Recensioni

Una vacanza in Wyoming, di Chloe McLayne

Gea non ha bisogno degli
uomini. Svolge una professione di prestigio, conosce gente importante, è single
per scelta. Questo mondo sereno e programmato viene sconvolto nel corso di una
vacanza in Wyoming, dove Gea ha raggiunto la sorella Angela, sposata ad un
americano. Gli occhi azzurri che rapiscono il cuore di Gea appartengono a David
O’Neal, proprietario di un ranch dove si allevano i famosi mustang.
Gea non intende arrendersi
all’amore; David ha molte armi a sua disposizione. Come finirà questo duello? 




Un’amica che compie gli anni
e un gruppo di “matte” che decide di inviarle un dono speciale: un racconto
scritto a più mani. L’argomento è scontato: Gea adora il mondo country e i
cowboys… ecco, quindi, che la protagonista s’innamorerà, ricambiata, di David
O’Neal, proprietario di un ranch del Wyoming.
Condivisa la trama, gli otto
capitoli vengono distribuiti. Qualcuna lavora da sola, altre si consorziano. Il
risultato viene fatto conoscere per vie traverse alla festeggiata: pare che su
Internet circoli un racconto molto carino, che ha per protagonista una donna
che si chiama Gea (guarda un po’ che coincidenza…). La malcapitata ci casca con
tutti i tacchi e, non paga del booktrailer (c’è anche quello, per la serie “non
c’è mai limite al peggio”), comincia a compulsare forsennatamente Amazon, IBS e
così via. Fino a tarda notte. Niente da fare, il racconto non si trova. Nel
frattempo, la sottoscritta posta un frammento del libro sul gruppo Facebook,
rinfocolando –se ce ne fosse bisogno- l’interesse di Gea.

Alla fine, impietosite,
inventiamo di aver reperito il racconto presso l’amica di un’amica e Gea può
immergersi nella lettura. All’ultimissima pagina, ecco che trova gli
auguri e le firme delle cospiratrici. Seguono lacrime di gioia, risate e
auguri.

Post precedente

Lady Cupido, di Susan E. Phillips

Post successivo

Il morso del ramarro, di Valeria Corciolani

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

1 Commento

  1. 15 aprile 2014 at 6:45 — Rispondi

    Si è vero,me l'avete fatta,ci sono cascata alla grande!!! Iniziata la lettura,nonostante tante coincidenze,mai avrei pensato a un tale impiego di forze letterarie,per me. No,non ci avrei mai pensato! Sono ancora meravigliosamente stupita dalla vostra bravura sia nel scrivere il racconto, che nel farmi ammattire nella ricerca del libro,non parlando poi del booktrailer.Meraviglioso,straordinaio e soprattutto unico.Grazie!!! Grazie di cuore a tutte voi!!! Ho passato un compleanno da sogno,vi voglio bene!!! Geanina (Gea)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *