News

Playing with me: la presentazione

Ambientare una storia d’amore nel mondo dei film porno? Perché no? Questa è la domanda che mi sono posta. E naturalmente il tutto nasce anche da un’esperienza: in passato ho lavorato anche come sceneggiatrice: per sbarcare il lunario ho accettato di collaborare con una casa di produzione di film hard. E così mi sono ritrovata a scrivere quelle storie, a conoscere produttori e attori che avevano speranze, sogni, obiettivi. In un mondo che stava cambiando velocemente, per tecnologia e per fruizione…
È così che sono nati i personaggi di questa storia. Non sono realmente esistiti, ma sono reali le sensazioni che mi avevano trasmesso, la loro voglia di cambiare o di sfruttare al massimo il poco tempo che avevano a disposizione.
Gossip a parte, la difficoltà è stata proprio quella che non volevo solo mostrare cosa accadesse su un set, ma volevo rendere “fredde” alcune scene, e “calde” altre (e non come ci si aspetterebbe). Il tutto a seconda di quello che richiedeva l’evoluzione dei protagonisti, il crescendo della loro attrazione, con i sentimenti che dovrebbero andare oltre i pregiudizi e oltre l’ambiente che ci circonda.
Non so se ci sono riuscita. Credo che questo sia un punto che debba essere giudicato dalle lettrici. Ma spero tanto di aver trasmesso quello in cui credo. Ovvero che possiamo farcela. Sempre.

Titolo: Playing with me.
Autrice: Emmanuelle Dyson.
Genere: Romance erotico.
Editore: Self.
Prezzo: euro 0,99 (eBook).

Sabrina ha 19 anni e ha appena risposto a un singolare annuncio. Terminata la scuola, in una calda, assolata e vuota Milano, al posto di andare in vacanza con gli amici, si ritrova a fare un colloquio come assistente di produzione sul set di una piccola casa di produzione.
Di film porno.
Ma a Sabrina non basta.
È l’incontro con Max, navigato attore a luci rosse, chiuso e introverso, a far venir fuori il suo talento anche davanti alla macchina da presa. Un talento che, se lasciato senza regole, rischia di rovinarla, di distruggerla. Tra lui e Sabrina è attrazione a prima vista, al di là del proprio passato e delle proprie paure.
Due anime in cerca di una strada.
Eppure, ogni regola ha la sua controregola e nessuno regala nulla. Soprattutto in un mondo dove la merce di scambio è il proprio corpo.

Post precedente

Mille istanti di te, Sabrina Grementieri

Post successivo

Musica: “A moon shaped pool”, l’apice dei Radiohead

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *