Pensieri sparsi

Linnea Nilsson: provocazione n° 5

Mi sono data all’eroina.
No, non fraintendetemi, intendevo dire che proprio ieri ho finito di leggere un libro e c’era una protagonista di carattere. Come mi accade di solito, la mente ha iniziato a vagare e mi sono ricordata delle varie eroine che hanno punteggiato la mia esistenza. Biancaneve, Elettra (nei vari gusti e sapori) Beatrice, Anna Karenina, e così via.

Viene da pensare, magari anche sognarci sopra. Dio come sarebbe bello se la mia vita fosse quella di un’eroina, invece di starmene qui a somministrare antibiotici a canarini, e infilare braccia nel culo di una vacca con l’influenza. Perché poi è questa la mia vita, dovermi alzare ogni santo giorno che viene mandato in terra e fare le stesse cose. Dar da mangiare a un figlio che, lo so già, avrà un futuro precario, dovermi svegliare accanto a un tizio che faccio finta di conoscere da anni e, di tutta fretta, andare allo studio perché c’è sempre qualche cazzo di emergenza con un padrone che tratta un animale meglio che un umano, salvo poi dimenticarsi delle cose basilari. Bella poi, quest’idea del padrone. In una vita in cui non siamo padroni di nulla, non del tempo, del nostro lavoro, nemmeno di andare a pisciare quando ci pare e piace o dormircene tutto il santo giorno… di una cosa siamo padroni. Di un animale. Avessero un po’ più di intelletto e ci vedessero veramente per quello che siamo se ne scapperebbero a gambe levate. A volte, vedendo certi padroni, verrebbe veramente la voglia di aprire la porta sul retro e dire “va’, fuggi nei boschi.”
Come oggi per esempio. Questa coppia arriva tutta di fretta con un barboncino che sembra appena uscito dal salone di bellezza dei fratelli Bundi (se sono ancora vivi) o da un concorso cinofilo e si ritrova con un pezzo d’osso nella gola. Si scoprirà poi essere un avanzo di cibo, uno stinco di agnello. Sarebbe potuta crepare, la bestiola. Ma quando cazzo la capiscono che gli ossi ai cani non vanno dati. Si spezzano, diventano lame.
Poi ci sono le varie visite alle fattorie. Cavalli, agnellini da far nascere, la mucca che ha l’infezione. E finito il giro si ritorna a casa a preparare la cena e farsi stordire dalla televisione. Questa sera almeno danno “Il Diavolo veste Prada” e se non c’è la partita di coppa magari riesco pure a dargli una sbirciata. Mi sono sempre chiesta chi è l’eroina in quel caso: la buona Andrea Sachs, che si fa in quattro per una carriera a scapito di amori e amicizie o la Miranda Priestly che si fa in quattro per una carriera a scapito di amori e amicizie?
Si lo so, ho ripetuto il concetto. E’ la scelta finale che fa la differenza e si intravede poi che, scegliendo l’amore, poi tutto si risolve. Si salvano gli affetti, si riesce comunque a fare una vita piena, insomma andrà tutto bene.
Nella realtà non succede. Succede invece che si passa una vita a mandare fuori curriculum, ci si deve umiliare per uno straccio di lavoro che paghi quasi abbastanza per tirare avanti e litigare puntualmente a fine mese quando i soldi sono finiti. Scusate, ma la realtà è una vita di merda, fatta di sgobbo, piatti da lavare, pappette per bambini che gridano come pazzi, scoregge, tubi del dentifricio chiusi malamente. Magari la vera eroina è la Miranda; farà una vita del cavolo pure lei, ma almeno da qualche parte è arrivata.
E allora quali sono le caratteristiche di una vera eroina?
Non saprei, forse quella di farci credere che c’è sempre la possibilità di una vita migliore, che a scegliere il giusto alla fine si vince sempre, arriverà l’amore e tutto andrà a posto come per magia. Che un romanzo serva a farci sognare passi, ma che ci dipinga una realtà che non ha né capo né coda, che è pura fantasia questo proprio non lo tollero. Ci vorrebbe un bel disclaimer all’inizio che non solo avverta che la storia è pura finzione ma che anche ci metta in guardia dai pericoli del leggerla. Certe storie d’amore mi ricordano i vecchi flipper. Ma i flipper, come certi romanzi, insegnano a perdere. Si potrà fare pure il record e divertirsi un intero pomeriggio, ma alla fine si perde. E se una storia non ha il senso della realtà, beh, anche quella insegna a perdere. Nella vita di tutti i giorni.
Non siamo altro che drogati, e ogni giorno abbiamo bisogno della nostra dose, perché è uno dei pochi piaceri che ci è rimasto. In una giornata di rimproveri dal capo, di un lavoro che non sopportiamo più, di una vita spesa a cercare di toglierci dalla melma, l’unico rimedio è quello di consegnarci all’eroina.
E imbambolarci.

Post precedente

Chiara Cilli ci parla di "Soffocami", il suo Dark Contemporary Romance

Post successivo

Perché il Bad Boy piace alle donne?

Gli Amici del Mag

Gli Amici del Mag

Sono quelli che scrivono a Babette Brown: "Senti, avrei una cosetta da mandarti. Posso?"
E Babette, fregandosi le mani, incamera e pubblica.

4 Commenti

  1. Amarilli Settantre
    26 agosto 2015 at 9:17 — Rispondi

    Queste provocazioni amare/divertenti sono sempre più interessanti…

    • Babette Brown
      26 agosto 2015 at 10:50 — Rispondi

      Grazie, Amarilli. Apprezzo molto questi testi di Linnea Nilsson. Sono provocatori, qualche volta irritanti, ma sempre divertenti. E spingono a riflettere.

  2. Federica D'Ascani
    26 agosto 2015 at 9:38 — Rispondi

    Detto tra noi il mio gatto torna solo per mangiare…. Mi sa che ha più intelletto di me. In ogni caso non sono molto d’accorso (lo so, lo so, sono una vera rompi) perché gli stessi particolari che vedi come “vita di merda” possono essere quelli che determinano una “vita realizzata” e allora le pappette per i bambini diventano sì stressanti, ma ricordi nostalgici, il dentifricio schiacciato male fonte sì di nervosismo, ma anche di sarcasmo e poi di altro ancora fino a rinnovare quello che ha unito due persone diverse. Sarò inguaribile romantica, ma non per tutti è sempre brutto ciò che accade. E a volte anche i romanzi più irreali dipingono una realtà…

    • Babette Brown
      26 agosto 2015 at 10:51 — Rispondi

      Ripeto un po’ quello che ho scritto nel gruppo “Babette Brown legge per voi” (Facebook): dipende dal momento. Quello che ti sembra terribile adesso, domani sarà un ricordo dolce-amaro, dopodomani sarà qualcosa di cui ridere insieme agli amici.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *