Pensieri sparsi

Mannaggia alle stelline!

Ho sempre pensato alle famose/famigerate “tre” stelline come a un giudizio sostanzialmente positivo. Ebbene, come in tante altre faccende, mi sbagliavo. Amazon definisce un libro da tre stelline come “nella media”, una valutazione sconsolante, a mio avviso.

Che fare? No, non parlerò di politica.

Per anni (perché sì, il Blog è nato nel novembre del 2013), abbiamo usato una griglia di valutazione che prevedeva una decisa positività per le tre stelline. Dopo lunghe discussioni, e qualche urlo, lo Staff ha partorito -ok, le donne sono la stragrande maggioranza- queste idee. Che sottopongo al vostro giudizio. Che cosa ne pensate? Vi sembrano corrette? Oppure, avete dei suggerimenti per migliorarle?

Una stellina.  La valutazione è totalmente negativa. Un libro che si distingue per povertà lessicale, refusi, errori ortografici e grammaticali. Trama, ambientazione e personaggi poco credibili / inconsistenti.

Due stelline. La valutazione è negativa. Ci sono alcune delle pecche elencate nella descrizione del giudizio con una stelline. Si intravedono, comunque, alcuni lati positivi.

Tre stelline. La valutazione è complessivamente positiva. Un libro che presenta qualche pecca, ma non tale da invalidare il piacere della lettura. I lati positivi superano di gran lunga quelli negativi.

Quattro stelline. La valutazione è positiva. Un libro che ha soddisfatto il lettore, nonostante qualche piccola pecca (refusi).

Cinque stelline. La valutazione è decisamente positiva. Un bel libro, che è piaciuto al lettore e che non presenta pecche.

A parte la discussione su queste benedette stelline, vorrei far notare che i recensori del Blog adoperano anche la mezza stellina. Un po’ complicata da sistemare su Amazon, ma importante per l’autore ed il lettore.

Adesso, la palla passa a voi!

Post precedente

La Fiera - dona quello che vuoi

Post successivo

Reazioni, di Milena Cazzola

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

2 Commenti

  1. Valentina
    28 ottobre 2016 at 8:41 — Rispondi

    Sono d’accordo con questo articolo. Da blogger e da lettrice ho sempre valutato le tre stelline un voto positivo. Vero anche, che le mezze stelline che usiamo sui blog aiutano, cosa che non c’è nè su Amazon nè su Goodreads (che io abitualmente uso). Io nella valutazione conteggio anche ciò che trasmette un libro. Ad esempio: un libro senza nessuna pecca (refusi) bello, ma il cui finale non mi ha convinto o alcune cose non le ho trovate approfondite a sufficienza mentre avrebbero dovuto esserlo mi scende un po’ come valutazione, perciò magari invece delle cinque stelline gliene do solo quattro. Che Amazon consideri tre stelline un voto negativo mi sembra controcorrente, visto che la stragrande maggioranza dei lettori lo considera un voto positivo. Forse Amazon dovrebbe adeguarsi al suo bacino d’utenza, no?

    • Babette Brown
      28 ottobre 2016 at 12:17 — Rispondi

      Lo penso anch’io. Fatto sta che, ogni volta che devo assegnare tre stelline, entro in crisi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *