Recensioni

Recensione: Senza parole, di Kim Fielding

Una recensione da quattro stelline di Macrina Mirti.

Titolo: Senza parole (Speechless).
Autrice: Kim Fielding.
Traduzione: Diletta Williams.
Genere: Romance M/M.
Pagine: 51.
Editore: Dreamspinner Press.
Prezzo: euro 3,99 (eBook).

http://www.dreamspinnerpress.com/store/product_info.php?products_id=7464

Travis Miller ha un lavoro da operaio, un gatto di nome Elwood e una vita sentimentale patetica. L’unico raggio di luce nella sua esistenza è il bellissimo chitarrista davanti al quale passa, talvolta, quando torna a casa dopo il lavoro. Ma quando trova finalmente il coraggio di rivolgergli la parola, Travis viene a sapere che quell’ex romanziere, Drew Clifton, soffre di afasia: riesce a capire tutto quello che Travis dice, ma non è capace di parlare o scrivere.

I due uomini soli danno vita a un’amicizia che presto sboccerà in una storia d’amore. Ma la comunicazione è soltanto una delle loro sfide: ci sono anche l’inesperienza di Travis con le relazioni e la sua situazione economica precaria. Se sono le parole a costruire un ponte tra due persone, cosa riuscirà a tenere insieme loro due?

Sullo store di Dreamspinner è disponibile gratuitamente il racconto breve The Gig – L’ingaggio, crossover di Senza parole e Un buono scheletro.

Un bel racconto. Mi è piaciuto perché è romantico con un po’ di pepe e al tempo stesso ironico, senza sdolcinature. Ma andiamo per ordine.

Travis fa l’operaio e ha un occhio solo. L’altro l’ha perso falciando il prato con un vecchio tagliaerba. Una pietra gli è schizzata in faccia colpendolo e orbandolo. Vive in una casa scialba e disordinata con Elwood, un gatto che ha raccolto per “comunione d’amorosi sensi”. Ha un occhio solo anche lui.

Drew, invece, era uno scrittore di successo, ma dopo un incidente automobilistico è diventato afasico: non può più parlare e nemmeno scrivere. Si esprime a gesti o attraverso la musica. Dopo l’incidente, l’uomo che amava lo ha abbandonato, dopo cinque anni di vita in comune, ma Drew non si è lasciato andare. Ogni sera, quando non piove, siede sui gradini della sua casa e suona l’inseparabile chitarra. Travis che, per tornare al suo appartamento dal lavoro, percorre ogni giorno quella strada, lo nota e se ne innamora.

Gli elementi per una storia sdolcinata e strappalacrime ci sarebbero tutti, ma non è così. Il racconto è romantico, delicato, coinvolgente, a volte divertente e ironico. I due protagonisti vivono con coraggio la propria diversità, oserei dire con leggerezza, amandosi con tenerezza e allegria.

Leggendo SPEECHLESS-SENZA PAROLE, mi sono dimenticata che si trattava di un M/M. La storia tra Drew e Travis ci dimostra, se mai ce ne fosse stato bisogno, che l’amore è universale: non conosce età e non conosce sesso. Volersi bene è bello e fa bene, aiuta a vivere. L’amore non dà mai scandalo. Ḕ l’odio il sentimento pericoloso. Forse tutti quelli che scendono in piazza per difendere le cosiddette “famiglie normali” dovrebbero ricordarselo. Drew e Travis (ci mettiamo anche il gatto?) sono diversamente abili, sono gay e sono splendidi.

Racconto ben scritto, che scorre via agile e veloce. Consigliato a tutti quelli che amano la bella scrittura e le storie romantiche.

Oso quattro stelline. Era davvero carino.

OoO

MACRINA MIRTI

Macrina Mirti su Amazon: http://www.amazon.it/s/ref=nb_sb_noss_2?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&url=search-alias%3Daps&field-keywords=Macrina+Mirti

Post precedente

Diabolik: In mano al nemico

Post successivo

Recensione: "Scritto sulla pelle", di Charlotte Lays

Macrina Mirti

Macrina Mirti

La passione per i romanzi Horror le deriva dalla professione che svolge: è insegnante in una scuola secondaria di secondo grado.
Nei (rari) momenti liberi, scrive come se non ci fosse un domani.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *