L'angolo di MaddalenaRecensioniRubriche

Recensione: El Diablo, di M. Robinson

Dall’autrice USA Today Best Selling Author M. Robinson.

Ero spietato.
Ero temuto.
Avevo sacrificato me stesso.
Lei.
Ogni cosa…
Vivere in un mondo in cui valgo più da morto che da vivo è stata una mia scelta. Sono un uomo terribile, e non ho mai aspirato a essere nulla di diverso. Ho fatto cose di cui non sono fiero. Ho visto cose che non dovrebbero essere viste. Ho causato dolore a cui non posso rimediare.
È sempre stata una mia scelta.
Ogni decisione.
Ogni ordine.
Che fosse giusto o sbagliato, non aveva importanza.
Fino a lei. Era sotto la mia protezione, finché non è diventata la mia ossessione. Ma chi l’avrebbe salvata…
Da. Me. Stesso. Io, il diavolo. Il fato ci ha fatto incontrare. Il destino ci ha distrutti.


Titolo: El Diablo.
Autrice: M. Robinson.
Genere: Mafia Romance, Dark Romance.
Editore: Quixote Edizioni.
Prezzo: euro 4,99 (eBook); euro 15,42 (cartaceo).

El Diablo, il diavolo. Un romanzo che ha dietro di sé un lavoro impegnativo per portare un’autrice sconosciuta in Italia e una scia di commenti entusiastici.

In primis, vorrei complimentarmi per l’ottimo lavoro svolto dalla Ce, dalla traduttrice e da chiunque si occupi del marketing, perché era da moltissimo tempo che non leggevo tanti pareri su un romanzo. Vi state chiedendo come mai? Molto semplice, questo non è un romanzo d’amore bensì un mafia romance. Avete letto bene tranquille.

Il padre di Alejandro è un uomo duro e deve esserlo per proteggere quello che è “suo”. Un uomo che non esita a tramare azioni orribili pur di trasformare suo figlio, pur di trascinarlo in una spirale di violenza e sangue. A quattordici anni Alejandro commette il suo primo omicidio: è consapevole di chi è, sa di cosa è capace e non vuole tornare indietro, quella è la sua vita e lui la abbraccia in pieno. Lui è il diavolo. Per non soffrire, tiene a distanza tutte le persone che ama, non vuole che nessuno si affezioni a lui, perché così nessuno soffrirà. Si avvolge nella solitudine sentimentale per libera scelta. Che questo non vi faccia provare pietà per lui, vi costerebbe caro, perché El Diablo è e rimane un uomo violento, che trova nel sangue e nella morte l’espressione finale delle sue azioni.

Questo è il personaggio principale, l’autrice è stata coerente nel non farlo cambiare nonostante l’amore irrompa nella sua vita. Alejandro non cede di un passo e questo lo fa rimanere, agli occhi del lettore, un personaggio negativo, nonostante le “buone azioni” che ogni tanto sembrano far capolino nella sua vita e sempre a favore di Lexy.

Lexy è la coprotagonista, ma il suo personaggio mi è sembrato meno forte rispetto ad Alejandro, nonostante alcuni passaggi davvero intensi. Questo, secondo me, è dovuto al solo punto negativo della storia: affrontare quarant’anni di vita in un unico romanzo ha un costo, quello di non dare la giusta attenzione ad alcun aspetti, per forza di cose.

Parlando fuori dalle righe (so che mi attirerò tantissimi anatemi): quale ragazza si avvicina a un mafioso del calibro di Alejandro senza la minima remora, senza una perplessità o uno scontro morale interiore? Sembra quasi che il suo sia stato un passaggio obbligato, ma in realtà non doveva essere così, o meglio non poteva.

Se volete provare a leggere un mafia romance questo romanzo è un buon punto d’inizio.

Voto: quattro stelline.

La Pagina-Autore di Maddalena Cafaro su Amazon

Post precedente

La presentazione di un libro: il relatore, di Amneris Di Cesare (prima parte)

Post successivo

Tempo di Libri - è stato un tempo bellissimo

Maddalena Cafaro

Maddalena Cafaro

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *