Gli amici del MagRecensioniRubriche

Recensione: La croce del guerriero

Titolo: La croce del guerriero.
Autrici: Madeleine Urban & Abigail Roux.
Genere: Romance M/M.
Editore: Dreamspinner Press.
Prezzo: euro 4,82 (eBook).

La valutazione di Fernanda Romani: cinque stelline.

Cameron Jacobs è come un libro aperto. Ha un lavoro banale di cameriere, amici semplici, hobby noiosi, cani innocui e niente che somigli anche lontanamente a un segreto… tranne la cotta per l’uomo alto, tenebroso e bello in maniera sconvolgente, che ogni martedì sera va a cenare tutto solo nel ristorante dove Cameron lavora. Gli basta tuttavia una sola notte di passione con Julian Cross perché il suo mondo venga travolto.

L’amore e la devozione di Julian sono più di quanto Cameron avesse mai sperato di ottenere. Ma quando la sua vita ordinaria incontra – e si scontra – con quella straordinaria di Julian, Cameron scopre che paura e fiducia possono andare di pari passo, e che fra l’amore e il pericolo la distanza è minima.

“Sono l’unico a non aver paura di te?”
Julian annuì in silenzio e si strinse nelle spalle.

Questo è l’inizio del rapporto tra Julian e Cameron, la base che dà forza e debolezza al loro stare insieme.

Le due autrici, note per la fortunata serie “Armi e bagagli”, hanno saputo dare a questo romanzo un’intensità di sentimenti e di significati che rimane dentro a lungo e non se ne vuole andare.

Julian e Cameron non se ne vogliono andare.
Il primo è un uomo misterioso, di cui molti hanno paura a prima vista. Non certo per il suo aspetto –  è attraente e pieno di fascino – ma per istinto. Si percepisce che è un individuo pericoloso.
Eppure Cameron, un cameriere che per mesi lo vede frequentare il ristorante dove lavora, non ne ha mai avuto paura. Ha notato solo l’uomo bellissimo e virile, e ne ha fatto il proprio sogno.
Quando, la vigilia di Natale, si porterà a casa quello sconosciuto che molti temono non lo farà a cuor leggero.
Ma come si può resistere a un sogno che diventa realtà?

Lui è un bel ragazzo, però è consapevole di rientrare in quella categoria di uomini medi che non emergono mai dalla massa. Nessuno dei suoi compagni occasionali è mai stato interessato a intrecciare una relazione con lui, qualcuno lo giudica anche un tipo noioso, sicuramente ordinario.
Solo Julian lo guarda con occhi ardenti e non scompare nel nulla dopo una notte di passione.
Julian torna, sempre.
Cammina attraverso una bufera di neve pur di non mancare alla sua parola, torna ferito, contuso, zoppicante, ma torna ogni volta che può.
Nasce tra loro un legame forte eppure fragilissimo.
Due estranei che si sono incontrati e devono imparare a conoscersi. Non hanno nulla in comune, soltanto i sentimenti e il desiderio, immensi ma insufficienti in un rapporto che vorrebbe  essere qualcosa di più di un incontro fra corpi.

Julian fa un lavoro  pericoloso, di cui non vuole parlare,  e Cameron si troverà a chiedersi di continuo cosa ci trovi in lui quell’individuo che pare lontano anni luce dal suo ambiente e dalla sua vita.
Ogni volta che lo vedrà partire “per lavoro” vivrà nell’incertezza di non vederlo tornare, non solo perché non riesce a farsi una ragione di poter interessare uno così, ma anche perché teme quel mondo pericoloso da cui il suo compagno vuole tenerlo lontano. Teme che Julian possa morire in qualche vicolo buio senza che lui possa fare nulla per aiutarlo. Ha paura per l’uomo che ama, non per se stesso.
Non aspettatevi una storia hot. C’è una sola scena di sesso, lunga, piena di passione e tenerezza, ma una soltanto.
E non si tratta nemmeno di un romanzo d’azione, malgrado il lavoro di Julian preveda armi, agguati, nemici di ogni tipo.
L’intero libro è la storia di due persone che cercano, con tutte le loro forze, di stare insieme.

Imparare a conoscersi non è facile. Non è facile per Cameron rispettare i segreti di Julian, così come per quest’ultimo non è facile dare all’uomo che ama le certezze a cui aspira.
La loro non sarà mai una storia “normale”. É una relazione che rischia di devastare due vite e lasciare dietro di sé solo cenere e macerie.
E ferite che non si chiuderanno mai.
Julian rimase dov’era, guardandolo in silenzio.“ Amarsi non è sufficiente, vero?”
L’amore non basta, la buona volontà non basta. Ci sono momenti in cui nulla sembra sufficiente a superare le differenze, le avversità, il dolore.

Quanto si può arrivare a soffrire per la paura di perdere l’altro prima che la sofferenza diventi l’unica sicurezza? Può un rapporto vivere di un equilibrio precario? É giusto rinunciare per il bene dell’altro? É meglio vivere nell’incertezza un grande amore oppure vivere di rimpianti sapendo di essere al sicuro?
Julian e Cameron si ameranno, soffriranno, rischieranno di distruggersi l’un l’altro ma, alla fine, troveranno le risposte.

OoO

GLI AMICI DEL MAG

Fernanda Romani su Amazon

Post precedente

San Valentino, Antonella Sacco

Post successivo

La grotta nel bosco, Manuela Chiarottino

Fernanda Romani

Fernanda Romani

Fernanda Romani è autrice della Saga Fantasy "Endora".
Socia di EWWA, collabora come "recensora" con il nostro Blog.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *