EventiGli amici del MagRubriche

Più Libri Più Liberi: Quando la poesia incontra la moda

Come un sogno ad occhi aperti può portarti su una Nuvola.

Tutto è cominciato a inizio estate. Quelli a cui raccontavo questa mia idea mi guardavano come fossi matta, quella che ha sempre idee un po’ folli, si vabbè tanto te con le solite idee campate per aria…

Lo so, non sono una poetessa e anzi a me questo termine mette pure un po’ soggezione, però avevo scritto delle cose, un po’ in rima e un po’ no. Poi ne sono uscite fuori altre. Allora le ho portate da un editore in gamba che si chiama Marco Limiti che, pensate un po’, senza chiedere soldi per la pubblicazione (perchè gli editori seri esistono!), ha detto uhmmm… mi piacciono, sono originali, sono diverse, quando passi a firmare il contratto?

Poi mi son detta “Hai visto mai che la straordinaria Giulia Gorga avesse voglia di illustrare questi versi contro, cioè questi versi controversi?” E lei ha detto con la sua rassicurante tranquillità e le matite pronte in mano… Sì, dai ci provo.

Poi mi son detta “Pensa che bello se questi deliziosi disegni dei personaggi dei miei controversi venissero vestiti da una stilista, magari una di quelle dell’Alta, Altissima Moda!”. Così ho mandato delle mail, venti per la precisione, a personaggi della moda, peraltro a me sconosciuti, che però facevano cose che mi piacevano un sacco. Ha risposto Sabrina Persechino e io mi son detta “Non ci posso credere”!

E poi sono arrivati i ragazzi del Liceo Artistico Caravillani, che in questi giorni sono chiusi nell’atelier di Sabrina che scelgono, tagliano, cuciono e incollano stoffe preziose e colorate sui disegni di Giulia dei protagonisti delle mie poesie controverse, perché per lavorare a mano centinaia di copie del libro servono cuori giovani ed entusiasti.

Una sera è passato di qua Andrea Mariotti, che è un poeta severo con i baffi e pure professore di poesia. Gli ho detto se per caso gli andava di darmi dei consigli e lui ha letto i controversi (e io tremavo) e così ha tagliuzzato qualche virgola di troppo, e poi ha tagliato un po’ di superfluo (perchè i poeti veri tagliano un sacco, sappiatelo).

La grande poetessa Anita Tiziana Laura Napolitano mi ha scritto una prefazione bellissima e ha detto che il libro lo vuole presentare lei.

“Sarebbe un sogno presentare il libro nella Nuvola!” Peccato che tutte le sale della fiera del libro dentro la Nuvola fossero prenotate già da primavera. Ed ecco che è arrivata Cinzia Marulli Ramadori che è una poetessa bravissima, che mi ha detto “Dai ti lascio il mio posto domenica 10 alle tre e mezza del pomeriggio (perchè l’Amicizia esiste e anche perchè pochi sanno che il suo pseudonimo è….Nuvola!).

“Pensa che bello se Ombra Di Luce, che è un’attrice brava, avesse voglia di interpretare qualcuno dei miei controversi! E lei ha detto sì. E poi anche Daniele e Michela Cossidente pare vengano da Venezia con le telecamere di Hto.tv a riprendere i ControVersi, Poesie prêt-à-porter. E così io, Giulia, Sabrina, Anita, Marco, Ombra, Cinzia, Andrea, Daniele e Michela, i ragazzi del liceo artistico Caravillani e un sacco di altri amici, domenica 10 dicembre alle 15,20 saremo a Più libri più liberi, nella sala Giove della Nuvola per raccontare a chi vorrà ascoltare che non bisogna mai e poi mai smettere di credere nei propri sogni e che, come diceva il buon Steve Jobs… stay foolish! Me, always!

Presentazione della raccolta Poesie pret-a-porter di Manuela Minelli

illustrate da Giulia Gorga

Intervengono l’autrice, l’illustratrice, Marco Limiti, Anita Napolitano e Sabrina Persechino

A cura di Edizioni Progetto Cultura

Più libri più liberi è l’unica fiera al mondo dedicata esclusivamente all’editoria indipendente: cinque giornate dove scoprire le novità e i cataloghi di oltre 400 editori, incontrare autori, assistere a performance musicali, reading e dibattiti. Un’occasione da non perdere per lettori e addetti ai lavori.

Post precedente

Recensione: Il pasto dell'iguana, di Federico M. Rivalta

Post successivo

News: Vivere in controluce, di Giorgia Golfetto

Gli Amici del Mag

Gli Amici del Mag

Sono quelli che scrivono a Babette Brown: "Senti, avrei una cosetta da mandarti. Posso?"
E Babette, fregandosi le mani, incamera e pubblica.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *