Recensioni

Sposa a Natale, di Mary Balogh

Titolo: “Sposa a Natale”
(Serie “Dark Angel, n° 7).
Autore: Mary Balogh.
Traduzione: Maria Grazia
Griffini.
Editore: Mondadori (5 luglio
2014, I Romanzi Classic).
Prezzo: euro 2,99 (ebook).
La mia valutazione: cinque stelline.
Per mantenere la promessa fatta all’anziano padre, il
ricchissimo Edgar Downes è intenzionato a sposarsi entro Natale con una lady
titolata. Londra è piena di signorine graziose e qualificate, ma a catturare la
sua attenzione è una giovane vedova, lady Helena Stapleton. Per la verità,
niente di lei aderisce al profilo ideale della futura madre dei suoi figli,
eppure Edgar è attratto da tanta bellezza e intelligenza. Helena è a sua volta
intrigata da quell’uomo affascinante, ma sa che un’unione tra loro non è
contemplabile. Una notte di passione è tutto ciò che si possono concedere,
tuttavia il destino sembra avere altri piani. E, dopotutto, Natale è un momento
dell’anno davvero speciale…
 

Che dire? Un rosa storico
ogni tanto (poco) ci vuole. E Mary Balogh è una delle mie scrittrici preferite.
Questa volta, però, c’è una
sorpresa, anzi ce ne sono due. Il protagonista maschile non è il solito
aristocratico (ricchissimo, in bolletta, sciupafemmine, solitario, rabbioso,
rassicurante… ho dimenticato qualcosa?), bensì un borghese di bell’aspetto e
solido patrimonio. Ovviamente, è alla ricerca di una moglie e, avendo già
compiuto il trentaseiesimo anno di età, è non poco sconcertato dalle debuttanti
diciottenni o poco più che ansiosi genitori, aristocratici ma in bolletta, gli
mettono sotto il naso. La lei di turno? Non aspettatevi la classica donzella
palpitante e in attesa del principe azzurro. Helena, vedova Stapleton, ha 36
anni, si gode la vita, è intelligente quanto bella e ha il Ton ai suoi piedi. Non
è nella lista delle spose possibili, semmai può concedersi (e lo fa, santo
cielo se lo fa!) una notte di passione con Edgar Downes.
Fra equivoci, dolorosi
segreti, parenti non serpenti, aristocratici che si mostrano nobili anche d’animo
(fin troppo, lasciatemelo dire), si arriva a un finale alla “brodo di giuggiole”
molto “alla Mary Balogh”, quindi tirato per i capelli ma che accettiamo
supinamente. Tutti sono felici, le TRE storie d’amore giungono a una
conclusione da lacrimoni di felicità, ci scappa anche l’erede. Che vogliamo di
più? Semplice: un altro romanzo di Mary Balogh!  
Se volete leggere altre recensioni sul blog, andate QUI:
L’ideale di moglie
La dama col mantello
Cuori rubati
Una promessa d’amore
Un vero dandy

Post precedente

Narciso o Crisantemo?, di Irene Vanni

Post successivo

Novità in Casa Rizzoli

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *