Macrina Mirti dice che...RecensioniRubriche

Recensione: In fondo al pozzo, di Marie Sexton

Vent’anni dopo il brutale assassinio della reginetta del ballo Cassie Kennedy, sei adolescenti s’intrufolano nella casa in cui è stata uccisa per tenere una seduta spiritica. Haven sa che sua cugina Elise vuole solo spaventare a morte lui e i suoi amici, ma è pronto a sopportare un altro dei suoi scherzi, pur di avere la possibilità di trascorrere qualche ora con Pierce Hunter, il ragazzo arrivato in città da poco.

Ma la mattina seguente, Elise è scomparsa senza lasciare traccia.

Dodici anni più tardi, Pierce e suo fratello gemello Jordan sono diventati investigatori professionisti del paranormale e conducono una trasmissione televisiva in cui vanno a caccia di fantasmi. Quando Pierce chiama Haven per convincerlo a tornare un’ultima volta nella casa apparentemente infestata, Haven accetta la sua proposta con riluttanza. È agitato al pensiero di incontrare di nuovo Pierce, ma è determinato a ottenere delle risposte. Quella lontana notte, durante la seduta spiritica, hanno parlato davvero con il fantasma di Cassie? Che cosa è successo a Elise? E il mistero più grande di tutti: come faceva sua cugina a sapere del segreto celato nel pozzo?

Titolo: In fondo al pozzo.
Autrice: Marie Sexton.
Genere: Thriller. Romance M/M.
Editore: Self-Publishing.
Prezzo: euro 3,34 (eBook).

Elise e Linsey sono sorelle, Haven loro cugino. Vivono nella stessa, piccola città della provincia americana e sono molto uniti. Elise è la più grande dei tre, ha diciannove anni, ama raccontare storie da brividi e si diverte a spaventarli a morte. Ẻ per questo motivo che, una sera di inizio agosto, li convince a passare la notte in una casa stregata, quella dei Gustafson, infestata, secondo le voci popolari, da una ragazza che lì è stata uccisa e dal suo assassino. Insieme ad alcuni amici, i tre partecipano a una seduta spiritica, durante la quale Elise, in stato di trance, rivela l’esistenza di un pozzo dove sono nascosti i cadaveri di alcune ragazze. Quella notte, sarà anche l’ultima notte di vita di Elise, che scompare senza lasciare tracce.

Dodici anni più tardi, Haven è diventato un famoso scrittore di storie horror e i gemelli Hunter, due dei ragazzi che avevano partecipato alla seduta spiritica di quella notte, producono un programma tv “Paranormal Hunters” in cui lavorano come indagatori dell’occulto. Ẻ per questo motivo che Pierce contatta Haven. I due sono innamorati fin dai tempi dell’adolescenza. I fratelli Hunter vogliono girare una puntata del loro programma nella casa dei Gustafson e tentano di ricostruire il gruppo che, quella sera di dodici anni prima, partecipò alla seduta spiritica. Inizia così la storia di IN FONDO AL POZZO, l’intrigante romanzo di Marie Sexton che, partendo da uno scherzo tra ragazzi, ci conduce alla scoperta di una serie di misteriosi delitti. Il racconto si snoda attraverso un presente e un “dodici anni prima” che scorrono in parallelo. Ẻ Haven che, divenuto uomo,  ripercorre, passo dopo passo, le vicende che portarono alla scomparsa di Elise per scoprire la verità. Ad accompagnarlo nel suo viaggio, in un passato che non è mai riuscito a dimenticare, ci sarà Pierce, l’amore dell’adolescenza che diventerà anche l’amore della vita.

La storia mi è piaciuta: è intrigante e ben scritta, anche se ricalca alcuni stereotipi americani (come per esempio quello delle trasmissioni dei cacciatori del paranormale) che da noi sono pressoché sconosciuti. Mi è piaciuta anche la doppia narrazione, presente/passato, una storia nella storia che si sviluppa senza creare problemi di comprensione. Alla fine, l’intricata matassa di dodici anni prima si scioglierà, in maniera abbastanza credibile, e la storia avrà il suo sospirato lieto fine.

Consigliato agli amanti del brivido  leggero e delle storie d’amore M/M, che sono sempre molto romantiche.

Quattro stelline.

Post precedente

Interviste: Tiziana Lia

Post successivo

L'Artiglio Arcobaleno: Cardeno, Calmes, Carpenetti

Macrina Mirti

Macrina Mirti

La passione per i romanzi Horror le deriva dalla professione che svolge: è insegnante in una scuola secondaria di secondo grado.
Nei (rari) momenti liberi, scrive come se non ci fosse un domani.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *