L'angolo di MaddalenaRecensioni

Maddalena Cafaro legge Kirsty Moseley

Titolo: Il ragazzo che entrò dalla finestra e si infilò nel mio letto.
Autore: Kirsty Moseley.
Editore: Newton Compton Editori.
Pagine: 346.
Prezzo: euro 3,99 (ebook); euro 4,90 e 9,90 (copertina rigida).

http://www.amazon.it/ragazzo-finestra-infil%C3%B2-eNewton-Narrativa-ebook/dp/B00MI7O8CY/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1446452583&sr=8-1&keywords=il+ragazzo+che+entr%C3%B2+dalla+finestra+e+si+infil%C3%B2+nel+mio+letto

Kirsty Moseley è sempre stata un’appassionata lettrice, fin da bambina, quando passava le notti a divorare libri, anche se il giorno a scuola faticava a rimanere sveglia. Il suo romanzo d’esordio, “Il ragazzo che entrò dalla finestra e si infilò nel mio letto”, è stato scelto da Goodreads come uno dei migliori libri dell’anno; pubblicato da Newton Compton nel 2015, è rimasto a lungo in classifica. Con “Mi sono innamorata del mio migliore amico”, Moseley ha iniziato una nuova serie di romanzi, il cui secondo episodio è appena uscito nel Regno Unito. Vive a Norfolk, in Inghilterra con il marito e il figlio. Per saperne di più www.kirstymoseley.com

Amber Walker e suo fratello maggiore, Jake, hanno un padre violento. Una notte Liam, il migliore amico di Jake, la vede piangere, si arrampica attraverso la finestra della sua camera da letto ed entra per consolarla. Dopo quella prima sera il rapporto tra Amber e Liam cambia: pian piano l’innocenza e l’amicizia lasciano il posto all’attesa, ai malintesi e alle scintille. Liam passa da una ragazza all’altra, mentre Amber – ancora emotivamente segnata dagli abusi subiti per mano di suo padre – preferisce concentrarsi sulla scuola, la danza e le amiche. Ma tra loro due la passione cresce in fretta e anche se il loro rapporto è da sempre basato sull’amicizia, quando Amber inizia a guardare il suo migliore amico sotto un’altra prospettiva saranno fuochi d’artificio! E come reagirà Jake, da sempre iperprotettivo nei suoi confronti, quando scoprirà che la relazione tra i due sta diventando qualcos’altro?

Alla vigilia dell’uscita del nuovo romanzo autoconclusivo di Kirsty Moseley “Mi sono innamorata del mio migliore amico”, ho riletto con molto piacere l’opera prima di questa autrice inglese che ha fatto tanto parlare di sé.
Lo avete amato, lo avete odiato, ma di sicuro ne avrete parlato. “Il ragazzo che entrò dalla finestra e si infilò nel mio letto” è stato il caso editoriale di inizio 2015. L’autrice è riuscita a intrecciare un argomento scottante come lo sono le molestie sessuali e la violenza domestica, da parte di un genitore, con una storia d’amore dolce e con il sapore d’altri tempi.
Tre personaggi dalle personalità forti e volitive, con una storia alle spalle che si evidenza in ogni loro gesto e parola. Amber Walker, amante della danza ma con una forte idiosincrasia per i contatti fisici con le altre persone, eccezione fatta per Liam. Liam il donnaiolo, il superficiale, il ragazzo sempre pronto alla battuta, ma che ogni sera si infila nel letto di Amber per tenere lontano i suoi incubi, il ragazzo che veglia sul suo angelo con quei piccoli gesti che scaldano il cuore. Infine Jack, il fratello maggiore iperprotettivo pronto a picchiare il padre a sangue quando scopre quello che stava facendo alla sorella, l’uomo di casa, il ragazzo che a quindici anni prende su di sé una responsabilità enorme e la porta negli anni successivi con forza e determinazione.
Tre adolescenti che affrontano una situazione difficile, ma che vi tengono testa senza dimenticare di vivere o di amare, perché in determinate situazioni la voglia di dimenticare se stessi e il proprio dolore può sopraffare tutto ciò che ci circonda.
L’unico aspetto che non condivido è il messaggio finale che l’autrice manda, sono profondamente convinta che certe situazioni di violenza familiare debbano essere sempre e comunque perseguite dalla legge.
In sintesi devo dire di averla trovata una lettura scorrevole, vestita di tinte ironiche e dolorose, ma che non cessa di tenere incollati sino alla fine.
Voto: 4/5.

Post precedente

Victorian Vigilante: recensione di Federica D'Ascani

Post successivo

Simona Liubicich legge "Maschere veneziane"

Maddalena Cafaro

Maddalena Cafaro

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *