News

News: Il Risveglio (Akeros Legacy I), di Ashlyn McKyle

“Questo è il luogo in cui sei stata concepita, quello in cui la trama e l’ordito si sono intrecciati per assumere nuove sembianze.
Il tessuto di cui sei fatta è pregno di una forza che attinge alla terra stessa…”

Lei è un’arma, ma ancora non lo sa.
Loro la vogliono.
Loro la cercano da prima della nascita dell’uomo e non si fermeranno sino a quando non raggiungeranno i loro scopi.

Tornata in Irlanda per il funerale dell’amata nonna, la vita di Theresa è a un bivio.
Lì, nel luogo in cui ha vissuto la sua infanzia, lo strano potere che da sempre l’accompagna diventa man mano più incontrollabile, costringendola a fare i conti con un passato dimenticato e con un mondo che credeva essere il frutto di un’inquietante fantasia.
E chi è veramente Mikhail MacMouldon, l’ammaliante esecutore testamentario di Mairie MacCallen, che sembra così interessato a lei?
 Solo un uomo ricco e terribilmente affascinante che vuole un’altra donna da esporre nella sua collezione di conquiste o, piuttosto, una creatura senza tempo, dai grandi poteri, che intende appropriarsi delle capacità di Theresa e utilizzarle per i propri scopi?
Uno di loro?
I ricordi di Theresa sono stati celati per anni, per proteggerla, ma il momento del suo Risveglio è giunto.
 Ora dovrà solo scegliere da che parte stare.
 Vita o Morte?

Titolo: Il risveglio (Serie “Akeros Legacy, Volume I).
Autrice: Ashlyn McKyle.
Genere: Paranormal Romance.
Editore: Self-Publishing. Uscita prevista: 10 settembre 2017.
Prezzo: euro 2,99 (eBook); euro 12,48 (copertina flessibile).

Ciao, Mi chiamo Ashlyn.

Sono laureata in giurisprudenza, sono avvocato, ma in questo momento faccio la mamma a tempo pieno. Ho due cani e un gatto e adoro i cavalli. Leggo da quando ne ho memoria, ho sempre scritto, e da piccola sognavo, un giorno, di pubblicare un lavoro mio.

Quando avevo ormai perso le speranze, il destino mi ha mostrato la strada, e quel che ho fatto è stato raccogliere le intuizioni di tutta una vita e metterle insieme.

“Il Risveglio”, purtroppo, è nato da un momento di dolore, legato alla mia famiglia: ho dovuto perdonare, amare e comprendere, per poi scoprire che alla fine avevo fatto un lungo viaggio dentro me stessa. L’ambientazione che fa da sfondo alla mia storia è l’Irlanda, una terra che amo profondamente, dove sono stata, per tredici estati di fila, con il mio allora fidanzato e ora marito, alla ricerca del nostro angolo di pace. Easky, in particolare, è l’avamposto in cui ci siamo fermati più spesso: Carol e Louise, due personaggi di contorno della mia storia, in realtà esistono davvero, e spero di aver reso loro omaggio. Inoltre la torre che fa da sfondo alla Cover, è proprio la torre di Easky, scattata da un fotografo irlandese free lance che gira il mondo. Ma questa è stata solo una delle tante coincidenze che ho incontrato durante la stesura del romanzo.

Gli Akeros sono il frutto di una ricerca sulle antiche religioni del mondo. La parola esiste davvero (in Ebraico antico significa “Angelo”). Quando ho iniziato a scrivere ho pensato a loro come a creature dotate ciascuna di una diversa scintilla divina, tecnicamente, ognuna la dodicesima parte di Dio: infatti sono dodici.

Mikhail, è il Principe della Vita e del Dominio assoluto sulla vita. La difficoltà di scrivere dal suo punto di vista era immaginare una creatura onnisciente, totalmente distante dall’uomo. In questo caso (e spero di esserci riuscita perché amo i personaggi coerenti) è stato lui stesso a suggerirmi cosa dire e quando farlo.

Theresa, invece, è la Beathe, l’arma profetica destinata ad avere un ruolo cruciale nell’equilibrio dei poteri. Lei l’ho avuta chiara sin da subito, anche se ho dovuto litigarci un po’ per renderla meno svenevole rispetto alla prima stesura. Il suo nome è un omaggio a mia madre, che mi ha insegnato che l’amore, nonostante tutto, esiste. Theresa è anche la figlia del principe della Morte, e questa influenza la condizionerà non poco nelle scelte future. Perché ovviamente, è un’arma ambita da molti… ma non posso dire altro, perché ”Il Risveglio” è introduttivo rispetto ai capitoli successivi, in fase di stesura.

Tutti gli altri personaggi rispecchiano una parte della mia personalità e mi piace pensare di poter dar sfogo anche ai miei lati più oscuri.

Sono particolarmente affezionata a Zayne, che ho cercato di rendere torbido e misterioso, ma ammetto di amarli tutti, di averli ascoltati e di aver trascritto esattamente le loro parole.

Scrivere è stato un bell’impegno, un viaggio durato due anni, e devo molto all’aiuto della mia editor che mi ha indicato la strada giusta da percorrere. Credo che per chiunque si affacci nel mondo della scrittura sia fondamentale farsi assistere da persone preparate che possano mettere in luce i punti di forza e debolezza del proprio lavoro e del proprio stile e, credo altrettanto fortemente che sia necessaria una buona dose di umiltà.

Post precedente

Recensione: "Master Jack-Passion" e "Master Jack-24/7", di Alexandra Steel

Post successivo

Recensione: L'estate non perdona, di Flavio Santi

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *