Recensioni

Recensioni in pillole: Armentrout, Duchene, Edwards & Voss

Serie Lux (#1 #2 #3 #4 #5)  – Jennifer L. Armentrout (4 stelline)

La serie Young Adult – Paranormal Romance è composta da cinque romanzi, un prequel e uno spin-off dedicato agli adulti:

Shadows (prequel )

Obsidian (1)
Onyx (2)
Opal (3)
Origin (4)
Opposition (5)

Obsession (spin off autoconclusivo ambientato nello stesso mondo di Daemon e Katy, ma destinato ad un pubblico adulto)

Un 4 stelle politico a tutti e cinque i libri. Carino come young, convincente come paranormal. La punta suspence rimane alta, specialmente dal secondo in poi, e i personaggi non sono mai scontati, cosa che gioca decisamente a favore dell’autrice, penalizzata, ahimé, dalle troppe sviste in traduzione. Ho visto orrori che mi hanno fatto sgranare gli occhi alla stregua di un Loris Lento (es: Dì la tua, mi si mise affianco, mentre si girò etc). I libri successivi, che riprendono i primi tre, ma dal punto di vista dell’alieno Deamon, risultano più accattivanti, ma fondamentalmente inutili.

Anima Country – Remmy Duchene (3 stelline)

Quando Jackson Rawlings fa coming out, perde tutto, dalla sua casa discografica fino alla sicurezza necessaria per esibirsi sul palco, e si convince che il mondo ce l’abbia con lui. Distrutto e spaventato, si rifugia nel suo ranch a Hallesford. Desidera solo trascorrere il resto della sua vita in tranquillità e lontano dai riflettori.

Ma il destino interferisce con i suoi progetti.

Marques Lopez è il proprietario della Phoenix Records, e non solo non sopporta quello che è successo a Jackson, ma ritiene che l’uomo abbia ancora molto da dare all’industria musicale. Si reca quindi nella piccola città di provincia per cercare il cantante, e quando lo trova scopre che è solo l’ombra dell’artista che era un tempo. A peggiorare le cose, il cuore e il corpo di Marques lo pongono davanti a una scelta difficile, se non troverà il modo di conciliare affari e piacere.

Perché ultimamente gli uomini mugolano? Gemono, mugolano, e lo fanno in continuazione. Se vedono due chiappe, se vedono uno a torso nudo, se vedono un paio di mani coi peli sopra. Mugolano pure quando non c’entra niente. Ora, mi ripeterò, ma mi chiedo: perché? Marques, che parte con le più buone intenzioni, vede Jackson e che fa? Gli preme l’erezione contro la gamba. Ma che è? Perché?
Come rovinare i romanzi sul nascere. La terza stella è solo per la traduzione, il libro ne merita due.

L’Accalappiatore di bambini – Mark Edwards & Louise Voss (3 stelline)

Izzy è stata presa a casa sua.

Liam dall’auto della madre.

Frankie dalla sua cameretta…

L’ispettore Patrick Lennon sta indagando sulle misteriose sparizioni dei tre piccoli. Tutto è avvenuto in una tranquilla zona residenziale della periferia sudovest di Londra, e in pochissimi giorni. Il peggiore degli incubi per questi genitori, la paura più grande per ogni famiglia, una psicosi di massa ingigantita dalla spregiudicata voracità dei media.

La scoperta di un corpicino senza vita in un parco materializza l’orrore tanto temuto: Patrick sa che il tempo stringe, che in questa indagine nulla è come sembra, e che l’Accalappiatore di bambini non sarà una preda facile da catturare.

Era partito bene, c’era davvero un potenziale inquietante niente male, ma la narrazione poliziesca mi ha smontato. Grande genialata il colpo di scena a metà libro, e per carità, ma arriva troppo tardi e la narrazione non è da thriller. Poteva essere molto più inquietante da come era partito, ma poi se ne è andato per la tangente col poliziesco e… Uhm. 

La Pagina-Autore di Federica D’Ascani/C. K. Harp su Amazon

Post precedente

Recensioni in pillole: Keeland-Ward, Blake

Post successivo

L'Artiglio Rosa: Formenti, Liubicich, Dellamore

Federica D'Ascani

Federica D'Ascani

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *