L'angolo di MaddalenaRecensioni

Maddalena Cafaro: recensione di “Talon”, di Julie Kagawa

Titolo: Talon (The Talon Saga #1).
Autore: Julie Kagawa.
Editore: Harlequin Mondadori.
Genere: fantasy.
Pagine: 475.
Prezzo: € 16,00.

http://www.amazon.it/Talon-Versione-italiana-Julie-Kagawa-ebook/dp/B015DGTG0A/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1444979645&sr=8-1&keywords=talon

Julie Kagawa è un’autrice di fama internazionale, spesso nelle classifiche del New York Times e di USA TODAY. Il suo primo libro The Iron King ha vinto il premio RITA Award nella categoria young adult. Nata a Sacramento in California ha vissuto per diversi anni alle Hawaii. Attualmente vive a Louisville, Kentucky.

Ci fu un tempo in cui i draghi furono cacciati fino quasi all’estinzione dai cavalieri dell’Ordine di San Giorgio. Da allora, nascosti sotto sembianze umane, i draghi di Talon sopravvissuti al massacro si sono moltiplicati e hanno acquisito maggiore forza e astuzia nel corso dei secoli: non manca molto a quando saranno pronti a diventare i padroni del mondo, senza che gli esseri umani nemmeno se lo immaginino. Ember e Dante Hill sono gli unici esemplari di draghi fratello e sorella, addestrati per infiltrarsi nella società degli uomini. Ember non vede l’ora di vivere come una teenager qualunque e godersi quell’unica estate di libertà che le sarà concessa, prima di ricoprire il ruolo a lei destinato dentro il regno di Talon. Ma l’Ordine è sulle loro tracce per terminare quanto non era stato fatto nel passato: annientarli tutti. Il cacciatore di draghi Garret Xavier Sebastian, però, non può uccidere, a meno che non sia sicuro di aver trovato la propria preda. E niente è certo quando si tratta di Ember Hill.

“Quando chinai il capo, tutto – qualsiasi dubbio, paura, preoccupazione – si dissolse e io divenni consapevole solo del calore che saliva in superficie, del drago che finalmente tornava in libertà. (…) Con un mormorio e un grido di dolore, finalmente mi liberai del mio debole corpo umano e lasciai che la mia vera forma si snodasse come una molla.”

Ember Hill è un’adolescente piena di vita, esuberante, forte e spericolata. Il perché non è da cercare solo negli ormoni impazziti ma anche, e soprattutto, nel fatto che lei e suo fratello gemello sono dei draghi. Draghi veri, cuccioli del peso di duecento chili, con artigli e squame, che come i loro simili hanno imparato l’arte della metamorfosi per poter sopravvivere alla persecuzione portata avanti dai membri dell’Ordine di San Giorgio, il cui unico scopo è lo sterminio della razza.

Ember e Dante sono le due facce della stessa moneta; Kagawa è stata  bravissima nell’esaltarne le diversità caratteriali, vi ritroverete a parteggiare per l’uno o per l’altra; inoltre, l’autrice descrive benissimo la fase in cui le strade dei fratelli, anche quelli molto legati, si dividono.

Garret è il soldato perfetto che si ritrova a vivere come un adolescente, con tutto il dilemma interiore che ne deriva quando sospetta che Emma sia una “dormiente”, il drago che lui dovrebbe uccidere.

“Ember? Scossi la testa, arrabbiato con me stesso. Avevo pensato a quella ragazza quasi tutto il giorno. (…) Non mi piacque quell’eccitazione improvvisa, la speranza che il primo civile incontrato per strada potesse essere la ragazza dai capelli rossi che avevo conosciuto il pomeriggio prima.”

Anche i personaggi secondari sono ben caratterizzati e riescono a dare uno spessore importante a tutta la storia.

La trama in sé mi ha ricordato vagamente la serie Lux di Jennifer Armentrout, con la sempiterna contrapposizione tra bene e male, anche se in questo caso il confine è talmente labile da non permettere la certezza di chi sia cosa. La lettura scorre veloce e tiene incollati alle pagine, e il punto di vista alternato tra Ember, Garret e Riley dà al lettore una visione a trecentosessanta gradi.

Chi è Riley? Non ve ne ho parlato? Allora non vi resta che leggere Talon.

Voto: 4 stelline.

Post precedente

L'Artiglio Rosa del 17 ottobre

Post successivo

Cinzia La Commare presenta "Ad un bivio tra me e te"

Maddalena Cafaro

Maddalena Cafaro

2 Commenti

  1. Macrina
    18 ottobre 2015 at 10:01 — Rispondi

    Interessante. Alcuni dubbi:
    1) Non credevo che Harlequin si occupasse di fantasy. Si tratta di fantasy erotico?
    2) Il prezzo mi sembra un po’ alto per una collana che si vende in edicola. Come mai? Si tratta di una nuova serie? Chiedo Lumi.

    • Babette Brown
      18 ottobre 2015 at 12:48 — Rispondi

      Risponde Maddalena Cafaro: Ciao Macrina Mirti. Con il marchio Harlequin Mondadori stanno pubblicando urban fantasy non erotici, molto adatti a un pubblico ya. Stanno ampliando la loro linea editoriale. Questi non sono i classici romanzi che trovi in edicola, ma cartonati reperibili in tutte le librerie.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *