Recensioni

Recensione: Oscar, canaglia dal cuore tenero, di Leah Weston

Se amate gli animali, detestate i pregiudizi e volete passare un paio d’ore rilassanti in compagnia di una buona storia, questo racconto lungo di Leah Weston  fa per voi.

Titolo: Oscar, canaglia dal cuore tenero.
Autrice: Leah Weston.
Genere: Romance contemporaneo. Romance M/M.
Editore: Self-Publishing.
Prezzo: euro 1,99 (e-Book).

Cosa fare quando il tuo amato cane ti rende la vita impossibile?
Chris non sa più che direzione prendere ed è quasi rassegnato, ma sarà proprio il suo pit bull Oscar a sorprenderlo, stravolgendogli l’esistenza.

Tra disastri, rovinosi appuntamenti e un pizzico di surrealismo Chris e Oscar si avventureranno alla ricerca dell’amore.

Non tutti sanno quanto i nostri amici pelosi ci amino e quanto si preoccupino per noi. Chris, almeno, ne è all’oscuro e attribuisce tutti i comportamenti messi in atto da Oscar, il suo tenero ma pestifero cagnolone, al carattere eccessivamente vivace e alla disobbedienza congenita che Oscar ha evidenziato fin da cucciolo. In realtà, così non è. Come ogni persona che ha vissuto a lungo con un cane o con un gatto sa bene, i nostri compagni pelosi percepiscono i nostri stati d’animo, soffrono per noi e con noi e tentano di consolarci. Oscar, però, fa di più. Non si limita a essere un semplice spettatore della vita di Chris, ma decide di aiutare il suo umano, disperatamente solo, a trovare un compagno di vita.

Ci riuscirà? Per saperlo dovrete leggere il racconto che è ben scritto e divertente, anche se, sotto sotto, affronta argomenti che stanno a cuore a ciascuno di noi, come la solitudine affettiva e la diversità. Della narrazione in senso stretto ho apprezzato il doppio punto di vista con il quale Leah Weston ci racconta questa piccola storia. Non a caso, ogni capitoletto si apre con il nome del narratore (umano o peloso) e i due, narratore e punto di vista, si alternano. Capiamo subito, così, che quelli che per Chris sono comportamenti da cane disobbediente e maleducato, per Oscar altro non sono che tentativi per movimentare la vita del suo umano, priva di calore e di emozioni. Delizioso il punto in cui Oscar si meraviglia perché Chris, finalmente innamorato, tornando a casa non si accorge del rotolo di carta igienica che lui, proprio come il cucciolo della Scottex, ha diligentemente avvolto intorno ai mobili.

Quattro stelline. Da animalista convinta non potevo dare di meno a un racconto che ha per protagonista un simpatico cagnolone.

Da leggere anche se non avete un amico peloso. Forse, vi verrà voglia di averne uno.

Macrina Mirti collabora da tempo con il Blog. QUI i suoi libri.

Post precedente

L'Artiglio Rosa: Dellamore, Henley, Kaye

Post successivo

News: Pandemonium Road, di Anonima Strega

Macrina Mirti

Macrina Mirti

La passione per i romanzi Horror le deriva dalla professione che svolge: è insegnante in una scuola secondaria di secondo grado.
Nei (rari) momenti liberi, scrive come se non ci fosse un domani.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *