A modo mioRecensioniRubriche

Recensione: Don’t let me in, di Valentina G. Bazzani

La vita di Gavin è distrutta dopo che la sua fidanzata, Vivian, muore in un incidente stradale. Il senso di colpa e la rabbia per le circostanze dell’accaduto, aprono un enorme voragine nel petto di Gavin, un buco nero che lentamente divora tutta la sua luce.
Lora, da poco arrivata a New York, è la nuova cameriera del Black Hole, il ristorante gestito da Gavin insieme al suo socio Kit.
Quando Gavin conosce Lora, il suo aspetto ingenuo e pulito in netto contrasto con un carattere solare e tutt’altro che remissivo, lo colpiscono a tal punto da chiedersi se quella ragazza possa essere la medicina giusta per curare il vuoto che c’è dentro di lui.
Quindi le fa una proposta inequivocabile, ma l’avverte: “se non sei assolutamente sicura, ti prego, non lasciarmi entrare.”
Non lasciarmi entrare è il primo capitolo della serie dedicata a Gavin e Lora, un uomo che aveva perso la sua luce e una donna che a sue spese riuscirà a restituirgliela.

imgres

Gavin è un uomo distrutto dalla perdita della moglie incinta del loro primo bambino. È cupo, ombroso, chiuso al sentimento. Le donne le strapazza e le ferisce perché ha rinunciato ad amare. Poi arriva Lora e tutto cambia. Lora è forte, determinata, solare. A Gavin ricorda tanto Vivian, la moglie scomparsa. Resistere all’attrazione è difficile, Gavin ci prova ma alla fine capitola. Ma un segreto mai rivelato a Lora rischia di compromettere il loro rapporto e minaccia come una spada di Damocle il loro amore.

Romance classico, questo di Valentina Bazzani. Ambientato a New York, ripercorre le atmosfere classiche dei romanzi rosa americani senza sbavature né derive di sorta. Scrittura sicura e diretta, accattivante prologo, incipit d’effetto che invoglia a proseguire nella lettura. Personaggi credibili, discretamente caratterizzati, anche se qualcuno forse un tantino troppo esasperato nelle sue reazioni/azioni, buone le storie alle spalle di ciascuno, che permettono di interessarsi e di incuriosirsi a ogni capitolo. Scritto con la tecnica dei due POV alternati dei protagonisti e qualche flash back, Don’t let me in – Non lasciarmi entrare è un buon romanzo, piacevole, ben scritto e con la giusta dose di sensualità e angst, tali da permettere ore di rilassante lettura di puro svago. Si legge d’un fiato, si ha voglia di conoscerne la fine, si raggiunge l’epilogo e si arriva addirittura a desiderare di leggere il secondo episodio – in arrivo a breve, a quanto dice l’autrice – insomma, un romanzo che si raccomanda agli amanti del genere perché dotato di tutti gli ingredienti per piacere e anche qualcosina di più, un messaggio di sottofondo che non guasta affatto.

Unici appunti: qualche refuso (ma questo è fisiologico) e alcune scene con tempistiche di movimento un po’ dubbiose, qualche personaggio “disegnato” un po’ troppo sopra le righe e i flash back un po’ faticosi da focalizzare. Ma si tratta di pignolerie da lettore critico troppo abituato a fare le pulci ai testi.

Valutazione: 4 stelline.

imgres

Titolo: Don’t let me in – Non lasciarmi entrare. (*)
Autrice: Valentina G. Bazzani.
Genere: Romance contemporaneo.
Editore: Self Publishing.
Prezzo: euro 0,99 (e-book); euro 6,80 (copertina flessibile).

Valentina Bazzani, diplomata in psico-socio pedagogia, dopo la diagnosi di bipolarismo, si occupa a tempo pieno di scrittura. Ha pubblicato Sei il mio respiro per Eremon edizioni, Come una fenice, per David and Matthaus edizioni, Il lato oscuro dell’amore per Eve edizioni, L’amore non si nega a nessuno per Butterfly Edizioni, Per tutto il tempo che ci resta, Rupe Mutevole e Guardati con i miei occhi per Arduino Sacco. In self ha pubblicato il romanzo breve L’illusione di noi.
Scrive per il magazine online “Babette Brown legge per voi”, per il quale ha curato la rubrica “Lezioni in pillole per aspiranti scrittori”.

(*) Questo è un ebook interattivo. Toccando il numero del capitolo si aprirà il link della canzone della playlist corrispondente. Per poterla ascoltare è necessario scaricare sul proprio pc, tablet o smartphone, l’applicazione Spotify.

Post precedente

Casa D'Ascani: Il marito ideale... cucina!

Post successivo

News: Loving Donovan, di Went & Thorn

Amneris Di Cesare

Amneris Di Cesare

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *