Gli amici del MagRubriche

Una Guida di Roma molto particolare

Vado a Roma è una guida della Città eterna pensata per una comunità turistica con esigenze particolari. Di facile consultazione e integralmente bilingue (i testi sono in italiano e inglese) segnala chiese, monumenti, musei ma anche ristoranti, alberghi, caffè accessibili a chi ha una ridotta mobilità o disabilità sensoriali. Aggiornatissima e dotata di schede esaurienti anche sulle nuove realtà culturali ed artistiche della città, si propone come uno strumento indispensabile per chi decida di visitare Roma in piena tranquillità.

“Going to Rome is a guide to the Eternal City designed for tourists with special needs. User-friendly and entirely bilingual (all texts are in Italian and English), it includes churches, monuments, museums but also restaurants, hotels, and coffee bars that are accessible to the less mobile and to individuals with sensory disabilities. Thoroughly updated, the guide also offers dedicated sections to the city’s latest cultural and artistic attractions and entertainment venues. Going to Rome is an essential tool for people with disabilities visiting Rome.”

Vado a Roma si propone come una piccola guida, sintetica e compatta, per il turismo con esigenze speciali. La guida è interamente bilingue, in italiano e inglese, e le informazioni contenute al suo interno sono aggiornate al novembre 2015. Gli ulteriori aggiornamenti sono disponibili sul sito http://www.graphofeel.com nella sezione appositamente dedicata.

Nella consapevolezza di non poter proporsi come guida esaustiva di una città così vasta e ricca d’arte e cultura, Vado a Roma segnala esclusivamente i luoghi accessibili a chi abbia limitazioni motorie e/o sensoriali, fornendo informazioni utili per pianificare la visita della città.

La guida si compone di una prima parte, che fornisce informazioni generali sulla città e il suo sistema di trasporti; una seconda parte, invece, illustra le mete turistiche rilevanti, ordinate per zone e percorsi il più possibile coerenti. La terza parte del volume presenta infine un elenco di alberghi, ristoranti e bar accessibili a quanti abbiano limitazioni motorie.

L’idea della guida nasce, infatti, dal desiderio di rendere fruibile a tutti la bellezza di una città in continuo mutamento, il cui fascino rimane intatto nonostante le profonde trasformazioni urbanistiche avvenute nel corso degli ultimi centocinquant’anni. Oggi Roma conta più di tre milioni di abitanti, è una metropoli europea multirazziale e poliglotta con una periferia molto estesa e un centro storico che si sviluppa in diverse aree, tra loro limitrofe ma dotate ciascuna di una complessa articolazione interna.

Chi si trova, dunque, ad affrontare una visita a Roma con limitazioni derivanti da mobilità ridotta o difficoltà sensoriali, può correre il rischio di scoraggiarsi di fronte alla complessità della sua struttura urbana. La grandissima densità artistica e culturale della “città eterna” costituisce infatti, da un lato, un limite oggettivo alla creazione di una rete di trasporti su rotaie e sotterranea di tipo capillare, e allo stesso tempo rende la visita di ogni zona della città estremamente ricca di stimoli e fascino.

La vastità del tessuto urbano romano, e la complessità della sua pianta, obbligano chi desidera visitare Roma e ha a disposizione un tempo limitato a compiere drastiche scelte, dettate dalla necessità di effettuare spostamenti in strade spesso strette, dalla pavimentazione sconnessa e in pendenza. Roma, come è noto, è stata edificata su sette colli, è traversata dal fiume Tevere in tutta la sua larghezza e nella parte centrale presenta una pavimentazione realizzata con cubetti di porfiro, i famosi “sampietrini”, che rendono il percorso con le carrozzine piuttosto accidentato. I marciapiedi della città sono tuttavia quasi sempre dotati di scivoli, e nelle zone centrali sono spesso predisposti itinerari per i non vedenti.

Non rimane che augurarvi buona lettura e buona visita!

Euro 7,99 (eBook); euro 18,05 (copertina flessibile).

OoO

Graphofeel è una casa editrice romana indipendente, no EAP (non a pagamento), nata nel 2009 e iscritta allo ODEI (Osservatorio Degli Editori Indipendenti).
Graphofeel ha diversi amici, professionisti del settore, che partecipano attivamente al progetto, con idee, contributi e consigli, mettendo a disposizione  menti e braccia. Attualmente collaborano: Massimo Agostini, Elena Bisogno, Max Crosby, Lina Di Lembo, Andrea Engl, Laura Pacelli, Mario Pacelli, Silvia Pacelli, Antonio Perri, Basilio Perri, Francesco Sanesi, Martina Tedeschi, Mimmo Trimarco, Carlo Vignapiano e tutti i nostri fantastici autori!

Post precedente

Mainstream o narrativa di genere? (2)

Post successivo

Mainstream o narrativa di genere? (3)

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *