Recensioni

Ranocchio, di Mary Calmes

EDITORE: Dreamspinner Press.
PAGINE: 157.
COPERTINA: Reese Dante.
TRADUZIONE: Fran Macciò.
PREZZO: euro 3,75 (ebook su
Amazon).
Weber Yates ha sempre sognato di diventare un
professionista del rodeo, ma si ritrova a lavorare come garzone in un ranch in
Texas. La sua unica relazione è con un uomo completamente diverso da lui, così
al di fuori della sua portata che, fosse stato sulla luna, sarebbe stato più
vicino. O a San Francisco, dove Weber si ferma per salutarlo un’ultima volta,
prima di cercare di sistemarsi e di vivere una vita umile e solitaria, proprio
come quella – pensa lui – di un ranocchio.
Cyrus Benning è un neurochirurgo di successo che non
si fa sfuggire un solo dettaglio. Ha messo gli occhi sul principe, vestito da
povero cowboy, sin dall’inizio. Ma ogni volta che Weber se ne va, si fa sempre
più difficile per Cyrus, che non sa fino a che punto il suo cuore potrà
resistere. Ora il dottore ha un’ultima possibilità per dimostrare a Weber che
non è certo il suo lavoro a renderlo l’uomo perfetto per lui, bensì Weber
stesso. Con l’aiuto di sua sorella e della sua famiglia in pezzi, Cyrus è
pronto a dimostrare a Weber che la casa e la vita che ha sempre cercato sono lì
con lui, davanti ai suoi occhi. Cyrus gli ha dato un ultimatum, una volta, è
vero, ma ora questo si è trasformato in un voto solenne: non lascerà che Weber
esca dalla sua vita, mai più.
Leggete un estratto a questo
link (clic su “Read an Excerpt” e poi su “expand”).

Chi è il ranocchio e chi il
principe? Nessun dubbio! Weber Yates è un cowboy da rodeo in disarmo, senza
famiglia, con 42 dollari in tasca e più cicatrici nell’anima di quante ne abbia
sul corpo. Cyrus Benning è un chirurgo all’apice della carriera, stimato dai
colleghi e amato da amici e familiari.
Eppure… è Weber che risveglia
alla vita il freddo e compassato Cyrus: lo fa sorridere, ridere, lo rende
felice. Trasformandolo e rendendolo irriconoscibile agli occhi di chi lo
conosce. O crede di conoscerlo.
Un rapporto con molti alti e
bassi, allontanamenti e ritorni. Ogni volta che Web se ne va, Cyrus si spegne,
per tornare a vivere quando l’amato torna. Una frase ci rivela il bisogno che
Cyrus ha di Weber: “Sei l’unica cosa che
non ho, Weber Yates. Sei quello che mi manca. Sei la parte di me che posso
avere solo quando so che, svegliandomi la mattina, posso vederti al mio
fianco”.
Mary Calmes ci racconta una
storia d’amore molto tenera e delicata. I sentimenti vengono espressi in modo
trattenuto da Web, concitato da Cyrus. Sono due uomini forti che si arrendono l’uno
all’altro. Non preoccupatevi, però, la nostra Mary la conosciamo e quindi
sappiamo che, assieme ai momenti squisitamente romantici, ci aspettano molte scene
hot, narrate con maestria e che ci coinvolgono e strapazzano un po’ il cuore.
Stelline? Tre e mezzo.

Mary Calmes vive a Lexington, Kentucky, con suo marito e due bambini, e
ama tutte le stagioni tranne l’estate. Si è laureata alla University of the
Pacific di Stockton in California con una triennale in letteratura inglese.
Trattandosi di letteratura inglese e non di grammatica, non chiedetele di
indicarvi una proposizione, perché non succederà mai. Ama scrivere, immergersi
nel processo e sprofondare nel lavoro. Può anche dirvi che odore hanno i suoi
personaggi. Ama comprare libri e andare alle convention per incontrare i suoi
fan.
Potete trovare Mary su:

Post precedente

Rischio letale, di Pamela Clare

Post successivo

Senza respiro, di Suzanne Brockmann

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *