L'artiglio rosaRubriche

L’Artiglio Rosa e le sorelle Martignoni

La
nostra “Recensora” alle prese con Rodrigo Borgia. Torna la rubrica settimanale “Matesi
ha letto per voi”.
LA
PERVERSA GIOVINEZZA DI RODRIGO BORGIA, di Elena e Michela Martignoni.
UN
RODRIGO INASPETTATO (****)
Personalmente
detesto i Borgia, al punto che ho evitato perfino di vedere la serie sky. Però
ho potuto leggere in anteprima il Rodrigo delle Martignoni, che assomiglia ad
una cronaca o a delle memorie fittizie, cioè ad un libro di storia romanzata,
più che ad un romanzo vero e proprio. Tanto è vero che è quasi del tutto
assente il dialogo. Nell’insieme è scorrevole e si legge bene. Non mi piace
molto il titolo: infatti Rodrigo, pur essendo soprattutto un uomo di potere e,
come si diceva una volta, un atleta del sesso, non mi sembra un pervertito, a
parte, forse, una scena di orgia, ma più un lussurioso, termine certo poco
adatto ad un titolo. Anzi, in qualche modo, riesce simpatico (e ce ne voleva
per sedurmi), con la sua vitalità e la sua voglia di piacere, che non sconfina
mai in una vera e propria ossessione sessuale, e con un certo suo rispetto per
le donne, a qualunque classe appartengano, e in genere per le persone
intelligenti e leali. Non so se il testo appartenga al genere erotico, dal
momento che le descrizioni degli amplessi non mi sembrano eccitanti, anzi a
volte sono quasi scientifiche. Ma forse non ho abbastanza esperienza in romanzi
storici di questo tipo.
Comunque
una lettura gradevole ed interessante.

Post precedente

Più che personale, di K. C. Wells

Post successivo

Buon compleanno Mr. Clapton, di Alessandro Ceccarelli

Maria Teresa Siciliano

Maria Teresa Siciliano

Professoressa di Italiano presso il prestigioso Liceo Classico Aristofane di Roma, adora leggere e recensire montagne di libri con penna intinta in un dolcissimo veleno. Temuta e amata in ugual misura, ha plasmato una generazione di feroci lettrici di romance.

1 Commento

  1. Babette Brown
    4 aprile 2015 at 20:46 — Rispondi

    Matesi sedotta. Interessante…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *