Recensioni

Una donna responsabile, di Macrina Mirti

Titolo: Una donna responsabile.
Autrice: Macrina Mirti.
Genere: Love & Pepper.
Editore: Delos Digital (17 febbraio 2015).
Pagine: 108.
Prezzo: euro 2,99 (e-book).
La
mia valutazione: quattro stelline.
Laura
ha quarantadue anni, un marito, tre figli, due gatti e un lavoro da insegnante.
Purtroppo, ha anche una suocera che cerca in ogni modo di intromettersi nella
sua vita. Nonostante i piccoli litigi e le incomprensioni che regnano in
qualsiasi famiglia, a prima vista la sua sembrerebbe una vita felice. Ma Laura
è una donna insoddisfatta. Ha avuto un’infanzia solitaria, figlia di una donna
bella e indipendente che non ha mai saputo darle un padre e neppure l’affetto
di cui aveva bisogno. Ha paura di invecchiare e rimprovera al marito di non
saperla amare più come quando erano giovani. Come se ciò non bastasse, il
figlio maggiore, Matteo, va male a scuola perché, invece di studiare, corre
appresso alle ragazze, e l’invadenza di Cesira, la suocera, nella vita
familiare, non è controllabile. Il fragile equilibrio su cui si regge il suo
matrimonio entra in crisi quando un antico compagno di scuola riappare dalle
nebbie del passato. Laura è pronta a innamorarsi di quell’uomo affascinante,
che le ricorda un periodo felice dell’esistenza, ma non ha fatto i conti con il
rancore che Giulio prova per lei. Lui non l’ha dimenticata, ma ha imparato a
odiarla, la considera responsabile del suo fallimento matrimoniale e cerca
vendetta…
 

Ci siamo passate quasi tutte per i
quarantadue anni di Laura. Il marito, i figli, il lavoro. Problemi tanti,
soddisfazioni poche. Come ciliegina sulla torta, anche una suocera impicciona
che sembra trarre un piacere perverso dal disturbare quei pochi momenti di
intimità che Laura e il marito riescono a ritagliarsi in mezzo a una vita
frenetica, fatta di mille impegni e poca serenità.
Laura pensa spesso ai primi tempi
dell’amore e del matrimonio, quando bastava uno sguardo per incendiare animi e
corpi. Ora, tutto sembra spento, grigio. E talvolta, il pensiero va a Giulio,
quel ragazzo che l’ha amata per anni, in silenzio, e che lei ha illuso.
Preferendogli il primo bellimbusto in cui si è imbattuta, innamorandosene. Il
marito, appunto.
Quando meno se l’aspetta, Giulio torna
nella sua vita, ma non è più il ragazzo tenero e sensibile che l’aveva circondata
di premure e di tenerezze. Adesso è un uomo che vuole vendicarsi. E lo farà,
con spietatezza.
C’è, nonostante questa vendetta crudele,
un lieto fine. Che un po’ ci aspettiamo, visto che Laura è “una donna
responsabile”, che non sa gettare alle ortiche tutto ciò che ha faticosamente
conquistato per inseguire un sogno di evasione.
Posso dirlo? Finalmente un romance con
forti connotazioni erotiche che non vede il solito
bellissimo-ricchissimo-spietato maschio alpha e la tenera-virginea-fanciulla. Con
un po’ di BDSM per rendere il tutto più aderente a quel filone iniziato dalle
famose/famigerate Sfumature. Laura e tutti coloro che la circondano sono
persone normali. Quelle che vediamo tutti i giorni passarci accanto. Possiamo immedesimarci
in lei, nei suoi problemi e nei suoi sogni. Una buona prova per Macrina Mirti,
che ci racconta questa storia mai banale con linguaggio curato e sicuro.
Macrina Mirti è laureata in Lettere e
insegna Italiano e Storia nella scuola superiore. Ha pubblicato racconti su
diverse riviste e ha partecipato a molte delle iniziative della Delos Books,
per la quale ha già pubblicato “Il dolce sapore della
vendetta” e “Finiamola qui”, nella collana “Senza
sfumature”, e “Il canto del cuore” e “Le ragioni del
cuore” nella collana “Passioni Romantiche”. Nel tempo
lasciatole libero dalla famiglia e dal lavoro, si occupa di gatti, che sono la
sua grande passione. Ama i libri, il cinema d’autore e la cucina vegetariana.
Adora le storie d’amore: ne sta vivendo una splendida da ventotto anni.
Post precedente

La magia di "Round about midnight", di Alessandro Ceccarelli

Post successivo

Intervista: Nicola Rocca

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *