nelle collane di Delos Digital e come self l’horror storico “I suicidi vanno all’inferno”. È anche stata finalista all’edizione 2018 del Cattolica Mystfest con il racconto “Un gran bel ragazzo”.
Scrivere rosa o scrivere noir, secondo lei non fa molta differenza. Ritiene che l’amore e la morte siano due aspetti della vita e come tali debbano essere trattati.

La Pagina Facebook di Macrina Mirti.

Post precedente

Recensione: "Nocturnales, le ultime giacobine", di Beatrice da Vela

Post successivo

Segnalazione: Romolo - Il primo re, di Franco Forte e Guido Anselmi

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da qualche anno, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *