News

Marilena Boccola presenta “Una vita in più”

Simone, o meglio, il dottor Simone Ferrante è il promettente e affascinante manager di un’importante Fondazione bancaria il quale, dovendo lavorare a stretto contatto con la direttrice generale della Fondazione, la dottoressa Anna Laura Gualtieri, inaspettatamente si sente attratto da lei, anche se la raffinata e bellissima quarantenne, distaccata e severa, non perde occasione di rimproverare i suoi ritardi e affermare il proprio ruolo di superiorità in azienda.

Tuttavia, giorno dopo giorno, nonostante gli scontri e le resistenze iniziali, la corazza che l’avvenente donna in carriera, sposata e con figli, si è costruita nel tempo inizia a incrinarsi e, complici alcune situazioni propizie, il fuoco della passione divampa tra i due protagonisti, al di là di ogni freno razionale. Se poi,  oltre all’attrazione sessuale, subentrano anche dei confusi sentimenti, il rischio di finire bruciati diviene pericolosamente probabile.

Fanno da sfondo a questa piacevole commedia romantico/erotica, narrata dal punto di vista maschile, l’ex fidanzata di Simone, il collega gay Luca e Debora con i quali il protagonista trascorre le pause-pranzo, gli amici con cui esce alla sera o programma le vacanze estive e i familiari che incontra nei tradizionali pranzi domenicali.

“Una vita in più” è un romanzo autoconclusivo, spin-off di “Abbracciami più forte” pubblicato dalla stessa autrice nell’agosto del 2015.

http://www.amazon.it/Una-vita-pi%C3%B9-Marilena-Boccola-ebook/dp/B01BEM5G1A/ref=pd_sim_351_1?ie=UTF8&dpID=415FTwacPAL&dpSrc=sims&preST=_AC_UL160_SR102%2C160_&refRID=08QQFR4SR49YAN5DQ6WM

“Una vita in più” è in assoluto il mio primo romanzo, benché sia il terzo da me pubblicato. Auto-pubblicato, per la precisione. Vi racconto com’è nato: nel 2011, vinsi il concorso letterario “Racconti nella rete” con il racconto per bambini, “Il ragno Luigi”, poi pubblicato da Nottetempo. All’epoca i miei figli erano piccoli e per intrattenerli inventavo per loro delle fiabe che poi trascrivevo, ma la cosa iniziava a starmi stretta. Avevo bisogno di un po’ d’evasione. Il pretesto me l’offrì mio cognato, provocandomi in questo modo: “Non è ora che la smetti di scrivere storie per bambini e ti cimenti in qualcosa di più piccante?”

Fu così che iniziai a scrivere “Una vita in più” in cui si narra di un trentenne che perde la testa per un’affascinante quarantenne in carriera, sposata e con figli: la mia fantasia d’evasione! Naturalmente, non è stato per niente facile: essere una buona lettrice non è sufficiente per diventare una scrittrice. Infatti, da quella prima versione, il romanzo è molto cambiato, grazie, soprattutto, agli insegnamenti di scrittrici più esperte, alla “lettura approfondita” di Simona Liubicich, come l’ha definita lei (in realtà, è stata molto di più) e ai suoi suggerimenti schietti e generosi.

In conclusione, a distanza di quattro anni da quella prima esperienza, sento di essere in cammino e che la strada è ancora lunga, ma sono comunque soddisfatta dei risultati conseguiti e degli incontri che la scrittura mi ha consentito di fare finora.

Post precedente

Anonima Strega conclude la trilogia "Le Spose della Notte"

Post successivo

Un regalo da "Credici" (Keihra Palevi)

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *