News

News: Allo scadere della mezzanotte, di Simona Liubicich

Agatha Sullivan, restauratrice di antiche ville, si ritrova in eredità una casa nei pressi di Folkestone, lungo le bianche scogliere di Dover.

“La vecchia signora” – come la chiama lei – era appartenuta allo zio Jonas, sir Manchester, apparentemente morto in Argentina dopo essere scomparso nel 1970 senza lasciare traccia.
La scoperta della villa è stupefacente: nonostante gli anni, essa ha conservato al suo interno i mobili originali e, quando Agatha scopre uno studiolo sito in soffitta, accade qualcosa d’inverosimile.
Nascosto dietro una libreria, c’è un passaggio, ma non un passaggio comune: un varco temporale che la riporta indietro di centodiciassette anni, al 1899, nella stessa casa.
Qui Agatha scoprirà segreti, un mondo completamente diverso e… Lord Thomas Witten di Alkham, un nobile banchiere dal fascino irresistibile. Un uomo diverso, legato alle tradizioni dell’Inghilterra vittoriana, vedovo e padre di una bimba di cinque anni.

Scontri, incomprensioni e un’attrazione fatale immersa nell’atmosfera natalizia di fine Ottocento, ma che scadrà il ventisei dicembre a mezzanotte, quando il passaggio si chiuderà per dieci lunghi anni.

Quale sarà la scelta di Agatha? Tornare nel suo mondo o credere all’amore ancora una volta?
Una storia romantica avvolta dal profumo di Natale.

Dietro le quinte…

Quest’anno ho voluto affrontare un argomento nuovo, per la mia penna: il Time Travel. Ne sono sempre stata affascinata e mi sono lasciata coinvolgere, ovviamente facendomi trascinare dai personaggi che prendevano forma durante la stesura.

Agatha, donna moderna, separata e in carriera, vede nella villa di Folkestone un’opportunità di guadagno eccezionale, ma stranamente accade qualcosa che le farà credere di essere diventata matta.

Non può essere – a sua detta – eppure, una volta dentro e scoperto un segreto, si ritrova catapultata indietro di ben centodiciassette anni, al 1899 dell’epoca Vittoriana (come poteva essere altrimenti, con me?).

Un mondo che lei ha conosciuto solamente attraverso i libri e che adesso può toccare con mano, specialmente quando incontra e si “scontra” con Lord Thomas Witten, un uomo tanto carismatico e affascinante quanto legato alle tradizioni così restrittive del suo tempo e che lei non può, né vuole concepire. L’attrazione fatale sembra volerli insieme, ma troppe cose li dividono, in primis quel varco che si chiuderà molto presto e che resterà tale per dieci anni.

Agatha… oh, basta. Se vi racconto tutto, poi non lo comprate!

Che accadrà? Lo scoprirete solo leggendo.

Vi auguro un buon Natale attraverso il mio varco temporale che vi riporterà ai fasti delle strenne vittoriane, tra usi e costumi dell’epoca avvolti da un’atmosfera di vischio e amore.

Dal 20 dicembre su Amazon e tutti i principali store.

Post precedente

L'Artiglio Rosa: Hunt, Harmon, Johansen

Post successivo

Diario di Viaggio: Genova e il Commissario Mariani (IV)

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *