Recensioni

Recensione: Killer di Cuori e altri semi, di Anonima Strega

♥ KILLER DI CUORI – Stregare un negromante invidioso non è semplice quando ha riportato in vita l’uomo dei tuoi sogni per ucciderti.
♣ LA FELCE E IL FALÒ – C’è un orco molto più sexy di quelli delle fiabe. Per la sua specie sei mostruosa. Potrai sedurlo con la magia della natura?
♦ CLAUSOLA DI RESCISSIONE – E se Paganini, Mozart, Chopin, Vivaldi e Beethoven tornassero per un talent show con un gruppo black metal? Chissà cosa ne penserebbe un’opinionista strega…
♠ LA FAME DEL GHOUL – Può l’amore di una strega andare oltre l’apparenza di un mostro che cambierebbe aspetto grazie alla passione?

Titolo: Killer di Cuori e altri semi.
Autrice: Anonima Strega.
Genere: Paranormal Romance.
Editore: Self-Publishing.
Prezzo: euro 0,99 (e-Book).

Cuori, Fiori, Quadri, Picche… Come Quando Fuori Piove… Così mia madre mi insegnò a memorizzare i semi delle carte da gioco. Questo ricordo è saltato fuori non appena ho acquistato questa antologia.

Conosco da tempo Anonima Strega: di lei il Blog si è occupato in più occasioni. Il giudizio positivo che sempre ho dato delle opere lette viene confermato anche per questi quattro brevi racconti. Notate che la brevità non va a scapito della qualità delle storie e della scrittura, sempre di ottimo livello.

Una lancia bella appuntita la spezzo anche per il mondo self, di cui Anonima Strega è appassionata rappresentante: sempre più spesso trovo -come in questo caso- belle storie, scritte e “confezionate” in modo superbo. Mi dispiace che, nel marasma generale, non sempre questi piccoli gioielli riescano a emergere.

L’autrice presenta quattro storie in cui le streghe di una congrega (vi farete una cultura enciclopedica sui rituali magici) si trovano di fronte a orchi, goul, demoni e negromanti. Per gli amanti del paranormale una vera goduria.

Se devo indicare il racconto che più mi ha colpito, direi che la palma tocca a “La fame del goul”. Lo, so, sotto la vecchia buccia c’è una sedicenne romantica.

ANONIMA STREGA si occupa da sempre di tematiche legate all’occulto. Preferendo tutto quanto concerne l’universo femminile neopagano, è di conseguenza al contempo molto romantica, anche se l’oggetto dei suoi desideri esce spesso dalle righe, così come i personaggi delle sue storie. Crede fermamente che gli elementi del creato siano guida e strumento, sia per le streghe, sia per i protagonisti di avventure d’amore paranormali, come quelli della trilogia “Le spose della notte” e dei romanzi “Spettabile Demone”, “Il Diavolo e la Strega”, “L’Alchimista Innominato” e “Legione magica” (in quest’ultimo ritroviamo alcuni personaggi sia di “Spettabile Demone” sia della trilogia). In una vita precedente ha già avuto a che fare con i libri, ma i vaghi ricordi sono perlopiù negativi, e per libertà di movimento si dichiara disinteressata a qualsiasi proposta editoriale. Il suo antro è situato in un luogo nascosto, custodito da una gatta nera d’angora e una coppia di anziani troll norvegesi. Da lì dispensa consigli magici attraverso il suo sito web .

Post precedente

Il Taccuino di Matesi: Federigo e Nastagio

Post successivo

Recensione: Un mascalzone senza pari, di Virginia Dellamore

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *