A modo mioRecensioniRubriche

Recensione: Bruised, di Federica Caracciolo

“Mi chiamo Lele. Non Raffaele, né Raffa, Raf o qualsiasi altro nomignolo stupido. Li odio a morte. Come molte altre cose, a dire la verità. A parte Bianca, naturalmente. Lei è la sola che mi faccia desistere dal restare chiuso nella mia stanza in eterno. Oltre a lei, tanto, fuori da quella porta ci sono solo frotte di adolescenti sfigati, passatempi discutibili e la mia famiglia insopportabilmente perfetta. E poi, c’è Dean. La creatura più ottusa che abbia mai messo piede su questa terra. Superficiale, borioso, inutile. È assolutamente inspiegabile, dunque, che io passi le notti a sognarlo e i giorni a cercare di togliermelo dalla testa, no? Inspiegabile e dannatamente pericoloso perché, per giunta, è il ragazzo dell’unica persona che conti per me. Bianca, appunto. Sempre lei, certo. Perché tutto il mio mondo gira intorno a lei. Lei, che adesso ha avuto la splendida idea di andarsene e mollarmi qui da solo, senza preavviso, con un viaggio in Irlanda saltato e il suo ragazzo che, nei ritagli di tempo tra una sessione in palestra e la venerazione per la sua moto, mi tampina senza ragione apparente, minacciando con la sua presenza irritante il mio già precario equilibrio mentale. Io non ho bisogno di lui, non ho bisogno di Bianca. E nemmeno dei miei. Che poi, se ci penso seriamente, si sta bene anche da soli. Anzi, si sta molto meglio.”

Titolo: Bruised.
Autore: Federica Caracciolo.
Genere: Romance M/M, Romance Contemporaneo, Young Adult.
Editore: Triskell Edizioni.
Pagine: 309.
Prezzo:  € 5,99 (eBook).
Uscita: 07 marzo 2018.

Potrei fare un riassuntino della trama di questo romanzo Young Adult/Lgbt – per le tematiche che abbraccia, ritengo sia un pochino “più” di un semplice MM –, ma sono convinta che rovinerei davvero l’esperienza al lettore che, conoscendo in anticipo la storia dei vari personaggi, si priverebbe di una parte importante della lettura: la scoperta lenta e dosata di tutte le ambientazioni, le circostanze e le dinamiche relazionali dei protagonisti di questa storia.

Perché è vero che i personaggi principali sono Lele e Dean – al secolo Raffaele e Daniele – con una presenza importante in comune, Bianca, la migliore amica di Lele e ragazza di Dean, ma il romanzo di Federica Caracciolo è così pieno di personaggi “minori” – ma non per questo meno intensi e interessanti – da meritarsi un assoluto riserbo su tutta la trama e permettere ai lettori di scoprirla poco a poco e godersela appieno. Potrei dilungarmi a parlare di Morgan, di Olly, del fratellino di Lele e di tutti gli altri personaggi che gravitano attorno ai tre principali, ma impiegherei troppo spazio e, forse, scriverei un saggio in proposito.

Un romanzo scritto magnificamente, costruito in maniera così organica da rendere tridimensionali tutti i personaggi e i luoghi che attraverso la narrazione, molto curata ma allo stesso tempo estremamente contemporanea, si visitano. Tutto in questo romanzo è convincente e visivo, sembra di trovarsi di fronte a un film che vedrei davvero bene sugli schermi cinematografici. E una trama mai scontata, mai grondante di romanticismo fine a se stesso, mai retorica o condiscendente. Anche il finale, non necessariamente tradizionale nel “vissero felici e contenti”, non gravido di cuoricini e arcobaleni, è invece perfetto per questo romanzo, un testo che analizza in maniera puntuale e precisa le dinamiche sentimentali ed emotive dei giovanissimi.

Una cosa vorrei chiedere all’autrice, di cui ho trovato pochissime informazioni in rete: ci sarà un seguito? Un capitolo solo su Morgan? Lo spero vivamente.

Cinque stelline meritatissime.

La Pagina-Autore di Amneris Di Cesare su Amazon

Post precedente

Cuori controvento: il dietro le quinte, di Flumeri & Giacometti

Post successivo

Segnalazioni: I figli dell'amore, di Paola Picasso

Amneris Di Cesare

Amneris Di Cesare

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *