La scheggia impazzitaRecensioniRubriche

Victorian Solstice, di Vittoria Corella e Federica Soprani

Londra
1890: Babele, Gran Forno, Inferno e Paradiso. Capitale del Mondo Occidentale.
Dai fasti di Buckingham Palace al Popolo degli Abissi, passando per il
rutilante mondo della potente borghesia in ascesa. Delitti, intrighi, passioni,
amore e morte. Il Crepuscolo di un’epoca, l’agonia del Lungo Ottocento che ha
ormai perso la sua innocenza.
Ecco
i primi tre episodi della serie Victorian Solstice, editi dalla Lite
Editions:  La Società degli Spiriti, La
Lega dei Gentiluomini Rossi e i Figli del Pozzo di Carne.


La Società degli
Spiriti (Episodio 1)
Jericho è un Medium
dei bei salotti. Jonas un investigatore che non crede nel paranormale. Quando
Lord Kynaston viene trovato fatto a brandelli nel suo studio chiuso
dall’interno, il Medium che parla con i morti e il poliziotto più scettico di
Scotland Yard sono costretti a lavorare insieme loro malgrado. Dai bordelli per
ricchi annoiati fino alla casa del vizio più pericolosa del West End, una
detective story vittoriana oscura e sensuale.



La Lega dei
Gentiluomini Rossi (Episodio 2)
Scompaiono, uno dietro
l’altro. Tutti giovani, bellissimi e con una caratteristica in comune. Se c’è
una cosa che Jonas detesta sono i casi irrisolti. Se c’è una cosa che Jericho
ama è aiutare Jonas a risolvere questi casi, e il viaggio da incubo parte dai
quartieri bassi per salire su, fino a sfiorare la Corona D’Inghilterra. Ci sono
cose che nessuno deve sapere e gente che va fatta tacere con le buone o con le
cattive.


I figli del Pozzo di
Carne (Episodio 3)
Nella Londra
Vittoriana Uomini Neri e Boogeymen esistono davvero. I Mostri sono veri e hanno
fame. Vengono e portano via quelli che hanno più paura. Per sconfiggere i
Mostri ci vuole coraggio, follia e un pizzico di disperazione. Una nuova
avventura di Jericho e Jonas nella pancia della Londra più nera.

 

Una Londra oscura e sensuale fa da sfondo a questa splendida
serie scritta a quattro mani da due giovani autrici italiane, Vittoria Corella
e Federica Soprani.
Nel primo episodio, facciamo conoscenza con i due
protagonisti della serie: Jonas Marlowe, investigatore di Scotland Yard, e
Jericho Marmaduke Shelmardine, medium prediletto dei salotti londinesi. Sembrano,
sono l’uno l’opposto dell’altro per aspetto, personalità, esperienza di vita,
eppure si attraggono, forse inconsapevolmente, e si respingono, finché possono.
Ognuno di loro reca con sé un fardello pesante di rimorsi e
rimpianti. La vita li ha offesi ripetutamente, ma sono ancora in piedi. Sono ancora
disposti a lottare. Il caso li spinge ad investigare su un fatto che ha dell’incredibile.
La ricerca della verità li unisce e consegna loro la prima di numerose ferite
dell’anima.
Le trame dettagliate in ogni sfumatura si dipanano in
ambienti molteplici: i salotti dell’aristocrazia, i sobborghi londinesi, i
bordelli malfamati, gli slums, addirittura il sottosuolo che pullula di vite
spezzate.
Personaggi di contorno bellissimi: visi angelici, menti
contorte, spiriti feriti. Crudeltà ad ogni passo: Jonas e Jericho avanzano fra
queste rovine morali e materiali e, pur angustiati, pur increduli, portano a
termine le loro indagini.
Uno stile espressivo ricco e sensuale contribuisce alla
costruzione di personaggi e vicende che le autrici delineano con una perizia “chirurgica”,
che ci lascia sbalorditi.
Cinque stelle. Meritatissime.
Un delizioso fan video su Youtube.
E se volete immergervi in prima persona in questo mondo,
andate qui. E giocate.
Le autrici: per saperne di più.
Conosciamo più da vicino le nostre autrici: Federica Soprani
è un libro aperto, di Vittoria Corella sappiamo quel poco che le abbiamo
estirpato con le tenaglie…
Federica Soprani vive a Parma, sfortunatamente per lei in
questo secolo. Scrivere le è necessario quanto respirare. E da parte di
un’asmatica questa affermazione si ammanta di un pathos quasi insostenibile…
Tale necessità non sempre riesce a coniugarsi col suo lavoro
presso uno studio grafico e con la gestione più o meno rocambolesca di una
famiglia che ha più zampe che arti. Ma oltre che vivere occorre sopravvivere.
Laureata in lettere moderne, indirizzo Storia del Teatro e dello spettacolo,
con un tesi dal titolo “La figura del Vampiro nel Teatro tra ‘800 e
‘900”, da sempre coltiva la passione per la lettura e la scrittura. Scrive
racconti di vario genere, dall’horror al fantasy. I suoi autori di riferimento
sono Angela Carter, Tanith Lee e Paola Capriolo, oltre ai classici dell’800 e
’900.
Ha pubblicato racconti in antologie, su riviste e periodici.
Sui principali store on line sono disponibili in formato
e-book i racconti della serie poliziesco-vittoriana Victorian Solstice (www.victoriansolstice.it), scritti con Vittoria
Corella e pubblicati da Lite Editions.
Il suo romanzo Corella,
l’ombra del Borgia
ha vinto il Premio Letterario Mondoscrittura 2013.
Potete scriverle qui: [email protected]
Vittoria Corella  è
uno pseudonimo. La persona che si cela dietro questo nome ha lavorato come
giornalista per il Romagna Corriere, il quotidiano più diffuso in Romagna dopo
il Resto del Carlino. Vive a Riccione, lavora nel turismo e ha una gatta a tre
zampe.
Vittoria ha scritto:Terra
di nessuno
, Justify the Strong, San Valentino – Storie da leggersi in due e,
in collaborazione con Federica Soprani, la
serie Victorian Solstice
.
Potete scriverle qui: [email protected]
Post precedente

Oscure gioie - Bijoux de Deuil, di Virginia de Winter

Post successivo

Il testimone, un Romantic Suspense di Nora Roberts

Federica Soprani

Federica Soprani

Federica Soprani vive a Parma, sfortunatamente per lei, in questo secolo.
Scrivere le è necessario quanto respirare. E da parte di un’asmatica questa affermazione si ammanta di un pathos quasi insostenibile…
Tale necessità non sempre riesce a coniugarsi col suo lavoro presso uno studio grafico e con la gestione più o meno rocambolesca di una famiglia che ha più zampe che arti. Ma oltre che vivere occorre sopravvivere. Laureata in lettere moderne, indirizzo Storia del Teatro e dello spettacolo, con un tesi dal titolo “La figura del Vampiro nel Teatro tra ’800 e ’900″.
Da sempre coltiva la passione per la lettura e la scrittura. Scrive racconti di vario genere, dall’horror al fantasy. I suoi autori di riferimento sono Angela Carter, Tanith Lee e Paola Capriolo, oltre ai classici dell’800 e ’900.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *