News

News: Phantom, di Lida Deghkhadirian

Fuggita dalla casa in cui è morta, al suo ritorno fa la conoscenza dell’emissario della morte Aléxandros e del motivo per cui si è trasferito da lei.  Tra i suoi tentativi di tenere lontano da sé l’emissario e scoprire quali sono i suoi poteri di fantasma, Erin scoprirà chi è stato a ucciderla e il motivo di tale gesto.

Titolo: Phantom(Scythes of death Vol. 1)
Autore: Lida Deghkhadirian.
Genere: Paranormal Romance.
Editore: Self-Publishing.
Prezzo: euro 2,99. Data di pubblicazione: 15 febbraio 2017.

Mentre scrivevo il libro, guardavo film di ogni genere, dagli horror ai comici agli spara-tutto. Ispirazione a me!

I nomi dei personaggi li ho scelti attentamente. Quello di Erin, ad esempio, doveva essere un chiaro riferimento al suo carattere, al fatto che è mutabile come quello delle  dee dell’antica grecia, le Erinni. Il nome di Aléxandros, l’emissario e protagonista maschile, è un indizio riguardo al suo passato.

L’emissario ha il carattere più strano tra i vari personaggi del romanzo: a tratti è un grandissimo str**** che tratta tutti con superficialità; quando si accorge di aver sbagliato, poi, cerca di rimediare, ma senza scusarsi mai. Non bisogna dimenticare che è un megalomane narcisista, un chiaro indizio della sua parentela, e un buffone di prima categoria. Per questo suo modo di fare, ho trovato delle difficoltà nella stesura della storia: avere a che fare con un personaggio così contraddittorio mi portava spesso a volerlo prendere a calci. Frustrante, vero?

Il libro inizialmente doveva essere interamente dal punto di vista di Erin, ma dopo una decina di capitoli ho notato dei buchi nella storia: alcune informazioni mancavano, altre non erano chiare. Così ho inserito anche il punto di vista dell’emissario e devo dire che farlo mi è stato d’aiuto per capire meglio entrambi i personaggi.

La copertina? Fatta in casa.

imgres

Lida Deghkhadirian è nata a Cava de’ Tirreni nel 1992. Studentessa nella facoltà di Lettere e Filosofia all’università Federico II di Napoli. Ama leggere libri, manga, partecipare alle fiere medievali e ai comicon. Una sua scheggia è stata pubblicata in Schegge per un Natale Horror 2015 dal sito Letteratura Horror. Phantom è il suo primo romanzo.

 

 

Post precedente

Intervista: Gino Marchitelli, noir e impegno sociale

Post successivo

News: Non mentirmi, di Sagara Lux

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *