News

News: Ho sempre voluto te, di Marta Savarino

Innamorarsi del proprio migliore amico.
Non so a quante di voi è successo, ma a me è capitato.
È un bel casino, non è vero?

Ero una ragazzina: timida, imbranata e bruttina.
Proprio come Anna, la protagonista di questo mio nuovo romanzo che è molto simile alla Marta adolescente.
Il migliore amico in questione, però, non ha nulla a che vedere con il mio. Qui la mia protagonista perde la testa per Aksel, un ragazzo di origine danese e troppo bello per una come lei. Tant’è vero che il giorno in cui lei decide finalmente di dichiararsi, riceve un rifiuto. Un “no” decisamente molto particolare…
Una bugia detta a fin di bene per non ferirla, sta di fatto che la “rivelazione” di Aksel sancisce la fine di un’amicizia che durava da quando i due erano bambini.
Gli anni passano, le vite di entrambi prendono direzioni differenti, ma con un punto in comune: sono diventati entrambi giornalisti e il destino li porta a incontrarsi di nuovo a Torino e lavorare nella stessa redazione.
Tutto bene, no? Anna ritrova il suo migliore amico e in cuor suo spera di riprendere quel rapporto d’amicizia là dove si era interrotto tanti anni prima. E invece no, perché anche se a distanza di tempo, la verità viene a galla e Aksel si trova ad affrontare una Anna furiosa, delusa e decisa a prendersi la sua vendetta sull’ex migliore amico che l’ha ferita tanto profondamente.
Come spesso accade, Anna si accorgerà che la ragione dice una cosa e il cuore ne vuole un’altra…

Titolo : Ho sempre voluto te.
Genere: Romance contemporaneo.
Editore : Amazon Publishing.
Prezzo: euro 3,99 (e-book); euro 9,99 (cartaceo).

Esiste una donna che non si è mai innamorata del suo migliore amico?
Anna è oggi una giornalista molto attraente, in apparenza sicura di sé ma, nel suo intimo, fragile e imbranata, ed è la prova vivente che un uomo e una donna non possono essere amici. Neanche in un romanzo. Specialmente se il migliore amico in questione è un danese, alto uno e novanta, biondo e con il fisico da nuotatore.
Aksel e Anna sono cresciuti insieme e la timida ragazza, da sempre innamorata dell’amico, a diciott’anni si dichiara. Ma Aksel le rivela una verità scomoda e inaspettata. È gay.
I due si separano: il giovane va in Danimarca e la ragazza rimane a Torino. Passano quattordici anni e un giorno la sorte li fa incontrare di nuovo. Anna si è trasformata da brutto anatroccolo in cigno e anche Aksel è un giornalista, di successo e dal fascino ancora più marcato rispetto all’adolescenza. Ma nasconde un segreto, una realtà difficile da condividere anche con la sua migliore amica della giovinezza.
E quando l’amore non trova strade facili, quale miglior aiuto può arrivare se non dalla solidarietà femminile?
Elisabetta e la giovane Victoria, appartenenti a due generazioni diverse, trameranno insieme perché l’amore trionfi. E dopo svariati ostacoli, bugie e segreti, la romantica Copenaghen innevata farà da sfondo a un finale a sorpresa. Perché, come dice Anna, “l’importante, dopotutto, è il finale”.

imgres

Marta Savarino è nata a Torino nel 1981. Lavora in banca, è moglie e madre, ma soprattutto una sognatrice. Fin da giovane ha avuto la passione per i romanzi storici e la storia francese, di cui predilige il periodo di Luigi XIV, il Re Sole. Il suo scrittore preferito è Stephen King. Adora viaggiare e ama la Francia e la Scozia tanto da ambientarci le sue storie. È autrice di romanzi storici e romance che pubblica dal 2011: La Maschera Rossa (2015), La promessa di Jeanne (2014), La Vendetta di Isabelle (2014), La Strega di Skye (2014), Parigi, amore e altri disastri (2014), Fuga da Versailles (2011). Con Amazon Publishing ha già pubblicato Tutta colpa del tè.

Post precedente

Il Mondo Self: Melagrana e cocci di bottiglia, di Lisa Arsani

Post successivo

Il Taccuino di Matesi: Il Principe, di Niccolò Machiavelli

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *