News

News: Giovanna Roma presenta “Razov”

Poche cose mi interessano davvero: le banconote di grosso taglio e le armi. Tutto quello che non è compreso in queste due categorie è tagliato fuori.
Lisa Petrova rientrava nella seconda.
Era la scelta per sbaragliare la concorrenza e rafforzare il mio Impero. Era la garanzia di un caricatore d’arma d’assalto a vita.
Poi mi è esplosa tra le mani. La sicura che la conteneva si è sganciata. Inganni e segreti sono saltati in aria. Il mondo di entrambi si è capovolto. Strano a dirsi, ma non potevamo essere più distanti di così.
Era convinta che fossi il mandante della Morte, mentre io concedo, ai popoli in lotta, il potere di difendersi.
Se non lo credete, avete un’errata concezione di ciò che è giusto e sbagliato.
Permettetemi di aggiustarvi.

Lasciamo la parola all’Autrice.

Si tratta di un sequel, quindi alcuni protagonisti sono personaggi del primo. Le due storie sono in contemporanea, ma le vicende si svolgono in altri luoghi. Ho deciso di sviluppare “Razov“, il capo del protagonista del primo volume, un uomo abile nella manipolazione e nel raggiro, per presentarlo al lettore. Descriverlo nel suo ambiente sociale ha significato aprire un mondo nuovo, molto più grande di “Adam” (primo volume). Il problema riscontrato più volte è stato quello di rispettare le mie idee di sviluppo dall’inizio alla fine. I capitoli risultavano sempre più lunghi del previsto. Grazie alle immagini rimanevo focalizzata sull’obiettivo di ogni scena. Esistono dei momenti “di getto” durante la scrittura, così come nel corso della realizzazione degli accessori, quali teasers, banner, eventi, copertine, booktrailer, ecc. Non sono una scheggia con la grafica, però grazie al supporto dei recensionisti, dei followers che realizzano i teasers e dei bloggers che mi seguono, i romanzi raggiungono i lettori. Mentre scrivevo “Razov” annotavo delle scene per un altro romanzo, studiavo per rendere tutto verosimile, preparavo eventi, interviste, giveaway, recensioni, leggevo libri, traducevo, lavoravo su editing, copertina e sul mio blog. Al termine di tutto questo sono curiosa di conoscere la risposta dei lettori.

imgres

Sono nata e cresciuta in Italia e viaggiato sin da bambina. I generi che leggo spaziano tra thriller, psicologia, erotico e dark romance. Anche quando un autore non mi convince, concedo sempre una seconda possibilità, leggendo un altro suo libro. Sono autrice dei romanzi “La mia vendetta con te”, il suo sequel “Il Siberiano” e lo storico “Il patto del marchese”.

Post precedente

Interviste: Vito Di Domenico ci parla di Altrisogni III

Post successivo

Girelle di sfoglia con cotto e mozzarella

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *