Così è se mi pareRecensioniRubriche

Recensioni in pillole: Keeland-Ward, Blake

Bastardo fino in fondo – Vi Keeland & Penelope Ward (2 stelline)

Un australiano sexy e arrogante di nome Chance. Era davvero l’ultima persona in cui mi aspettavo di imbattermi nel mio viaggio attraverso il Paese. Quando la mia macchina si è rotta, abbiamo fatto un accordo: niente programmi, saremmo andati avanti per miglia e miglia passando notti sfrenate in motel sconosciuti senza limiti e senza una meta precisa. E così quello che doveva essere un normale viaggio si è trasformato nell’avventura della vita. Ed è stato tutto davvero incredibile finché le cose non sono diventate serie. Lo desideravo, ma Chance non si esponeva. Pensavo che mi volesse anche lui, invece qualcosa sembrava trattenerlo. Non avevo intenzione di perdere la testa per quel bastardo arrogante, soprattutto da quando avevo saputo che le nostre strade stavano per dividersi. D’altra parte si dice che tutte le cose belle prima o poi finiscono, o no? Forse è così, o forse ero io che non volevo vedere la fine della nostra storia…

Quando una storia surreale incontra una traduzione fantasiosa non può uscirne niente di buono. Una trashata alla Jersey Shore che sarebbe stata anche piacevole, se non fossi incappata in “Esci fuori le palle” o “me l’avevo dimenticato” o i tanti “mentre mi girai, mentre la voltai, mentre uscii”.

Smoky Mountain / Dreams – Leta Blake (3 stelline)

Dopo aver abbandonato la sua carriera come cantante country a Nashville, Christopher Ryder è felice di esibirsi al parco divertimenti Smoky Mountain Dreams nel Tennessee. Tuttavia, anche se sua nonna lo ama per quello che è, lui si sente dolorosamente invisibile per tutti gli altri. Anche quando è sul palco, Christopher è alla spasmodica ricerca di qualcuno che sappia vederlo per ciò che è davvero.
Jesse Birch è un bisessuale che non ha tempo per gli appuntamenti. Impegnato a crescere due figli e a combattere con la famiglia della loro madre, finita in coma in seguito a un tragico incidente stradale, non vuole altro che avventure di una notte. L’ultima cosa che desidera è innamorarsi del suo cantante locale preferito, ma quando Christopher entra nella sua oreficeria, nel cuore di Jesse inizia a risuonare una nuova melodia.

Nonostante la trama sia così corposa da lasciar presupporre un’intensità senza eguali, la scelta di condire il tutto con tanto, tantissimo sesso, mi ha annoiato (per non parlare dei soliti virtuosismi dello sperma che, sarò proprio una rompiscatole io, trovo eccessivi). L’erotismo va bene quando è ben dosato, ma quando pare che parli di due ragazzini costantemente “arrapati”, mi chiedo il perché di decisioni importanti come quella di raccontare il coma vegetativo e le difficili relazioni genitori/figli. Non so, non mi ha coinvolto.

La Pagina-Autore di Federica D’Ascani/C. K. Harp su Amazon

Post precedente

Segnalazione: Solo una storia d'amore e di troppe paturnie, di Momi Gatto

Post successivo

Recensioni in pillole: Armentrout, Duchene, Edwards & Voss

Federica D'Ascani

Federica D'Ascani

1 Commento

  1. Laura Gay
    28 dicembre 2017 at 13:07 — Rispondi

    Sono contenta che tu abbia segnalato certi errori di traduzione. Sono talmente diffusi che da editor ho difficoltà a far capire agli autori che si tratta di errori. Mi sento rispondere che nel tal romanzo è scritto così. Purtroppo non aiuta il fatto che non ci sia un editing accurato per le traduzioni.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *