News

Salutando Alba O’Neal…

– Hai già pensato a uno pseudonimo?
Sono a Roma, seduta davanti alla scrivania della mia futura editrice, piacevolmente sovreccitata all’idea di firmare un buon contratto per i miei romanzi, e questa domanda mi apre un mondo sconosciuto.
– Perché? – indago cauta.
– Non penserai di usare il tuo nome italiano? Le lettrici di romance non ti comprerebbero.
– Ah, ma davvero?
– Pseudonimo per contratto!
È stato così che, con un po’ di magone, sono diventata Alba O’Neal.

A quel punto però, visto che ero in gioco, mi sono divertita a giocare (il divertimento è sempre stato una componente essenziale del mio estro creativo).

Perché la necessità di uno pseudonimo straniero?, mi sono interrogata. Semplice, perché le lettrici italiane amano sognare su atmosfere e luoghi esotici, il più possibile lontani da quanto già conoscono.

Allora ho deciso di regalare loro il sogno.

Detto e fatto. Alba O’Neal si è divertita a creare scenari suggestivi in paesi stranieri, ambientazioni da sogno ricostruite puntigliosamente anche nei nomi delle strade e dei ristoranti. Ecco la peculiarità di questa serie di romanzi: ci sono storie appassionanti e insolite, come piacciono a me, ci sono personaggi di temperamento, ma la vera caratteristica è l’ambientazione. Ben nascosta dietro Alba O’Neal, ho spaziato da San Francisco, con il Golden Gate che scintilla al sole e l’affollata Corte di Giustizia, al Messico coloniale ricco di antiche tradizioni (Sotto il cielo di Monterrey), mi sono addentrata nella giungla del Chiapas, torrida e insidiosa, alla ricerca di antiche tombe Maya (Notti messicane) e, anche quando l’azione era costretta per la maggior parte del tempo all’interno di una casa, ho fatto in modo che si percepisse l’aria salmastra della spiaggia di Malibu (La lunga notte di Kevin).

Questi romanzi sono stati un’avventura molto eccitante, per questo ho deciso di riproporli in una riedizione digitale con la collana Vivi le mie storie.

Questa volta, però, niente magone. Ho salutato con un po’ di nostalgia Alba O’Neal e li ho firmati con il mio nome italiano.

Un grazie speciale a Babette che, se pure stravolta al rientro da Torino, ha acutamente individuato e suggerito il tema chiave di questa presentazione.

Vivi le mie storie è una collana di romanzi tutti “da vivere”! Sono la riedizione digitale di romanzi brevi, circa 130 pagine, pubblicati anni fa in cartaceo dalla casa editrice Le Onde.

Storie d’amore sempre con una vena di ironia, in luoghi lontani e ricchi di suggestioni.

Sotto il cielo di Monterrey uscirà il 27 maggio al prezzo lancio di 1.99. La lunga notte di Kevin il 15 giugno. Notti messicane il 15 luglio.

La vostra Ornella Albanese.

OoO

sotto il cielo di monterrey-800x600Sotto il cielo di Monterrey

Quel nome, Honey, solo un imbroglio. Perché niente è dolce in lei. Honey Rabal, avvocato di successo a San Francisco, non si concede tregua fin quando non riesce a raggiungere i suoi obiettivi. Mille cose la uniscono a Dylan Benson, il suo ambizioso compagno, ma la loro vita prende una piega inaspettata. La malattia del padre, che lei odia, la costringe a tornare a Monterrey e a riaprire un capitolo della sua vita che credeva chiuso. E proprio a Las Hojas, nella casa della sua infanzia, sotto il cielo di smalto blu di Monterrey, Honey scoprirà il valore delle radici e la forza di un amore imperioso e travolgente.

————————————————————————————————————

la lunga notte di kevin-800x600La lunga notte di Kevin

Per lui le donne fanno pazzie… Kevin Howard è un uomo molto affascinante. A lui le donne piacciono e per lui le donne fanno pazzie. Kevin, però, ha fretta di arrivare in alto e decide di sposare una ragazza insignificante solo per poter entrare nel prestigioso studio legale di suo padre. Ma la notte prima del matrimonio, in una misteriosa casa sulla spiaggia di Malibu, sarà una lunga, lunga notte.

 

————————————————————————————————————

notti messicane-800x600Notti messicane

Con Kimberly Cox niente sarà più lo stesso. Una spedizione archeologica nella giungla del Chiapas, alla scoperta delle antiche vestigia Maya. Il capo della spedizione, l’archeologo Derek Hemmings, non si aspetta che l’aiuto che ha richiesto sarà una donna, e per di più caldamente segnalata dal professor Arroyo. Tutti nell’ambiente sanno cosa significhi una “calda” segnalazione di Arroyo e lui è davvero infuriato. Poi arriva Kimberly Cox ed è facile capire che niente sarà più lo stesso. Per la spedizione, per gli uomini della squadra, ma sopratutto per lui.

Prezzo-lancio: euro 1,99 per due settimane!

Post precedente

Recensione: Il gioco del castello, di Dario Villasanta

Post successivo

L'Artiglio Rosa del 28 maggio 2016

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *