L'artiglio rosaRubriche

L’Artiglio Rosa si sbizzarrisce

Matesi torna, come ogni sabato, con le sue recensioni.

Free Fall (GD Team II), di Monica Lombardi.
Cinque stelline.
Romantic suspense molto complesso, di lettura davvero
impegnativa, soprattutto nella prima parte, quando chi legge deve ricostruire i
legami con i due volumi precedenti e con una folla di personaggi diversi, dalla
fisionomia spesso non ben definita. La Lombardi ha notevoli capacità di
scrittura, che le permettono di tenere sotto ferreo controllo la trama
giallo-spionistica e insieme approfondire l’aspetto sentimentale soprattutto
nella coppia Jet-Nicky, senza sbavare mai nel sentimentalismo e nel
melodrammatico.
Un romanzo eccellente.
Molto più di un’avventura, di Julie James
Quattro stelline.
Una storia semplice di vita quotidiana, sebbene abbia per
protagonisti due persone di successo. Come può succedere che una buona storia
di sesso si trasformi in una d’amore? Grande finezza psicologica. Qualche scena
commovente.
Impropria invece la copertina.
Desiderio conosciuto, di Lora Leigh
Quattro stelline.
“Ragazzi, ultimamente c’è un sacco di gente che esce dalla
tomba!” Se la Leigh mette nella mente di Bailey questa battuta, vuol dire che
pure lei è consapevole di quanto sia assurdo l’impianto di base della serie: un
corpo di élite costituito tutto da persone ufficialmente morte che rinunciano,
quasi sempre senza motivi seri, alla loro vita personale! Cosa ci può essere di
più assurdo?
Questo volume, inoltre, ha una trama
particolarmente intricata e quindi piuttosto faticosa da seguire, almeno per
me, come sta succedendo troppo spesso nei romantic suspense a puntate più che
ad episodi. Contemporaneamente ho identificato piuttosto alla svelta l’identità
del supercattivo, cosa che non va a merito del livello giallistico della
vicenda.
Tuttavia, nell’insieme il romanzo mi è piaciuto.
Certo iniziare con una delle sue bollenti scene di sesso, senza neanche farci
conoscere prima i protagonisti, mi è parso improprio da parte della Leigh. Non
parliamo poi del fatto che si va a modificare il finale del volume precedente,
di cui scopriamo di non aver capito cose importanti.
Però traduttore ed editor hanno addolcito un po’
il solito linguaggio forte e c’è almeno una scena di sesso che diventa una vera
scena d’amore. Inoltre sono grata all’autrice del fatto che almeno c’è stato
risparmiato il sadomasochismo, di cui ero stata gratificata in una serie
precedente.
Nell’insieme, soprattutto per chi ama la Leigh,
un buon romanzo.
Il cacciatore di nuvole, di Ornella Albanese
Cinque stelline.
Il romanzo è molto migliore anche del Cacciatore di dote.
Impeccabile la costruzione della trama, sempre interessante l’azione. La
psicologia dei due protagonisti è molto approfondita e convincente l’evoluzione
del loro rapporto. In modo particolare sono stata sorpresa piacevolmente dal
cambiamento di Gemma, a cui bastano venti pagine per conquistarmi del tutto.
Appassionante la soluzione di tutti i misteri, decisamente fondamentale la
sartoria e Isadora.
Insomma, bellissimo.

Post precedente

Intervista: Bianca Rita Cataldi

Post successivo

Intervista: Alessandra Oddi Baglioni

Maria Teresa Siciliano

Maria Teresa Siciliano

Professoressa di Italiano presso il prestigioso Liceo Classico Aristofane di Roma, adora leggere e recensire montagne di libri con penna intinta in un dolcissimo veleno. Temuta e amata in ugual misura, ha plasmato una generazione di feroci lettrici di romance.

4 Commenti

  1. 13 dicembre 2014 at 14:59 — Rispondi

    Buongiorno Babette e buongiorno Teresa! Teresa, non so che cosa io faccia per convincerti ad avventurarti in terreni che ti risultano un po' ostici (la spy story corale, in questo caso) ma riesco a farlo e ne sono davvero felice. Continuo a pensare che la sfida ti diverta, ma so anche che a metà libro avresti voluto rincorrermi con qualcosa di minaccioso in mano. Saremmo state un bello spettacolo, mi sa. Grazie mille davvero, e alla prossima!

    • Teresa Siciliano
      13 dicembre 2014 at 15:52 — Rispondi

      Fortuna che queste intenzioni restano sempre tali.
      Quanti ai tuoi mezzi di convinzione, ovviamente sono i tuoi romanzi precedenti.

  2. Teresa Siciliano
    13 dicembre 2014 at 15:54 — Rispondi

    Ma perché non riesco mai a vedere gli errori nell'anteprima?

  3. Babette Brown
    15 dicembre 2014 at 14:06 — Rispondi

    Quando posti un commento? Non ho fatto caso alla questione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *