Pensieri sparsi

Colette Kebell e la recensione

Diario del capitano Colette Kebell. Data astrale 3763.

Siamo in orbita geostazionaria attorno al pianeta Self Prime da circa dieci giorni. Scotty dice che i cristalli di dilitio si sono esauriti e questo pianeta sembra averne scorte a sufficienza per farci proseguire il viaggio.

Siamo scesi sul pianeta per iniziare le negoziazioni, dato che non fa parte della Federazione. Gli abitanti del pianeta sono simili a quelli della Terra nel ventunesimo secolo, anche se sembrano non comprendere il concetto di denaro. In cambio dei cristalli hanno preteso una recensione sul sito della Federazione, chiedendo cinque stelle. A quanto pare la loro società si basa sulla recensione: una stella per oggetti di pessima qualità e cinque stelle se di ottima qualità. Scott sta analizzando i cristalli e dice che sono delle ciofeche, il che ci mette in difficoltà.  Abbiamo chiesto di mettere sette pulsar invece di cinque stelle, ma non hanno afferrato l’ironia.

Il popolo è battagliero e guerre tra tribù rivali sono comuni nel caso di una recensione negativa, con faide che si protraggono per anni. La modalità preferita è l’accoltellamento alle spalle, anche se non disdegnano la guerra aperta. Siamo stati ospitati da una tribù locale e ci hanno chiesto di recensire praticamente tutto. L’omino che ci ha portato i bagagli in camera, cinque stelle. Funzionamento della doccia, cinque stelle. Pulizia della camera, cinque stelle. Abbiamo deciso di non contrariarli fino a quando non saremo di nuovo in grado di viaggiare.

Durante la serata di intrattenimento, abbiamo cercato di spiegar loro i concetti base di “denaro” e “imprenditoria”. Sembrano invece più inclini a regalare i loro prodotti in cambio di una semplice gratificazione. Ad esempio, hanno una birra di alta qualità, molto meglio di quella Romulana, che andrebbe a ruba nella Federazione, rendendoli uno dei pianeti più ricchi della zona neutra. I sincrotroni e i fasci positronici, invece, fanno schifo e non li vorrebbe nessuno, nemmeno gratuitamente. In questo caso, si giustificano dicendo che li costruiscono per hobby e così via. Scotty ha cercato di consigliare come costruirne di migliori ma non vogliono ascoltare, abbiamo quasi scatenato uno scontro a fuoco in quell’occasione. Scotty si è fatto trasportare a bordo dell’Enterprise dicendo “Ma che vadano a farsi fottere” e si rifiuta categoricamente di scendere di nuovo sul pianeta.

Qualcuno si è ingegnato a creare il primo motore a curvatura e quindi, tecnicamente, avremmo potuto iniziare il primo contatto, in accordo con la Prima Direttiva. Invece, non appena caricati i cristalli, ce ne siamo andati di tutta fretta. Ho chiesto a Uhura  di hackerare il sito della Federazione e mettere una recensione a due stelle, ma sotto il nome del capitano Jackobson, che mi sta sulle palle sin dai tempi dell’accademia.

OoO

51Lf2E4pTaL

Colette Kebell su Amazon

Post precedente

Linnea Nilsson e la recensione

Post successivo

Casa D'Ascani: la recensione

Gli Amici del Mag

Gli Amici del Mag

Sono quelli che scrivono a Babette Brown: "Senti, avrei una cosetta da mandarti. Posso?"
E Babette, fregandosi le mani, incamera e pubblica.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *