L'artiglio rosaRecensioniRubriche

L’Artiglio Rosa: Assoluzione, di Sloane Kennedy

Una rapida occhiata al Blog… “Ma la recensione l’avete già pubblicata il 23 marzo, a firma Amneris Di Cesare!”
Ebbene sì, avete ragione, ma talvolta la ragazze dello Staff si litigano i romance… e le recensioni raddoppiano.
Questa volta, potete leggere quella della temibile Matesi, la nostra Teresa Siciliano.

Fra erotico m/m e romantic suspense * * * *

Si tratta di un romanzo molto complesso dove alla trama gialla si affiancano in stretta connessione una erotica e una sentimentale, un po’ come succede nei libri di Lisa Marie Rice e della Leigh. E se non bastasse abbiamo anche un ménage, nella fattispecie il mio primo solo m/m.

È stata una lettura davvero singolare, almeno per me, perché è un concentrato di alcuni miei bersagli polemici.

Innanzitutto, detesto, sempre e comunque, i giustizieri. E il fatto che alcuni suoi eroi lo siano è stato il più grande rimprovero che rivolgo alla mia adorata Rice. Io sono una legalitaria: non si deve commettere un crimine per punire un criminale, perché significa scendere al suo livello. Non lo sopporto nella vita, figurarsi nei romanzi. Perché oltretutto, come poteva succedere qui e come succede a Gregory Peck in Bravados, si possono colpire addirittura degli innocenti per sbaglio.

Detesto anche i ménage: perché è difficile andare d’accordo in due, penso, figurarsi in tre addirittura a letto. Anzi per la verità mi pare una faticaccia. Sono pigra? Può darsi.

In questo caso, ci sono dei particolari che non so quanto siano credibili: davvero si può scoprire di essere bisessuali in età così adulta? E non pensavo esistessero ménage fra persone dello stesso sesso. Mia ignoranza?

Consueto, invece, in questo genere di erotici è il fatto che le persone intorno ai protagonisti accettino questo tipo di rapporti come assolutamente normali, mentre in tutta la mia vita non mi sono imbattuta neanche in un caso. Non so se perché si tratta di eccezioni o perché, cosa più probabile, nessuno è venuto a parlarmene.

Vi chiederete perché allora ho voluto leggere questo romanzo. Per la verità è stato un caso, come tante volte nella vita: avevo voglia di un romantic suspense e non sapevo che si trattava di un ménage. Ecco, l’ho detto.

Dopo questo lungo spiegone, spero apprezzerete il fatto che, nonostante tutte le mie prevenzioni, abbia assegnato quattro stelle ad Assoluzione. In verità il romanzo è ben strutturato, complesso e non complicato, delicato (magari fin troppo), nonostante tratti di pedofilia (ovviamente non ad opera dei protagonisti positivi), sentimentale. E qui c’è l’unico, vero limite, trattandosi di un m/m: il bacio è l’esperienza erotica più frequente nel libro, cosa che non mi pare realista, per quanto si sente dire in giro.

Dopo quattro anni all’estero, l’artista Jonas Davenport è tornato a casa per iniziare a costruire il suo sogno di un proprio studio d’arte e di una galleria d’esposizione. Ma non appena è pronto a gettarsi per sempre alle spalle l’oscurità del suo passato, quella ritorna rombando con una vendetta.

L’unica cosa che trattiene l’ex poliziotto Mace Calhoun dall’infilarsi la pistola in bocca, dopo una perdita impensabile, è il suo ruolo in un’associazione clandestina che cerca di ottenere giustizia per gli innocenti, togliendo le vite ai colpevoli. Mettere fine alla vita del giovane artista che ha commesso crimini innominabili contro le vittime più vulnerabili, dovrebbe essere la cosa più semplice del mondo. Allora, perché non riesce a convincersi a premere quel grilletto?

Dopo anni a combattere in una guerra senza fine, che gli ha risucchiato l’anima, il Navy SEAL Cole Bridgerton è tornato a casa per affrontare un’altra battaglia: gestire la scoperta che la sorella minore, scappata da casa otto anni prima, è persa per sempre. Ha bisogno di risposte e l’unica persona che può dargliele è un giovane uomo che cerca a fatica di ricomporre la propria esistenza. Ma non si sarebbe mai aspettato di provare qualcosa di più per il tormentato artista.

Cole e Mace. Uno vive secondo le regole comuni, l’altro si crea le proprie. Uno cerca giustizia attraverso la legge, l’altro con la propria pistola. Due uomini, uno la luce, uno l’oscurità, ritroveranno se stessi e si scopriranno l’un l’altro, una volta che saranno costretti a rimanere fianco a fianco per proteggere Jonas da un male invisibile, che non si fermerà davanti a nulla pur di ridurre al silenzio per sempre il giovane artista.

Ma le cicatrici di ognuno sono profonde, e persino la forza di tutti e tre assieme potrebbe non essere sufficiente a salvarli…

Titolo: Assoluzione (Absolution).
Autore: Sloane Kennedy.
Genere: Romance M/M/M.
Editore: self Publishing.
Prezzo: euro 13,28 (copertina flessibile).

LA SERIE ORIGINALE:

Book 1 – Absolution (M/M/M)
Book 2 – Salvation (M/M)
Book 3 – Retribution (M/M)
Logan’s Need (Escort Series #3) (M/M)
Redeeming Rafe (Barretti Security Series #2) (M/M)
Saving Ren (Barretti Security Series #3) (M/M/M)
Freeing Zane (Barretti Security Series #4) (M/M)
Book 4 – Forsaken (M/M)
Book 5 – Vengeance (M/M/M)
Book 5.5 – A Protectors Family Christmas
Book 6 – Atonement (M/M)

Le recensioni de L’Artiglio Rosa (Matesi)

Post precedente

NEWS: La Dama e il Leopardo, di Emiliana De Vico

Post successivo

NEWS: Oscar, canaglia dal cuore tenero, di Leah Weston

Maria Teresa Siciliano

Maria Teresa Siciliano

Professoressa di Italiano presso il prestigioso Liceo Classico Aristofane di Roma, adora leggere e recensire montagne di libri con penna intinta in un dolcissimo veleno. Temuta e amata in ugual misura, ha plasmato una generazione di feroci lettrici di romance.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *