Recensioni

Viaggiare: Torino

Un mese fa, molti di noi
erano a Reggio Emilia per il convegno sul romance organizzato da La Vie En
Rose. In questi giorni, ci siamo ritrovati in numero ancora maggiore a Torino,
per il Salone Internazionale del Libro.
Bene, direte voi, e allora?
E allora, perché non creiamo
un database di posti dove dormire e mangiare con un buon rapporto
qualità-prezzo? Più qualche notizia sui trasporti? Potrebbe essere utile a
tutti per i futuri appuntamenti.
Comincio io.
TORINO
Babette Brown ha dormito all’Hotel
“Amadeus e Teatro”, in Via Principe Amedeo 41 bis (centro storico). Camera singola
con bagno (letto matrimoniale) e ricca prima colazione per due notti a euro 145,00
in totale. Aria condizionata, wifi gratis. Personale cortese. Buon livello di
pulizia.
Babette Brown ha mangiato tre
volte (lo so, lo so, non ditemi niente…) al Ristorante Pizzeria “La Spada Reale”,
in Via Principe Amedeo 53. Menù degustazione siciliano a euro 25,00 (bevande
escluse); pizza (cornicione alto, ben cotta) birra artigianale e acqua  a euro 12,80. Salette con aria condizionata. Intelligente
la possibilità di bere quattro tipi di vino al bicchiere ad un prezzo più che accettabile. Servizio veloce e
cortese.
Babette Brown ha viaggiato
con i mezzi pubblici (quando non aveva venti chili di libri di trasportare): un
biglietto costa euro 1,50 ed è valido per 90 minuti. Consente un trasbordo
bus-tram/metro o viceversa. Dal centro, il bus 18 porta proprio davanti al
Lingotto.
Adesso tocca a voi.
Rispondete a questo post con le vostre informazioni. Non siate pigri… Potete anche indicare soltanto il nome dell’albergo o del ristorante e io poi li vado a googlare.

Post precedente

Salone Internazionale del Libro di Torino

Post successivo

Bang Bang. Tutta colpa di un gatto rosso, di Viviana Giorgi

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *