Recensioni

Voglio te, di Sami P.

Vediamo un po’… Uhm…
Lui: bello, sciupafemmine, con un oscuro passato, pieno di rabbia e di sensualità.
Lei: timida vergine, di sani principi ma un po’ imbranata, preda della passione per il bel tenebroso di cui sopra.
No.
Sbagliato.
Rifare.

Lei: Evangeline Jones è un’agente dell’FBI di Chicago. È temeraria, scapestrata, passionale e senza freni inibitori. La sua vita è costellata di amanti occasionali a cui non fa mai promesse di nessun genere.

Lui: Maximilian Price è un chirurgo ortopedico del Mercy Hospital di Chicago. È posato, risoluto, freddo e concentrato sul suo futuro e sulla sua carriera. Ha da poco messo fine ad una lunga convivenza con la sua compagna, ed in questo momento le donne sono l’ultimo dei suoi pensieri.

Il romantic suspense e il rosa crime sono due sottogeneri del “rosa” che mi appassionano da qualche tempo. Se ci pensate bene, il “rosa” è il genere che più di tutti gli altri si presta alle ibridazioni. Una storia d’amore che si avvinghia a un thriller, a un noir… di che attirare come mosche sul miele sia i lettori che le lettrici.

Che devo dirvi? Una bella sorpresa: due personaggi che si distaccano dal cliché in voga e che rispecchiano l’età che hanno (sono stanca di quarantenni che si comportano come adolescenti in fregola). Ben costruiti, ben caratterizzati, insomma: credibili e interessanti. Mi è piaciuto il capovolgimento dei ruoli classici!
Ho apprezzato anche il Punto di Vista alternato, che di solito non mi fa impazzire, perché non impedisce alla storia di fluire dritta e sicura verso il lieto fine di prammatica.
Succulente le scene di sesso, esplicite ma senza cadere nella ginecologia spinta.

Qualche “bacchettata” sulle dita di Sami P.
Un po’ troppi personaggi all’inizio: siamo al primo capitolo di una serie, quindi mi sono detta che l’autrice aveva sentito la necessità di presentarci subito il “mondo” in cui si svolgeranno le sue prossime storie.
Debole la parte investigativa, sulla quale Sami P. avrebbe dovuto lavorare maggiormente. Ne risulta, pertanto, un certo squilibrio fra la parte “romance” e quella “crime”.
Lo squilibrio si ripete anche fra la prima e la seconda parte del romanzo. Più interessante la prima, ripetitiva la seconda.

In conclusione: un romanzo che si legge con piacere.
Sami P. è una di quelle autrici self che fanno ben sperare per il futuro dell’autopubblicazione.

———————————————————–

TITOLO: Voglio te. Chicago Night Lovers Vol. 1.
AUTRICE: Sami P.
GENERE: Romantic suspense.
EDITORE: Self.
PREZZO: euro 0,99 (eBook); euro 12,47 (copertina flessibile).

La mia valutazione: tre stelline e mezzo.

Post precedente

Arriva Amy Clark

Post successivo

La biblioteca di Lady Hiddlestone, un racconto di Lucia Guglielminetti

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *