News

News: Una bisbetica sotto l’albero

Siamo di nuovo vicine all’appuntamento natalizio, un periodo che io adoro. Desidererei vivere costantemente nell’atmosfera della Vigilia di Natale, passeggiando tra luci, colori e aria di festa. Amo il freddo pungente e la città imbiancata di neve.

Quest’anno, vi presento “Una bisbetica sotto l’albero”, un romanzo breve dal profumo classico, ambientato nella mia meravigliosa Londra vittoriana e nelle campagne di Cambridge.
Madeline Petty-FitzMaurice, come tutte le mie protagoniste, è una giovane al di sopra delle righe che, a causa del comportamento poco ortodosso, si ritrova davanti a un matrimonio imposto dalla regina Vittoria con un Duca, che è un impenitente libertino.
Che cosa mai avranno in comune due persone intolleranti al matrimonio e costrette, loro malgrado, a frequentarsi?
Cupido è nell’aria e l’atmosfera di Natale diviene un preludio alla fiamma dell’amore, minacciata però da una donna senza scrupoli che odia la futura duchessa di Homburg.
Non vi svelo altro e vi invito a leggere il libro… non appena uscirà.
A Natale, per voi, da Simona Liubicich.

diapositiva1

Madeline Petty-FitzMaurice, la maggiore delle tre figlie del marchese di Camden, amministra da tempo l’enorme proprietà di famiglia immersa nella campagna di Cambridge. Decisa a non sposarsi, cavalca come un uomo e respinge qualsiasi pretendente usando metodi poco “convenienti” a una donna del suo rango. Tutto ciò accade sino a quando la regina Vittoria non decide di rimediare alla situazione, ordinando il suo matrimonio con il Duca di Homburg, Alexander Landgrave, noto libertino della corte di Londra e refrattario a qualsiasi legame con le donne se non per puro trastullo personale.

Potranno due persone così diverse e determinate a mantenere le rispettive posizioni, sperare in un’unione che valga qualcosa di più di un contratto? E la giovane Madeline riuscirà a tenere testa a una donna innamorata del Duca e che la odia più di qualunque cosa?

P.S. Il romanzo uscirà contemporaneamente anche in lingua spagnola.

Post precedente

Trattini, virgolette, o caporali?

Post successivo

Il Taccuino di Matesi: Angelica marchesa degli Angeli

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *