Così è se mi pareRecensioniRubriche

Recensioni in Pillole: A. V. Geiger, Meredith Russo, Jessica Sorensen

Follow me, di A. V.  Geiger (3 stelline)

Romance contemporaneo

Fabbri Editore

Tessa ha diciotto anni e, da quando ha subito un misterioso trauma, soffre di una grave forma di agorafobia che le impedisce di uscire di casa. Eric Thorn è un giovane cantautore che ha cominciato postando video su YouTube ed è diventato una popstar di fama mondiale, ma non è felice. I due si conoscono sull’account Twitter @EricThornFaSchifo: lui l’ha aperto sotto falsa identità per ridicolizzare se stesso, lei ha iniziato a scriverci per difendere il suo idolo. Ma mentre Tessa è ignara di intrattenere lunghe chat, sempre più profonde e personali, proprio con Eric, lui si scopre affascinato da questa fan così diversa dalle altre, brillante e intelligente, e presto inizia persino a provare qualcosa per lei. E senza averla mai vista: Tessa, pur ricambiando i suoi sentimenti, non si fida completamente di nessuno, e non è disposta a mostrarsi nemmeno in foto. Proprio quando il loro rapporto sembra finalmente pronto a una svolta, però, la ragazza sarà costretta ad affrontare di nuovo il suo trauma mai sepolto.

Ho tante, tantissime parolacce, e se metto tre stelle è solo perché fino alla fine è stata una gran bella favola. Capisco la volontà di modificare il cliché, capisco tutto, ma il finale è incoerente con tutto quello che è stato detto durante la storia, e mi fa incavolare perché mi ha fatto rimanere a bocca aperta. Un libro può farti venire i nervi come se stessi vivendo una storia tua? Sì, cavolo, sì.
L’autrice è una bruttissima persona.

Volevo essere la tua ragazza, di Meredith Russo (cinque stelline)

Romance contemporaneo

Newton Compton Editore

Amanda Hardy si è appena trasferita, e nella nuova scuola non conosce ancora nessuno. Vorrebbe farsi dei nuovi amici, ma ha un segreto, e per mantenerlo non deve dare troppa confidenza alle persone. Almeno questo è il suo proposito. Ma quando incontra il dolce e accomodante Grant, Amanda non può fare a meno di lasciarlo entrare, poco alla volta, nella sua vita. Man mano che trascorrono il tempo insieme, Amanda si rende conto di quante cose si sta perdendo nel tentativo di tenere al riparo il proprio cuore. Giorno dopo giorno si ritrova a voler condividere con Grant tutto di se stessa, compreso il suo passato. Ma è terrorizzata all’idea che, una volta saputa la verità, il ragazzo non sarà in grado di vedere oltre, e si allontanerà per sempre. Qual è il terribile segreto che Amanda non vuole rivelare? Un nome: Andrew. È il nome con cui Amanda era conosciuta nella vecchia scuola e nella vita che ha rinnegato. Ma davvero la verità può avere un prezzo così alto?

Intenso, dolce per alcuni versi, ma crudo in altri, invita a riflettere su una miriade di cose. Come madre, come padre, come amico e come essere umano. Un grande applauso all’autrice che, mettendo da parta paure e ansie derivanti dal fatto di essere lei stessa una donna transessuale, ha voluto spiegare e raccontare cosa si nasconde nell’animo di una persona che chiede solo di essere ciò che sente di essere.

Non lasciarmi andare, di Jessica Sorensen (2 stelline)

Romance contemporaneo

Newton Compton Editore

Ella e Micha si conoscono da quando erano bambini, sono cresciuti insieme e sotto gli occhi l’uno dell’altra sono diventati un uomo e una donna. Finché una tragica notte di otto mesi fa è accaduto qualcosa di irreversibile, ed Ella ha deciso di scappare all’università e lasciarsi tutto alle spalle.
E così, da giovane ribelle e senza limiti, ha deciso di diventare una ragazza perbene, una di quelle che eseguono gli ordini senza discutere e tengono i sentimenti sottochiave. Ma sono arrivate le vacanze estive e l’unico posto dove tornare è casa sua.
Ella trema all’idea che tutto lo sforzo che ha fatto per mettere a tacere i suoi impulsi più veri e seppellire i suoi bollenti spiriti sia stato vano. Con Micha nel raggio di pochi metri si sente davvero vulnerabile. Lui è sexy, intelligente e sicuro di sé, conosce di Ella anche i segreti più oscuri e inconfessabili e ha deciso che farà qualunque cosa sia necessaria per averla. E così l’eccitazione, le parole e gli occhi magnetici di Micha scateneranno nella ingenua e inesperta Ella sensazioni mai provate prima, istinti difficili da frenare…

Non decolla. Il secondo non lo leggo davvero. Lentino, poco mordente nella trama, senza sostanza i personaggi. Micha poteva essere tanta roba, ma si perde nel nulla della narrazione, e non perché non ci sia storia, ma perché la sostanza si perde tra situazioni descritte in maniera discutibile.

La Pagina-Autore di Federica D’Ascani/C. K. Harp su Amazon

Post precedente

I sogni cominciano all'alba, di Mariangela Camocardi (I)

Post successivo

Recensione: Silas, di SJ Himes

Federica D'Ascani

Federica D'Ascani

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *